Compliance

“Burnout del diabete”: l’impatto della diagnosi sulla salute mentale

“È un lavoro a tempo pieno che non puoi lasciare. È un peso enorme che non hai chiesto, non ti aspettavi”.

A cui è stato diagnosticato il diabete di tipo 1 all’età di 19 anni, Naomi, ora 33, dice di aver raggiunto un punto in cui semplicemente non poteva più gestire “le sfide fisiche o mentali del diabete”, una condizione nota come “burnout del diabete“.

Circa 250.000 persone in Inghilterra hanno il diabete di tipo 1, il che significa che il corpo non può produrre insulina, l’ormone che controlla i livelli di zucchero nel sangue.

Può portare a danni agli organi, problemi alla vista e, in casi estremi, all’amputazione degli arti.

Ma per molti c’è anche un significativo impatto psicologico dell’apprendimento a gestire la condizione.

Naomi sentiva di non poter più sopportare di testare i suoi livelli di zucchero nel sangue molte volte al giorno per calcolare quanta insulina aveva bisogno di iniettare, anche se sapeva che stava mettendo a rischio la sua salute a lungo termine e si stava mettendo in estremo pericolo, a rischio di sviluppare la . chetoacidosi diabetica (DKA), che può portare al coma.

E si ammalò così tanto che fu ricoverata in un’unità per i disturbi alimentari anche se non stava lottando per mangiare.

Il capo dell’unità, la dottoressa Carla Figueirdo, dice dei suoi pazienti diabetici: “Queste persone sono gravemente malate, gravemente malate.

“Si stanno mettendo in pericolo ogni giorno della loro vita se non prendono la loro insulina.

“Potrebbero morire.”

Il consulente di Naomi al Royal Bournemouth Hospital, la dottoressa Helen Partridge, afferma che l’impatto psicologico di una diagnosi di diabete non dovrebbe essere sottovalutato.

“Devi imparare a conviverci giorno dopo giorno”, dice.

“Non sta andando via, purtroppo.

“E quindi, in realtà, l’aspetto psicologico è enorme”.

“Migliora i risultati”

L’ospedale ospita uno dei due progetti pilota del NHS England che esaminano come trattare i pazienti con diabete di tipo 1 la cui malattia cronica influisce sulla loro salute mentale.

Il prof. Partha Kar, responsabile del diabete al NHS England, afferma: “Il piano a lungo termine del NHS si impegna fortemente a mettere insieme salute mentale e fisica.

“Se affrontiamo questi due insieme, contribuiremo a migliorare i risultati”.

Naomi, che ora ha lasciato l’unità, dice: “Sono davvero grata di essere venuta qui, da com’ero terrorizzata prima”.

“Mi ha salvato la vita”.

“E sono davvero grato alla squadra di operatori che dedicano questo per me e quelli come me”.

‘Scegli la vita’

Il progetto pilota ha aiutato più di 70 persone come Naomi, molte delle quali, afferma il team, non sarebbero state diagnosticate senza di essa

E la stessa Naomi ora si sente in grado di guardare al futuro.

“Anche se non c’è una cura, c’è ancora speranza”, dice, “Spera sempre. E possiamo scegliere la vita ogni giorno.

“Quindi è un’opportunità per scegliere la vita”.


Ho voluto condividere con gli italiani questo percorso di assistenza e testimonianza con la malattia perché so bene che nella vostra millenaria tradizione clinica l’attenzione verso i diabetici tipo 1 è all’avanguardia, specie sul lato della salute mentale e motivazionale, da cui traiamo spunto.

Categorie:Compliance

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.