Vista e dintorni

#T1D: le scansioni oculari di routine possono fornire indizi sul declino cognitivo nel diabete

Esame oftalmologico del paziente con diabete

Nelle persone anziane con diabete di tipo 1, il danno alla retina può essere collegato a problemi di memoria e ad altre condizioni cognitive.

BOSTON – (5 gennaio 2021) – Con l’avanzare dell’età, le persone con diabete hanno maggiori probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer e altri disturbi cognitivi rispetto alle persone senza diabete. Gli scienziati del Joslin Diabetes Center hanno ora dimostrato che l’imaging oculare di routine può identificare i cambiamenti nella retina che possono essere associati a disturbi cognitivi nelle persone anziane con diabete di tipo 1.

Pubblicità e progresso

Questi risultati possono aprire un metodo relativamente semplice per la diagnosi precoce del declino cognitivo in questa popolazione, fornendo modi migliori per comprendere, diagnosticare e infine trattare il declino, ha affermato George L. King, MD, Chief Scientific Officer di Joslin e autore senior in un articolo. sullo studio nel Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism.

Ricerche precedenti avevano dimostrato un’associazione tra retinopatia diabetica proliferativa (PDR, una complicanza del diabete che può danneggiare gravemente la vista) e deterioramento cognitivo nelle persone con diabete di tipo 1. “Poiché sapevamo che c’erano cambiamenti cellulari nella retina che potrebbero riflettere cambiamenti nel cervello, eravamo interessati a vedere se le tecniche di imaging che visualizzano quei cambiamenti nella retina potessero riflettere i cambiamenti nelle funzioni cognitive”, ha detto Ward Fickweiler, MD , un borsista postdottorato Joslin e primo autore della carta.

Gli scienziati hanno utilizzato scansioni oculari raccolte di routine dai pazienti come parte della normale cura della vista presso il Beetham Eye Institute di Joslin. Una serie di scansioni era basata sulla tomografia a coerenza ottica (OCT, una tecnica che utilizza la luce per fornire sezioni trasversali della retina). Una seconda serie di scansioni utilizzava l’angiografia OCT (OCTA, un’estensione della tecnologia OCT che esamina i vasi sanguigni nella retina). Entrambi i tipi di scansioni sono non invasivi e ampiamente disponibili nelle cliniche oculistiche negli Stati Uniti e possono essere eseguiti in pochi minuti.

Lo studio ha arruolato 129 partecipanti al Joslin Medalist Study, che esamina i risultati tra le persone che hanno avuto il diabete di tipo 1 per 50 anni o più. Questi volontari hanno svolto una serie di test cognitivi che includevano compiti di sondaggio della funzione della memoria e della velocità psicomotoria (valutando il tempo necessario per disporre gli oggetti a mano).

Sorprendentemente, i ricercatori hanno trovato associazioni molto forti tra le prestazioni sui compiti di memoria e i cambiamenti strutturali nelle reti dei vasi sanguigni profondi nella retina. “La memoria è il principale compito cognitivo che è influenzato dalla malattia di Alzheimer e dal declino cognitivo, quindi è stato emozionante”, ha detto Fickweiler.

Il team Joslin ha anche scoperto forti associazioni tra PDR e velocità psicomotoria. Questa scoperta ha rafforzato i risultati precedenti che erano stati identificati in un gruppo più piccolo di Joslin Medalists e ha fornito dettagli sui cambiamenti correlati nella struttura retinica. Inoltre, i ricercatori hanno visto che il PDR era associato alle prestazioni della memoria nel gruppo più ampio di medagliati.

Mentre questi risultati devono essere confermati in indagini cliniche più ampie, gli esami oculistici di routine sembrano rilevare i cambiamenti cognitivi che si verificano nelle persone con diabete, ha detto Fickweiler.

Attualmente, altri modi per rilevare condizioni come il morbo di Alzheimer come le scansioni MRI sono difficili e costosi. Le persone in genere vengono testate solo quando mostrano sintomi di declino cognitivo e i trattamenti in quella fase generalmente non offrono molto aiuto.

“Se è possibile rilevare la condizione in una fase precedente, quando sono ancora asintomatici, ciò potrebbe avvantaggiare i pazienti”, ha detto Fickweiler. Una diagnosi precoce potrebbe anche aiutare la ricerca per sviluppare terapie migliori per le malattie neurocognitive.

Il team di Joslin prevede di lanciare uno studio prospettico più ampio per confermare il potenziale dell’imaging dell’occhio di cogliere segni di declino cognitivo nel tempo. Questa ricerca includerà persone con diabete di tipo 1 che sono più giovani e non hanno avuto la malattia per tutto il tempo che hanno ottenuto la medaglia. Gli scienziati analizzeranno anche le immagini del cervello MRI e campioni di cervello post-mortem donati dai Medalists.

Inoltre, i ricercatori cercheranno meccanismi comuni che possono infliggere danni ai tessuti del cervello e della retina, che condividono gran parte dei loro primi percorsi di sviluppo embrionale. I probabili sospetti nelle persone con diabete includono vasi sanguigni alterati e livelli alti o bassi di glucosio nel sangue. L’autoimmunità che guida il diabete di tipo 1 potrebbe anche infliggere altre forme di danno, ha detto King.

In particolare, i Joslin Medalists spesso mostrano livelli relativamente bassi delle complicanze che possono affliggere quelli con diabete di tipo 1 a lungo termine. Ad esempio, quasi la metà delle medaglie non sviluppa malattie oculari avanzate e solo una delle 129 medaglie nello studio della scansione oculare potrebbe avere la malattia di Alzheimer. “È possibile che in Medalists, un meccanismo condiviso altera la progressione delle prime fasi della neurodegenerazione retinica e cerebrale, e fornisce protezione contro PDR e morbo di Alzheimer”, ha ipotizzato Fickweiler.

Oltre al lavoro di follow-up nel diabete di tipo 1, King e il suo team hanno in programma di eseguire uno studio simile per le persone con diabete di tipo 2. La PDR è anche associata al declino cognitivo in questo gruppo molto più ampio di pazienti, che ricevono anche scansioni oculari OCT e OCTA come parte della loro regolare cura della vista.