Comunicazione

I miti sui vaccini sui social media possono essere efficacemente ridotti con un controllo dei fatti credibile

Uno studio della UC Davis ha dimostrato che le persone esposte alle etichette di verifica dei fatti avevano maggiori probabilità di sviluppare atteggiamenti più positivi nei confronti dei vaccini rispetto alla sola disinformazione. L’illustrazione mostra un esempio di un tweet con tag e di un messaggio fittizio su una pagina di Twitter fittizia creata dai ricercatori.

I miti sui vaccini sui social media possono essere efficacemente ridotti con un controllo dei fatti credibile

Pubblicità

Dei semplici tag possono fare la differenza

La disinformazione sui social media può influenzare negativamente l’atteggiamento delle persone riguardo alla sicurezza e all’efficacia dei vaccini, ma organizzazioni credibili – come le università di ricerca e le istituzioni sanitarie – possono svolgere un ruolo fondamentale nello sfatare i miti con semplici tag che si collegano a informazioni fattuali, Università della California, Davis , ricercatori, suggeriscono in un nuovo studio.

I ricercatori hanno scoperto che i tag di verifica dei fatti situati immediatamente sotto o vicino a un post possono generare atteggiamenti più positivi nei confronti dei vaccini rispetto alla sola disinformazione e l’esperienza percepita della fonte fa la differenza. “In effetti, le etichette di verifica dei fatti delle istituzioni sanitarie e delle università di ricerca erano viste come più” esperte “di altre, determinando indirettamente atteggiamenti più positivi nei confronti dei vaccini”, ha detto Jingwen Zhang, assistente professore di comunicazione e autore principale dello studio.

I risultati sono stati pubblicati online mercoledì 6 gennaio sulla rivista Preventive Medicine.

Ha implicazioni per COVID-19

I dati sono stati raccolti nel 2018 – prima della pandemia COVID-19 – ma i risultati dello studio potrebbero influenzare le comunicazioni pubbliche sui vaccini COVID-19, hanno detto i ricercatori.

“La cosa più importante che ho imparato da questo documento è che la verifica dei fatti è efficace … dare alle persone una semplice etichetta può cambiare il loro atteggiamento”, ha detto Zhang. “In secondo luogo, chiedo che più ricercatori e scienziati si impegnino nella sanità pubblica e nelle comunicazioni scientifiche. Dobbiamo essere più proattivi. Non stiamo usando il nostro potere in questo momento”.

Sebbene vi sia un forte consenso nella comunità medica sul fatto che i vaccini siano sicuri, economici e di successo nella prevenzione delle malattie, l’esitazione diffusa sui vaccini è riemersa in molti paesi, afferma lo studio. Gli Stati Uniti hanno dovuto affrontare problemi con una partecipazione al vaccino inferiore a quella preferita per l’influenza e persino il morbillo, che gli esperti medici hanno accusato di un’epidemia di morbillo del 2019. “Poiché sia ??gli individui che i gruppi possono pubblicare disinformazione, come false affermazioni sui vaccini, i social media hanno svolto un ruolo nella diffusione della disinformazione”, ha detto Zhang.

Gli autori dello studio hanno testato gli effetti di semplici etichette di verifica dei fatti con 1.198 persone a livello nazionale che hanno mostrato diversi livelli di esitazione nei confronti del vaccino. Nell’esperimento, i ricercatori hanno utilizzato più messaggi di disinformazione riguardanti cinque tipi di vaccino e cinque categorie di 13 diverse fonti di verifica dei fatti. Hanno evitato qualsiasi spiegazione che ripetesse le false informazioni.

Utilizzando un falso account Twitter, un post, ad esempio, consisteva in una dichiarazione di disinformazione su un vaccino specifico e un’immagine di una bottiglia di vaccino. Diceva: “Secondo un Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti ci sono state 93.000 reazioni avverse al vaccino antinfluenzale dello scorso anno, inclusi 1.080 decessi e 8.888 ricoveri”.

I ricercatori hanno quindi utilizzato etichette di verifica dei fatti alternate da varie fonti nei media, organizzazioni sanitarie come i Centers for Disease Control and Prevention, Johns Hopkins University e algoritmi. Uno ha letto, ad esempio, “Questo post è falsificato. Verificato dai centri per il controllo delle malattie. Scopri perché è stato falsificato”.

I risultati hanno mostrato che coloro che erano esposti alle etichette di verifica dei fatti avevano maggiori probabilità di sviluppare atteggiamenti più positivi nei confronti dei vaccini rispetto alla sola disinformazione. Inoltre, l’effetto delle etichette non è stato moderato dallo scetticismo sul vaccino, dal tipo di disinformazione del vaccino o dall’ideologia politica.

“Quali sono gli approcci più efficaci nel prendere di mira la disinformazione dei vaccini sui social media tra gli utenti che difficilmente visiteranno siti web di verifica dei fatti o si impegneranno con correzioni approfondite?” hanno chiesto i ricercatori nel documento. “Questo progetto mostra che vedere un’etichetta di verifica dei fatti immediatamente sotto un post di disinformazione può rendere gli spettatori più favorevoli ai vaccini”.

Ha spiegato che un tag potrebbe essere semplice come una risposta a un tweet disinformante che spiega che le informazioni sono false e collegamenti a informazioni credibili in un’università o in un sito web istituzionale.

Idealmente, ha detto, il tagging dovrebbe essere fatto da società di social media come Facebook e Twitter. Ha detto che le società di social media stanno lavorando con entità, come l’OMS, per correggere la disinformazione. “Stiamo andando nella giusta direzione, ma deve accadere di più”, ha detto.

###

I coautori dello studio includevano Magdalena Wojcieszak, professore associato di comunicazione, e gli studenti di dottorato Jieyu Ding Featherstone (Dipartimento di comunicazione) e Christopher Calabrese (Dipartimento di scienze della sanità pubblica), tutti della UC Davis.

Link allo studio: https: / www. sciencedirect. com / science / article / abs / pii / S0091743520304394? dgcid = autore

Pubblicità

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.