Educazione

Il diabete di tipo 1 è meno comune e le idee sbagliate abbondano. Eccone cinque

Il diabete di tipo 1 è meno comune e le idee sbagliate abbondano. Eccone cinque

Nell’autunno del 2019, quando mia figlia Casseia Todd ha iniziato a sentirsi non del tutto a posto, l’ha attribuito allo stress. Aveva appena fatto le valigie, si era trasferita da Brooklyn a San Francisco e aveva iniziato un nuovo lavoro. Quando iniziarono a manifestarsi strani sintomi, ognuno fu facilmente attribuito allo sconvolgimento nella sua vita, o liquidato come “non è un grosso problema”.

“Non l’ho nemmeno registrato come qualcosa di medico”, dice ora Casseia. “È solo in retrospettiva, guardando indietro a ciò che stavo vivendo, che posso riconoscere queste cose apparentemente non correlate come sintomi.”

La sua vista peggiorò improvvisamente. Ha iniziato ad avere crampi alle gambe di notte, abbastanza gravi da svegliarla. Doveva urinare più spesso e beveva molta acqua. “Avevo fame tutto il tempo”, ha detto. “Al lavoro, mangiavo regolarmente quattro barrette di cioccolato in un pomeriggio.”

Eppure sembrava che stesse perdendo peso. Era sempre stanca ed è rimasta sorpresa dalla sua debolezza quando ha cercato di aiutare il suo partner a sollevare le scatole del trasloco che stavano disimballando.

Anche quando Casseia finalmente andò dal dottore, il suo medico si concentrò sulle sue palpitazioni cardiache, prescrivendo una batteria di esami del sangue completi quasi come un ripensamento. I suoi laboratori rilevarono un livello di glucosio nel sangue abbastanza alto da mandarla al pronto soccorso non appena i risultati vennero consegnati. Nel giro di poche ore, ha avuto una diagnosi, all’età di 26 anni, di Diabete di tipo 1.

Fino a quando non ho iniziato a cercare i suoi sintomi su Internet quella mattina, non avevo idea che a un adulto potesse essere diagnosticato il diabete di tipo 1.

Secondo un rapporto del Centers for Disease Control and Prevention , 34,2 milioni di americani avevano il diabete nel 2018. Di questi, solo 1,6 milioni erano di tipo 1. Poiché il diabete di tipo 1 è molto meno comune, molte persone hanno idee sbagliate sulla malattia.

Idea sbagliata 1: solo ai bambini viene diagnosticato il diabete di tipo 1.

“Il vecchio nome era diabete giovanile”, afferma Robert Gabbay, direttore scientifico e medico dell’American Diabetes Association . “E ci sono ancora persone che la pensano in questi termini. Ma può svilupparsi a qualsiasi età. ”

In una persona sana, le cellule beta del pancreas producono insulina , che funge da condotto per il glucosio per entrare nelle cellule e essere utilizzato per l’energia. Nel diabete, questo processo si interrompe e il glucosio in eccesso è presente nel sangue. Nel diabete di tipo 2, il corpo diventa resistente all’insulina e non può produrre abbastanza insulina per superare tale resistenza. Nel diabete di tipo 1, una risposta autoimmune attacca le cellule beta del pancreas e alla fine il corpo produce poca o nessuna insulina .

“Perché accade questo? La risposta breve è che non lo sappiamo del tutto “, ha detto Gabbay. La malattia sembra essere in parte genetica e in parte innescata da fattori ambientali non ancora del tutto compresi.

Idea sbagliata 2: sei nato con il diabete di tipo 1.

Sebbene esista un collegamento genetico, il trigger che innesca la risposta autoimmune nel tipo 1 può attivarsi a qualsiasi età. Una volta che la malattia inizia, la diagnosi viene solitamente effettuata entro settimane o mesi. A differenza del diabete di tipo 2, che può svilupparsi lentamente nel corso degli anni, l’insorgenza del diabete di tipo 1 è acuta e drammatica.

