Mangiare

I segreti per affrontare in modo tonico la colazione, sotto il profilo glicemico, con il T1D

coffee, cup, mug

Photo by kaboompics on Pixabay

Per una colazione ad alto contenuto di grassi e proteine, la somministrazione preprandiale del 125% della dose di insulina migliora le escursioni glicemiche postprandiali nelle persone con diabete di tipo 1 utilizzando più iniezioni giornaliere, all’interno di uno studio incrociato australiano.

L’Australia, agli antipodi da noi, è all’avanguardia nel computo e analisi dell’alimentazione e dell’imnpatto dei nutrienti (proteine e lipidi) sulla curva glicemica verso i diabetici tipo 1. In tal senso l’obiettivo di questo ultimo studio era volto a determinare l’impatto glicemico di una dose maggiore di insulina, dose di insulina frazionata e insulina regolare per una colazione ricca di grassi e ricca di proteine ??nelle persone con diabete di tipo 1 utilizzando più iniezioni giornaliere (?4 / giorno).

Pubblicità e progresso

In questa prova incrociata, i partecipanti hanno ricevuto la stessa colazione ricca di grassi e proteine ??(carboidrati: 30 g, grassi: 40 g, proteine: 50 g) per quattro giorni. Quattro diverse strategie di insulina sono state assegnate e testate in modo casuale; 100% del rapporto insulina / carboidrati (ICR) somministrato in una singola dose utilizzando insulina aspart (100Asp), 125% ICR somministrato in una singola dose utilizzando aspart (125Asp) o insulina regolare (125Reg) e 125% ICR somministrato in una dose frazionata utilizzando insulina aspart (100: 25Asp). L’insulina è stata somministrata 0,25 ore prima del pasto e per 100: 25Asp, anche 1 ora dopo il pasto. Il glucosio del sensore postprandiale è stato misurato per 5 ore.

Allo studio hanno partecipato ventiquattro bambini e adulti. L’area incrementale di 5 ore sotto le curve per 100Asp, 125Asp, 125Reg e 100: 25Asp era 620 mmol / L.min [IC 95%: 451,788], 341 mmol / L.min [169,512], 675 mmol / L.min [ 504,847] e 434 mmol / L.min [259,608] rispettivamente. L’area incrementale di 5 ore sotto la curva per 125Asp era significativamente inferiore a quella per 100Asp (p = 0,016) e per 125Reg (p = 0,002). C’è stato un episodio di ipoglicemia nel 125Reg.

Concludendo: per una colazione ad alto contenuto di grassi e proteine, somministrando il 125% di ICR preprandiale, l’uso di insulina aspart ha migliorato significativamente la glicemia postprandiale senza ipoglicemia. Non c’era alcun beneficio glicemico aggiuntivo dalla somministrazione di insulina in una dose frazionata (100: 25%) o dalla sostituzione dell’aspart con insulina regolare.

Pubblicato su Diabetic Medicine 9 gennaio 2021.