Counseling/consulenze

Dire “ho capito” fa davvero la differenza

Mostrare sostegno a una persona che è sconvolta per qualcosa che ha vissuto può aiutare a rafforzare i suoi sentimenti positivi, secondo una nuova ricerca.

Pubblicità e progresso

Il solo dire “Capisco perché ti senti in quel modo” fa la differenza, secondo i ricercatori della Ohio State University che hanno esplorato le emozioni positive e negative in più di 300 studenti.

Tre esperimenti hanno valutato gli effetti sia dei commenti di supporto sia di quelli critici (convalida e invalidazione) su ciò che i medici chiamano affetto positivo e negativo. L’affetto positivo si riferisce alle emozioni e all’espressione che favoriscono la curiosità, la connessione e il pensiero flessibile. L’affetto negativo genera sentimenti di disgusto, paura o tristezza.

Gli studenti hanno completato i questionari sugli effetti positivi e negativi all’inizio e alla fine dello studio. Hanno anche riferito del loro stato d’animo generale durante gli esperimenti.

È stato chiesto loro di pensare e scrivere per cinque minuti su un momento in cui erano intensamente arrabbiati e poi di descrivere quei sentimenti ad alta voce.

Il ricercatore ha convalidato o invalidato i loro sentimenti di rabbia con frasi che includevano: “Certo che saresti arrabbiato per questo” o “Perché questo ti farebbe arrabbiare così tanto?”

Quando pensavano o scrivevano sull’essere arrabbiati, tutti avevano un calo di affetti positivi. Coloro i cui sentimenti sono stati convalidati hanno visto i loro stati d’animo tornare alla normalità. Coloro che non sono stati convalidati non si sono ripresi mentre parlavano con i ricercatori e il loro umore generalmente è peggiorato.

Nessuna differenza significativa è stata trovata nelle emozioni negative dei partecipanti. Questo parla del valore di proteggere la positività, ha detto l’autore senior Jennifer Cheavens, professore di psicologia.

“Passiamo così tanto tempo a pensare a come rimediare alle emozioni negative , ma non passiamo molto tempo a pensare ad aiutare le persone a sfruttare e nutrire le emozioni positive “, ha detto in un comunicato stampa dell’università. “È davvero importante aiutare le persone con la loro depressione, ansia e paura, ma è anche importante aiutare le persone ad attingere alla curiosità, all’amore, alla flessibilità e all’ottimismo. Le persone possono sentirsi tristi e sopraffatte, e anche speranzose e curiose, nello stesso tempo generale telaio.”

I ricercatori prevedono di applicare i risultati in un contesto terapeutico, ma i risultati sono preziosi anche per le relazioni, ha detto Cheavens.

“La convalida protegge l’affetto delle persone in modo che possano rimanere curiose nelle interazioni interpersonali e nella terapia”, ha detto. “Aggiungere la convalida alla terapia aiuta le persone a sentirsi comprese e, quando ci sentiamo comprese, possiamo ricevere feedback su come potremmo cambiare anche noi. Ma non è una cosa unicamente clinica – spesso gli stessi modi in cui migliori la terapia sono modi in cui fai diventare genitori, relazioni romantiche migliori. ”

I risultati sono stati recentemente pubblicati online sul Journal of Positive Psychology .

Categorie:Counseling/consulenze

Con tag: