Compliance

I bambini autocontrollati tendono ad essere adulti di mezza età più sani

https://www.instagram.com/meanxshadows/

Photo by Taylor on Unsplash

DURHAM, NC – L’autocontrollo, la capacità di contenere i propri pensieri, sentimenti e comportamenti e di lavorare per obiettivi con un piano, è uno dei tratti della personalità che rende un bambino pronto per la scuola. E, a quanto pare, anche pronto per la vita.

In un ampio studio che ha monitorato un migliaio di persone dalla nascita all’età di 45 anni in Nuova Zelanda, i ricercatori hanno stabilito che le persone che avevano livelli più elevati di autocontrollo da bambini stavano invecchiando più lentamente rispetto ai loro coetanei all’età di 45 anni. più sano e biologicamente più giovane.

Pubblicità e progresso

Nelle interviste, il gruppo di autocontrollo superiore ha anche dimostrato di essere meglio equipaggiato per gestire anche le sfide sanitarie, finanziarie e sociali della vita successiva. I ricercatori hanno utilizzato interviste strutturate e controlli del credito per valutare la preparazione finanziaria. I partecipanti ad alto autocontrollo nell’infanzia hanno espresso opinioni più positive sull’invecchiamento e si sono sentiti più soddisfatti della vita nella mezza età.

“La nostra popolazione sta invecchiando e vive più a lungo con malattie legate all’età”, ha detto Leah Richmond-Rakerd, assistente professore di psicologia presso l’Università del Michigan, che è il primo autore dello studio. “È importante identificare i modi per aiutare le persone a prepararsi con successo per le sfide della vita successiva e vivere più anni senza disabilità. Abbiamo scoperto che l’autocontrollo nei primi anni di vita può aiutare le persone a prepararsi per un invecchiamento sano”.

I bambini con un migliore autocontrollo tendevano a provenire da famiglie finanziariamente più sicure e avevano un QI più elevato. Tuttavia, i risultati di un invecchiamento più lento all’età di 45 anni con un maggiore autocontrollo possono essere separati dallo stato socioeconomico e dal QI dell’infanzia. Le loro analisi hanno mostrato che l’autocontrollo era il fattore che faceva la differenza.

E l’infanzia non è un destino, fanno subito notare i ricercatori. Alcuni partecipanti allo studio avevano spostato i loro livelli di autocontrollo da adulti e avevano migliori risultati di salute rispetto a quelli che le valutazioni dell’infanzia avrebbero previsto.

Si può anche insegnare l’autocontrollo ei ricercatori suggeriscono che un investimento sociale in tale formazione potrebbe migliorare la durata e la qualità della vita, non solo durante l’infanzia, ma forse anche nella mezza età. Ci sono ampie prove che il cambiamento dei comportamenti nella mezza età (smettere di fumare o riprendere esercizio fisico) porta a risultati migliori.

“Tutti temono una vecchiaia malata, povera e solitaria, quindi invecchiare bene richiede che ci prepariamo, fisicamente, finanziariamente e socialmente”, ha detto Terrie Moffitt, professore di psicologia e neuroscienze alla Duke di Nannerl O. Keohane, e per ultimo autore sulla carta. “Abbiamo scoperto che le persone che hanno usato l’autocontrollo fin dall’infanzia sono molto più preparate per l’invecchiamento rispetto ai loro coetanei della stessa età”.

Lo studio appare la settimana del 4 gennaio in Proceedings of the National Academy of Sciences.

Il Dunedin Multidisciplinary Health and Development Study, con sede in Nuova Zelanda, ha monitorato queste persone sin dalla nascita nel 1972 e 73, sottoponendole a una serie di valutazioni psicologiche e sanitarie a intervalli regolari da allora, l’ultima delle quali all’età di 45 anni.

L’autocontrollo infantile è stato valutato dagli insegnanti, dai genitori e dagli stessi bambini all’età di 3, 5, 7, 9 e 11 anni. I bambini sono stati misurati per l’aggressività impulsiva e altre forme di impulsività, iperattività, perseveranza e disattenzione.

Dai 26 ai 45 anni, i partecipanti sono stati anche misurati per i segni fisiologici dell’invecchiamento in diversi sistemi di organi, incluso il cervello. In tutte le misure, un maggiore autocontrollo infantile era correlato a un invecchiamento più lento.

Le persone con il massimo autocontrollo hanno dimostrato di camminare più velocemente e hanno anche volti dall’aspetto più giovane all’età di 45 anni.

“Ma se non sei ancora pronto per l’invecchiamento, i tuoi 50 anni non sono troppo tardi per prepararti”, ha aggiunto Moffitt.

Categorie:Compliance

Con tag:,