Mangiare e bere

Cibo spazzatura legato a problemi di sonno negli adolescenti

Uno studio condotto dall’Università del Queensland ha scoperto che mangiare troppo cibo spazzatura è stato collegato alla scarsa qualità del sonno negli adolescenti.

Il professor Asad Khan, ricercatore della UQ School of Health and Rehabilitation Sciences, ha affermato che il consumo frequente di bevande analcoliche e fast food è fortemente associato a disturbi del sonno negli adolescenti di tutto il mondo.

Pubblicità e progresso

“Questo è il primo studio per esaminare diete malsane e disturbi del sonno legati allo stress su scala globale negli studenti delle scuole superiori di 64 paesi”, ha detto il dottor Khan.

“Complessivamente, il 7,5 per cento degli adolescenti ha riportato disturbi del sonno legati allo stress, che era più comune tra le femmine rispetto ai maschi.

“I disturbi del sonno aumentavano con il consumo più frequente di bibite gassate, che spesso contengono caffeina, e / o cibi veloci, che sono tradizionalmente densi di energia e poveri di nutrienti.

“Gli adolescenti che bevevano più di tre bevande analcoliche al giorno avevano probabilità del 55% in più di segnalare disturbi del sonno rispetto a quelli che bevevano solo una bevanda analcolica al giorno.

“I maschi che mangiavano fast food per più di quattro giorni alla settimana avevano probabilità del 55% in più di segnalare disturbi del sonno rispetto a coloro che mangiavano fast food solo una volta alla settimana, mentre le probabilità erano più alte del 49% nelle donne.

“Il consumo frequente di bevande analcoliche più di tre volte al giorno e fast food più di quattro giorni alla settimana, sono stati significativamente associati a disturbi del sonno in tutti i paesi tranne che a basso reddito”.

I dati sono stati raccolti dai sondaggi sanitari basati sulle scuole globali dell’Organizzazione mondiale della sanità tra il 2009 e il 2016, che includevano 175.261 studenti di età compresa tra 12 e 15 anni provenienti da 64 paesi a basso, medio e alto reddito in tutto il Sud-est asiatico, Africa, parti del Sud America e il Mediterraneo orientale.

“Gli adolescenti nei paesi ad alto reddito avevano la più alta associazione tra l’assunzione frequente di bevande analcoliche e disturbi del sonno”, ha detto il dottor Khan.

“Le donne in questi paesi hanno mostrato la più grande connessione tra mangiare regolarmente cibi veloci e problemi di sonno.

“Gli adolescenti nell’Asia meridionale hanno mostrato un’elevata connessione tra il consumo di bevande analcoliche e disturbi del sonno, mentre quelli nella regione del Pacifico occidentale hanno mostrato il più grande legame tra il consumo di bevande analcoliche e fast food e problemi di sonno”.

Il dottor Khan ha detto che i risultati sono stati di particolare preoccupazione poiché il sonno di scarsa qualità ha avuto un impatto negativo sul benessere degli adolescenti e sullo sviluppo cognitivo.

“Il targeting di questi comportamenti malsani deve essere una priorità delle politiche e della pianificazione”, ha detto.

“Le strategie devono essere personalizzate e adattate ai diversi paesi o regioni per soddisfare le loro esigenze locali.

“Poiché i disturbi del sonno legati allo stress erano più comuni tra le ragazze rispetto ai ragazzi, le ragazze dovrebbero essere un gruppo target prioritario per gli interventi associati che potrebbero mirare alla gestione dello stress e alla qualità del sonno.

“La creazione di ambienti scolastici per limitare l’accesso a bibite gassate e fast food e l’introduzione di una tassa sullo zucchero per ridurre le vendite di bevande analcoliche può essere utile.

“La famiglia può anche essere determinante nella promozione di un’alimentazione sana poiché l’adozione e il mantenimento dei comportamenti dietetici dei bambini sono influenzati dal loro ambiente familiare”.


Ulteriori informazioni: Asaduzzaman Khan et al. Associazione di bibite gassate e assunzione di fast food con disturbi del sonno legati allo stress tra gli adolescenti: una prospettiva globale da 64 paesi, EClinicalMedicine (2020). DOI: 10.1016 / j.eclinm.2020.100681