Ho chiesto a Gabbay cosa sarebbe potuto succedere se mia figlia non avesse ascoltato il suo corpo e fosse andata dal dottore quando l’ha fatto. La risposta: chetoacidosi diabetica (DKA). La DKA è una condizione che si verifica quando la mancanza di insulina fa sì che il corpo inizi a bruciare i grassi per produrre carburante, rilasciando chetoni che si accumulano nel sangue. “Quando si verifica DKA, può essere fatale”, ha detto. “Anche con il trattamento, le persone che vengono in ospedale – il tasso di mortalità è relativamente alto.”

La conclusione è che se il diabete di tipo 1 non viene diagnosticato o un paziente non ha accesso alla diagnosi e al trattamento, è fatale. Un essere umano non può sopravvivere senza insulina.

Idea sbagliata 3: mangiare troppo zucchero provoca il diabete.

È vero che per il diabete di tipo 2 il sovrappeso e l’inattività sono i principali fattori di rischio, sebbene anche altri fattori giochino un ruolo. Ma una cosa che abbiamo imparato con certezza: né la dieta né l’esercizio fisico svolgono un ruolo nel causare il diabete di tipo 1.

Nuove entusiasmanti ricerche possono alla fine portare alla prevenzione o al rallentamento del progresso del diabete di tipo 1 nelle persone che portano i marcatori genetici. La nostra famiglia si è iscritta a uno studio promosso da  TrialNet , gestito da una rete di ricercatori, tra cui il National Institutes of Health e l’ADA, in cui i familiari delle persone con diabete di tipo 1 vengono sottoposti a screening per gli autoanticorpi associati alla malattia. Quelli con autoanticorpi potrebbero quindi essere arruolati in prove di trattamenti che potrebbero prevenire lo sviluppo del diabete di tipo 1.

Idea sbagliata 4: i diabetici non possono consumare lo zucchero.

A mia figlia, che ha sempre avuto un debole per i dolci, è stata diagnosticata solo pochi giorni prima di Natale. Abbiamo comprato le caramelle senza zucchero dalla sezione “diabetici” del negozio. Ma non abbiamo ancora capito che non era solo il suo apporto di zucchero che doveva monitorare attentamente, ma sono tutti carboidrati. I carboidrati, compreso lo zucchero, si scompongono in glucosio una volta digeriti.

Per una persona con diabete di tipo 1, ogni carboidrato deve essere contato e compensato con l’ insulina . È la matematica in cui i diabetici diventano davvero bravi. Se sbagliano, il loro livello di zucchero nel sangue potrebbe diventare troppo alto o troppo basso, entrambi pericolosi.

Idea sbagliata 5: il diabete è “risolvibile”.

Quando l’ insulina è stata scoperta nel 1921, è stato un punto di svolta“, ha detto Gabbay. Ha trasformato il diabete di tipo 1 da una condanna a morte a una malattia cronica. Le persone con diabete di tipo 1 devono iniettarsi l’ insulina ogni giorno per vivere, rendendo l’accesso all’insulina una questione di vita o di morte.

I progressi nella tecnologia come i monitor del glucosio continuo e le pompe per insulina hanno semplificato la convivenza con il diabete. Ma rimane un enorme fardello mentale e fisico assumersi il lavoro del pancreas giorno dopo giorno.

“Quando mi è stata diagnosticata la prima volta, sembrava che il mio corpo mi avesse tradito”, dice Casseia. Ma per lei, il ruolo attivo che deve svolgere nella gestione della sua malattia ha aiutato. “Il tuo endocrinologo, il tuo team di assistenza sanitaria, sono una risorsa”, dice. “Ma alla fine, questa è una malattia che gestirai da solo. Capirai cosa funziona per te. Sì, ha un po’ paura, ma dà anche forza”.

 

Categorie:Educazione

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.