Mangiare e bere

Diete a confronto

Esempi di cene offerte ai partecipanti allo studio: dieta a basso contenuto di carboidrati, a base di animali (a sinistra) e dieta a basso contenuto di grassi, a base di piante (a destra)

Lo studio del NIH – National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases, confronta la dieta a basso contenuto di grassi a base di piante con la dieta a basso contenuto di carboidrati a base di animali

Le persone con una dieta a basso contenuto di grassi e a base vegetariana assumevano cibo meno calorie giornaliere ma avevano livelli più alti di insulina e glucosio nel sangue, rispetto a quando consumavano una dieta a base di carboidrati e carnivora, secondo un piccolo ma altamente controllato studio del National Institute of Health. Guidato dai ricercatori del National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (NIDDK), lo studio ha confrontato gli effetti delle due diete sull’apporto calorico, sui livelli ormonali, sul peso corporeo e altro ancora. I risultati, pubblicati su Nature Medicine, ampliano la comprensione di come la limitazione dei carboidrati o dei grassi alimentari possa avere un impatto sulla salute.

Pubblicità e progresso

“Si ritiene che i cibi ad alto contenuto di grassi determinino un apporto calorico in eccesso perché hanno molte calorie per boccone. In alternativa, gli alimenti ad alto contenuto di carboidrati possono causare grandi oscillazioni della glicemia e dell’insulina che possono aumentare la fame e portare a mangiare troppo”, ha detto Kevin Hall, Ph.D., NIDDK Senior Investigator e autore principale dello studio. “Il nostro studio è stato progettato per determinare se le diete ad alto contenuto di carboidrati o ad alto contenuto di grassi comportano un maggiore apporto calorico”.

I ricercatori hanno ospitato 20 adulti senza diabete per quattro settimane consecutive nell’unità di ricerca clinica metabolica del NIH Clinical Center. I partecipanti, 11 uomini e nove donne, hanno ricevuto una dieta a base vegetale, a basso contenuto di grassi o una dieta a base di carne e a basso contenuto di carboidrati per due settimane, immediatamente seguite da due settimane con la dieta alternativa. La dieta a basso contenuto di grassi era ricca di carboidrati. La dieta a basso contenuto di carboidrati era ricca di grassi. Entrambe le diete erano minimamente elaborate e avevano quantità equivalenti di verdure non amidacee. Ai partecipanti venivano dati tre pasti al giorno, più spuntini, e potevano mangiare quanto desideravano.

I risultati principali hanno mostrato che le persone che seguivano una dieta a basso contenuto di grassi avevano mangiato da 550 a 700 calorie in meno al giorno rispetto a quando hanno consumato la dieta a basso contenuto di carboidrati. Nonostante le grandi differenze nell’apporto calorico, i partecipanti non hanno riportato differenze nella fame, nel godimento dei pasti o nella pienezza tra le due diete. I partecipanti hanno perso peso con entrambe le diete, ma solo la dieta a basso contenuto di grassi ha portato a una significativa perdita di grasso corporeo.

“Nonostante il consumo di cibo con un’abbondanza di carboidrati ad alto indice glicemico che ha provocato forti oscillazioni della glicemia e dell’insulina, le persone che seguivano una dieta a base vegetale e povera di grassi evidenziavano una significativa riduzione dell’apporto calorico e della perdita di grasso corporeo, il che sfida l’idea che le diete ad alto contenuto di carboidrati di per sé portano le persone a mangiare troppo. D’altra parte, la dieta a base di carne e a basso contenuto di carboidrati non ha portato ad un aumento di peso nonostante sia ricca di grassi “, ha detto Hall.

Questi risultati suggeriscono che i fattori che provocano l’eccesso di cibo e l’aumento di peso sono più complessi della quantità di carboidrati o grassi nella propria dieta. Ad esempio, il laboratorio di Hall ha dimostrato l’anno scorso che una dieta ricca di alimenti ultra-trasformati ha portato a mangiare troppo e aumentare di peso rispetto a una dieta minimamente elaborata abbinata a carboidrati e grassi.

La dieta a base vegetale a basso contenuto di grassi conteneva il 10,3% di grassi e il 75,2% di carboidrati, mentre la dieta a base di carne a basso contenuto di carboidrati era del 10% di carboidrati e il 75,8% di grassi. Entrambe le diete contenevano circa il 14% di proteine ??e corrispondevano alle calorie totali presentate ai soggetti, sebbene la dieta a basso contenuto di carboidrati avesse il doppio delle calorie per grammo di cibo rispetto alla dieta a basso contenuto di grassi. Nel menu a basso contenuto di grassi, la cena potrebbe consistere in una patata dolce al forno, ceci, broccoli e arance, mentre una cena a basso contenuto di carboidrati potrebbe essere il manzo saltato in padella con riso al cavolfiore. I soggetti potevano mangiare ciò e quanto sceglievano dei pasti che ricevevano.

“È interessante notare che i nostri risultati suggeriscono benefici per entrambe le diete, almeno a breve termine. Mentre la dieta a basso contenuto di grassi e di origine vegetale aiuta a frenare l’appetito, la dieta a base di carne e a basso contenuto di carboidrati ha portato a una riduzione e più costante dell’insulina e livelli di glucosio “, ha detto Hall. “Non sappiamo ancora se queste differenze sarebbero mantenute a lungo termine”.

I ricercatori osservano che lo studio non è stato progettato per fornire raccomandazioni dietetiche per la perdita di peso e i risultati potrebbero essere stati diversi se i partecipanti stavano attivamente cercando di perdere peso. Inoltre, tutti i pasti sono stati preparati e forniti ai partecipanti in un ambiente ospedaliero, il che può rendere difficile la ripetizione dei risultati al di fuori del laboratorio, dove fattori come i costi del cibo, la disponibilità di cibo e i vincoli di preparazione dei pasti possono rendere difficile l’aderenza alle diete. L’ambiente clinico strettamente controllato, tuttavia, assicurava una misurazione oggettiva dell’assunzione di cibo e l’accuratezza dei dati.

“Per aiutarci a raggiungere una buona alimentazione, una scienza rigorosa è fondamentale? E di particolare importanza ora, alla luce della pandemia COVID-19, poiché miriamo a identificare strategie per aiutarci a rimanere in buona salute”, ha affermato il direttore del NIDDK Griffin P. Rodgers, MD “Questo studio ci avvicina a rispondere a domande a lungo ricercate su come ciò che mangiamo influisce sulla nostra salute”.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag: