Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Meglio il CGM

Passa dalla scansione intermittente alla CGM in tempo reale, un’opzione terapeutica migliore.

Gli adulti con diabete di tipo 1 hanno avuto miglioramenti nel controllo glicemico dopo il passaggio da un monitor del glucosio continuo a scansione intermittente a un CGM in tempo reale, secondo uno studio pubblicato su Diabetes Technology & Therapeutics.

Pubblicità e progresso

I ricercatori hanno analizzato i dati di controllo glicemico in una coorte di individui con diabete di tipo 1 passati dal Freestyle Libre (Abbott) al Dexcom G4.

“Questo non è uno studio di confronto tra due dispositivi CGM, ma uno studio di vita reale che riporta il vantaggio di un passaggio da CGM a scansione intermittente a CGM in tempo reale in pazienti con diabete di tipo 1 con scarso controllo glicemico, anche se hanno utilizzato Freestyle Libre per almeno 1 anno ” , ha detto Yannis Préau , MD , endocrinologo del dipartimento di nutrizione e diabete dell’AP-HM, Ospedale universitario Sainte Marguerite a Marsiglia, Francia. “In questo contesto, nel nostro dipartimento di diabetologia, proponiamo in alternativa un passaggio a Dexcom G4 (sistema rimborsato dall’assicurazione sanitaria francese) quando i pazienti desiderano mantenere il loro normale microinfusore (per infusione sottocutanea continua) o continuare a utilizzare più giornalmente iniezione di insulina. “

Préau e colleghi hanno condotto uno studio osservazionale che includeva 18 adulti (12 donne; età media 48,3 anni) con diabete di tipo 1 che avevano utilizzato Freestyle Libre per almeno 1 anno e sono passati a Dexcom G4 tra dicembre 2018 e giugno 2019. Tutti i partecipanti sono cambiati dispositivi a causa di gravi eventi di ipoglicemia o elevata HbA1c. All’inizio, i partecipanti hanno partecipato a una sessione di formazione di gruppo iniziale per l’utilizzo del nuovo dispositivo. I ricercatori hanno ottenuto i dati sul glucosio degli ultimi 3 mesi, informazioni biologiche e demografiche e hanno impostato i partecipanti con Dexcom G4. I dati sui livelli di glucosio, l’ uso di CGM e una valutazione del nuovo dispositivo sono stati raccolti da ciascun partecipante al follow-up di 3 e 6 mesi.

Nove dei partecipanti avevano elevato HbA1c prima di cambiare CGM e otto avevano avuto un grave episodio ipoglicemico nell’anno precedente.

Rispetto al basale, i partecipanti hanno avuto un aumento del tempo nell’intervallo 3 mesi dopo aver cambiato dispositivo (41,5% contro 53,1%; P = .0008), una diminuzione del tempo sotto l’intervallo (10,9% contro 5,4%; P = .0009) e una minore variabilità del glucosio (46,9% contro 40,1%; P = .0001). Non c’è stato alcun cambiamento nelle cifre tra il follow-up di 3 e 6 mesi. Nell’analisi dei dati individuali, 13 dei 18 partecipanti hanno avuto miglioramenti in tutti e tre i tempi nell’intervallo, tempo sotto l’intervallo e variabilità del glucosio.

Dei nove partecipanti che avevano aumentato l’HbA1c prima di cambiare CGM, sei hanno avuto una riduzione dell’HbA1c. Una HbA1c inferiore è stata osservata solo tra i partecipanti che avevano una HbA1c elevata al basale. Nessun partecipante ha avuto ipoglicemia grave o chetoacidosi diabetica durante il periodo di follow-up.

Préau ha detto che la popolazione dello studio era piccola e che dovrebbe essere condotto uno studio più ampio, ma i risultati mostrano che il cambiamento dei tipi di CGM potrebbe avere un effetto positivo sul controllo glicemico nel diabete di tipo 1.

“Riteniamo che la commutazione del sistema CGM possa essere considerata un’opzione terapeutica interessante nei pazienti che potrebbero essere in fallimento terapeutico con la gestione della terapia insulinica”, ha detto Préau. “La scelta del sensore giusto per il paziente giusto deve, quindi, diventare una priorità per il clinico in un’ottica di miglioramento complessivo del controllo glicemico in un’ottica di medicina personalizzata. Tale approccio è un inizio per supportare il paziente verso un sistema a circuito chiuso più complesso, il cui rimborso deve essere effettivo nei prossimi mesi in Francia. La selezione del sistema deve essere centrata sul beneficio glicemico atteso, ma anche tenendo conto della qualità della vita e della soddisfazione del dispositivo attraverso questionari standardizzati “.