Comunicazione

Violenza: un medico su quattro ha subito aggressioni e molestie sui social media

Mentre molti medici traggono vantaggio dai social media collegandosi con potenziali collaboratori o interfacciandosi con i pazienti, un nuovo studio della Northwestern University e dell’Università di Chicago ha scoperto che molti medici riferiscono anche di essere stati molestati sessualmente e attaccati personalmente su queste piattaforme sulla base della loro religione, razza. o raccomandazioni mediche.

Sebbene i dati siano stati raccolti prima dell’epidemia di COVID-19, i risultati evidenziano l’intensità delle molestie online prima della pandemia, che si è solo intensificata dalla primavera, hanno detto gli autori dello studio.

“Semmai, i nostri dati sono probabilmente una sottostima della reale portata degli attacchi e delle molestie post-pandemiche da quando così tanti medici hanno iniziato a sostenere misure di salute pubblica durante la pandemia e sono stati accolti con una popolazione sempre più polarizzata incoraggiata da una leadership che svaluta la scienza e fatti “, ha detto l’autore senior e corrispondente Dr. Vineet Arora, assistente decano per borsa di studio e scoperta presso la Pritzker School of Medicine dell’Università di Chicago.

Lo studio è stato pubblicato il 4 gennaio su JAMA Internal Medicine .

Questo è il primo studio noto per descrivere le esperienze dei medici con molestie online. È emerso che un medico su quattro riferisce di essere stato attaccato personalmente sui social media , tra cui essere bloccato da recensioni negative, ricevere molestie e minacce coordinate sul lavoro e condividere pubblicamente le proprie informazioni personali . Alcuni attacchi sono stati particolarmente inquietanti, come le minacce di stupro e morte, hanno detto gli autori dello studio.

Le donne sono state colpite in modo sproporzionato da attacchi personali e molestie sessuali , con una donna su sei medici che ha riferito di essere stata molestata sessualmente sui social media.

“Temiamo che questo ambiente emotivamente angosciante guiderà i medici donne fuori dai social media, che è stato ben documentato come un utile strumento di avanzamento di carriera”, ha detto la prima autrice Tricia Pendergrast, studentessa di medicina del secondo anno presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine. “Le donne in medicina hanno già meno probabilità di ricoprire posizioni di leadership o essere prime o ultime autrici di ricerche, quindi astenersi in modo sproporzionato da una piattaforma utilizzata per la collaborazione e il networking a causa di molestie sessuali e attacchi personali dovrebbe essere motivo di preoccupazione”.

I medici dovrebbero essere supportati online come messaggeri fidati, hanno detto gli autori dello studio. Lo studio evidenzia la necessità per le istituzioni mediche di avere un piano in atto per rispondere a questo tipo di molestie online in modo che le carriere dei medici non siano influenzate negativamente a lungo termine.

“Medici e altri operatori sanitari stanno già affrontando uno stress senza precedenti e sfide di salute mentale dal loro lavoro”, ha detto Arora. “Qualsiasi stress derivante dall’essere online lo aggraverà e li metterà a rischio, soprattutto perché ai medici viene chiesto di essere più espliciti sui social media per promuovere la vaccinazione e altro ancora”.

Per aiutare a diffondere questi tipi di attacchi, Arora ha co-fondato una coalizione di medici e professionisti sanitari in Illinois, l’Illinois Medical Professionals Action Collaborative Team (IMPACT4HC), che riunisce gli operatori sanitari per educare e sostenere soluzioni basate sull’evidenza sul sociale media.

“È molto più facile sostenere i social media come parte di un gruppo”, ha detto Arora. “La cosa bella è che su #medtwitter non sei solo. Ci sono molti che verranno in tuo aiuto. E insieme, non solo abbiamo una voce più forte, ma possiamo sostenerci a vicenda anche se in questo periodo stressante”.

I partecipanti allo studio hanno completato un sondaggio che gli autori dello studio hanno inviato tramite link tracciabili su Twitter tra il 6 febbraio e il 20 marzo 2019. Il sondaggio ha chiesto agli intervistati di rispondere a due domande con sì o no: se fossero mai stati personalmente presi di mira o attaccati sui social media e se fossero mai stati molestati sessualmente sui social media . È stata fornita una casella di testo opzionale per la descrizione di tali incidenti. Delle 1.103 volte che il sondaggio è stato visualizzato, 464 partecipanti (42,1%) che si sono autoidentificati come medici statunitensi hanno completato il sondaggio.

Categorie:Comunicazione

Con tag:,,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.