Batticuore

Anche una piccola quantità di alcolici al giorno è collegata ad un aumentato rischio di fibrillazione atriale

Uno studio su quasi 108.000 persone ha scoperto che le persone che bevono regolarmente una modesta quantità di alcol sono a maggior rischio di fibrillazione atriale, una condizione in cui il cuore batte con un ritmo anormale.

Lo studio, pubblicato oggi (mercoledì) sull’European Heart Journal , ha rilevato che, rispetto a non bere affatto alcol, solo una bevanda alcolica al giorno era collegata a un aumento del 16% del rischio di fibrillazione atriale su una media (mediana) follow- tempo di attività di quasi 14 anni. Ciò significa che mentre quattro astemi su 100 potrebbero sviluppare fibrillazione atriale durante il periodo dello studio, cinque su 100 potrebbero sviluppare la condizione se consumassero alcol a partire da poco più di una bevanda alcolica alla settimana e più del 75% di loro consumasse fino a un drink al giorno. I ricercatori hanno classificato una bevanda alcolica come contenente 12 g di etanolo, che è l’equivalente di un bicchiere di vino piccolo (120 ml), una birra piccola (330 ml) o 40 ml di alcolici.

È noto che le persone che bevono molto alcol regolarmente corrono un rischio maggiore di sviluppare insufficienza cardiaca e l’ insufficienza cardiaca può aumentare l’incidenza della fibrillazione atriale. Diversi studi hanno dimostrato un rischio leggermente maggiore di problemi cardiaci per le persone che non bevono mai alcolici; spesso mostrano che questo rischio si riduce per le persone che bevono una quantità modesta, e poi aumenta bruscamente quanto più alcol viene consumato, creando una forma a “J” sui grafici. Fino ad ora non è stato chiaro se questo fosse anche il caso della fibrillazione atriale.

Tuttavia, nell’attuale studio condotto dalla professoressa Renate Schnabel, un cardiologo consulente presso l’University Heart and Vascular Center, Hamburg-Eppendorf (Germania), i ricercatori hanno scoperto che sebbene basse dosi di alcol fossero associate a un rischio ridotto di insufficienza cardiaca rispetto agli astemi , una simile riduzione del rischio a forma di “J” non è stata osservata per la fibrillazione atriale. Ciò suggerisce che l’aumento del rischio di fibrillazione atriale tra le persone che bevono piccole quantità di alcol non è stato innescato da insufficienza cardiaca.

Il Prof. Schnabel ha dichiarato: “Per quanto ne sappiamo, questo è il più grande studio sul consumo di alcol e sull’incidenza a lungo termine della fibrillazione atriale nella comunità. Studi precedenti non hanno avuto abbastanza potere per esaminare questa domanda, sebbene siano stati in grado di mostrare un relazione tra l’assunzione di alcol e altri problemi cardiaci e dei vasi sanguigni, come infarto e insufficienza cardiaca Nel nostro studio, ora possiamo dimostrare che anche un consumo regolare molto basso di alcol può aumentare il rischio di fibrillazione atriale.

“Questi risultati sono importanti in quanto il consumo regolare di alcol, il ‘un bicchiere di vino al giorno’ per proteggere il cuore, come spesso raccomandato ad esempio nella stampa laica, probabilmente non dovrebbe più essere suggerito senza bilanciare rischi e possibili benefici per tutte le malattie del cuore e dei vasi sanguigni, inclusa la fibrillazione atriale. ”

I ricercatori hanno analizzato le informazioni su 107.845 persone che hanno preso parte a cinque studi basati sulla comunità in Svezia, Norvegia, Finlandia, Danimarca e Italia. I partecipanti sono stati sottoposti a esami medici nel momento in cui hanno aderito agli studi tra il 1982 e il 2010 e hanno fornito informazioni sulla loro storia medica, stili di vita (compreso il consumo di alcol e tabacco), occupazione e livelli di istruzione. Un totale di 100.092 partecipanti non avevano fibrillazione atriale quando si sono arruolati e la loro età media era di quasi 48 anni (range 24-97 anni).

Durante il periodo di follow-up mediano di quasi 14 anni, 5.854 persone hanno sviluppato fibrillazione atriale. Le associazioni tra consumo di alcol e rischio di fibrillazione atriale erano simili per tutti i tipi di bevande alcoliche e per uomini e donne.

Oltre all’aumento del 16% del rischio di fibrillazione atriale rispetto agli astemi osservati nelle persone che consumavano solo una bevanda alcolica al giorno, i ricercatori hanno scoperto che il rischio aumentava con l’aumento dell’assunzione di alcol; fino a due drink al giorno erano associati a un aumento del rischio del 28% e questo saliva al 47% per coloro che ne consumavano più di quattro.

Non sono noti i meccanismi esatti attraverso i quali quantità modeste di alcol potrebbero innescare la fibrillazione atriale. Gli studi hanno dimostrato che bere molto per un breve periodo di tempo può innescare la “sindrome del cuore da vacanza” in alcune persone e in alcuni pazienti con fibrillazione atriale, piccole quantità di alcol possono innescare episodi di aritmia.

I limiti dello studio includono il fatto che i partecipanti allo studio hanno riferito il tipo e la quantità di alcol che hanno bevuto e questo potrebbe portare a una sottostima; le informazioni disponibili non hanno consentito ai ricercatori di esaminare gli effetti del binge drinking ; alcuni episodi di fibrillazione atriale possono essere asintomatici e quindi potrebbero non essere stati segnalati; solo gli adulti in tutta Europa sono stati inclusi nelle analisi e quindi potrebbe non essere possibile generalizzare i risultati ad altre popolazioni; poiché lo studio era osservazionale, può mostrare solo un’associazione tra l’assunzione di alcol e la fibrillazione atriale e non che l’alcol causa la fibrillazione atriale .

In un editoriale di accompagnamento, Jorge A. Wong e David Conen del Population Health Research Institute della McMaster University, Hamilton, Canada, scrivono che la ricerca “fornisce un contributo importante alla nostra comprensione della relazione tra l’assunzione di alcol e la FA incidente, in particolare allo spettro più basso di consumo di alcol È stata identificata una relazione significativa tra alcol e FA, e anche piccole quantità di alcol erano associate ad un aumento, anche se piccolo, rischio di FA incidente.

“Insieme a un recente studio randomizzato che mostra che una riduzione dell’assunzione di alcol ha portato a una riduzione delle recidive di FA, questi dati suggeriscono che l’abbassamento del consumo di alcol può essere importante sia per la prevenzione che per la gestione della FA. È importante sottolineare che qualsiasi riduzione di FA da bassa a moderata il consumo di alcol per prevenire potenzialmente la fibrillazione atriale deve essere bilanciato con l’associazione potenzialmente benefica che basse quantità di alcol possono avere rispetto ad altri esiti cardiovascolari … Il beneficio clinico netto del consumo di basse quantità di alcolrichiede ulteriori studi, idealmente in studi randomizzati adeguatamente potenziati. Fino ad allora, ogni individuo deve prendere la sua decisione più istruita se consumare fino a una bevanda alcolica al giorno sia utile e sicuro “.


Ulteriori informazioni: “Consumo di alcol, biomarcatori cardiaci e rischio di fibrillazione atriale ed esiti avversi”, di Dora Csengeri et al. European Heart Journal (2021). DOI: 10.1093 / eurheartj / ehaa953

“Consumo di alcol, fibrillazione atriale e malattie cardiovascolari: trovare il giusto equilibrio”, di Jorge A. Wong e David Conen. European Heart Journal . DOI: 10.1093 / eurheartj / ehaa955

Categorie:Batticuore

Con tag:,,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.