Assistenza sociosanitaria

Diminuzione dell’albuminuria negli adulti con T2DM di nuova diagnosi

Pubblicità e progresso

Dal 1988 al 2018, sono state osservate riduzioni nella prevalenza di albuminuria e miglioramenti nel controllo glicemico, della pressione sanguigna e dei lipidi tra gli adulti con diabete di tipo 2 di nuova diagnosi, secondo uno studio pubblicato online l’8 gennaio su Diabetes Care .

Pubblicità e progresso

Michael Fang, Ph.D., ed Elizabeth Selvin, MPH, Ph.D., della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora, hanno esaminato la prevalenza e le tendenze delle complicanze tra 1.486 adulti con diabete di nuova diagnosi (diagnosticato all’interno del negli ultimi due anni) dal 1988 al 1994 e dal 1999 al 2018 National Health and Nutrition Examination Survey. Sono state stimate le tendenze in albuminuria, velocità di filtrazione glomerulare stimata ridotta (eGFR), retinopatia e malattia cardiovascolare auto-riferita.

I ricercatori hanno riscontrato una diminuzione significativa della prevalenza di albuminuria dal 1988-1994 al 2011-2018 (dal 38,9 al 18,7%), ma non ci sono stati cambiamenti significativi nella prevalenza di eGFR ridotto, retinopatia o malattia cardiovascolare auto-segnalata. All’interno della popolazione, ci sono stati miglioramenti nel controllo glicemico, della pressione sanguigna e dei lipidi, in parte spiegando la diminuzione dell’albuminuria. Al momento della diagnosi del diabete, le complicanze erano più comuni per gli adulti più anziani, a basso reddito, meno istruiti e obesi.

“Questi risultati suggeriscono che ci sono stati miglioramenti nello screening del diabete e che stiamo diagnosticando i casi nelle prime fasi del processo della malattia”, scrivono gli autori. “Tuttavia, l’onere complessivo delle complicazioni e dei fattori di rischio incontrollati rimane elevato”.