Ricerca

La funzione placentare può illuminare su malattie future negli adulti e nei bambini

placenta, umbilical cord, birth

Photo by bethbernier on Pixabay

Lo studio CU Anschutz trova un’associazione tra segnalazione placentare e malattia metabolica

AURORA, Colo. (22 gennaio 2021) – I ricercatori dell’Università del Colorado Anschutz Medical Campus hanno scoperto un’associazione diretta tra la funzione placentare nelle donne in gravidanza e futuri disturbi metabolici nei bambini e negli adulti, una scoperta che potrebbe portare a un intervento precoce e diagnosi di malattia.

Pubblicità e progresso

“Sappiamo da tempo che molte delle principali malattie negli adulti come il diabete e le malattie cardiovascolari sono almeno in parte causate da problemi durante la vita fetale”, ha detto l’autore senior dello studio Thomas Jansson, MD, PhD, professore di Ostetricia e Ginecologia presso il Università del Colorado School of Medicine. “Ad esempio, è stato dimostrato che il 50% di tutto il diabete di tipo 2 nei giovani adulti è causato dall’esposizione all’ambiente intrauterino nelle donne in gravidanza con obesità e / o diabete gestazionale”.

In questo studio, pubblicato questo mese sulla rivista Diabetes, Jansson e l’autore principale dell’articolo Madeline Rose Keleher, PhD, del Centro LEAD della Colorado School of Public Health (Lifecourse, Epidemiology of Adiposity & Diabetes) hanno scoperto di più sul ruolo della placenta nella la salute futura di un bambino.

“Siamo i primi a scoprire associazioni tra funzione placentare e pressione sanguigna, grasso corporeo e livelli di trigliceridi nei bambini di età compresa tra 4-6 anni”, ha detto Jansson. “Questi marcatori segnalano spesso rischi per future malattie cardiache, diabete e obesità”.

I ricercatori hanno utilizzato lo studio di coorte pre-parto longitudinale Healthy Start che ha arruolato 1.410 donne incinte sane tra il 2010 e il 2014. I bambini hanno ora 4-6 anni.

“Ciò che è unico è il lasso di tempo. Non ci siamo fermati solo ai neonati”, ha detto Keleher. “Abbiamo seguito i bambini per un anno, poi da quattro a sei anni. Vediamo che questo non è qualcosa che semplicemente superano. Continueremo a seguirli quando avranno dagli otto ai dieci anni”.

Un ambiente intrauterino sano è in gran parte determinato dalla placenta, che nutre il feto e lo protegge dal sistema immunitario della madre. I cambiamenti nella placenta come l’infiammazione o la segnalazione dell’insulina, hanno detto i ricercatori, possono preparare il terreno per una malattia successiva.

Lo studio ha rivelato che la proteina del recettore IGF-1 della placenta era associata ai trigliceridi sierici nei bambini che potrebbero portare successivamente all’obesità o al diabete. È stato dimostrato che altre proteine ??nella placenta hanno associazioni con un aumento del tessuto adiposo sulle braccia e sulle cosce dei bambini.

“Tutti questi hanno mostrato un nuovo legame tra la funzione placentare e gli esiti metabolici a lungo termine”, ha detto Keleher.

Secondo Jansson, se i medici scoprono che una placenta non funziona correttamente durante la gravidanza, potrebbero essere in grado di intervenire.

“Se sappiamo che la placenta è alterata o modificata durante la gravidanza, possiamo progettare interventi per modulare quella funzione e diminuire il rischio per il feto”, ha detto. “Il trattamento delle donne incinte è sempre difficile, ma la placenta è accessibile mentre il feto è in gran parte inaccessibile”.

I risultati potrebbero alla fine portare a una sorta di medicina personalizzata che inizia prima della nascita.

“Penso che una migliore comprensione dei meccanismi che collegano la funzione placentare al rischio di malattie metaboliche infantili e degli adulti può offrire strade innovative per prevenirli nelle generazioni future”, ha detto Keleher.

###

Lo studio è stato una collaborazione tra la CU School of Medicine e Dana Dabelea, MD, PhD, nel LEAD Center presso la Colorado School of Public Health. È stato sostenuto dal National Institutes of Health tramite una sovvenzione ECHO (Environmental Influences on Child Health Outcomes).

I coautori dello studio includono: Kathryn Erickson, Harry A. Smith, Katerina J. Kechris, Ivana V. Yang, Dana Dabelea, Jacob E. Friedman e Kristen E. Boyle.

Informazioni sull’Università del Colorado Anschutz Medical Campus

L’Università del Colorado Anschutz Medical Campus è una destinazione medica di livello mondiale in prima linea nella scienza trasformativa, nella medicina, nell’istruzione e nella sanità. Il campus comprende le scuole professionali sanitarie dell’Università del Colorado, più di 60 centri e istituti e due ospedali classificati a livello nazionale che trattano più di 2 milioni di pazienti adulti e pediatrici ogni anno. Innovativi, interconnessi e altamente collaborativi, insieme forniamo trattamenti che cambiano la vita, assistenza ai pazienti, formazione professionale e conduciamo ricerche di fama mondiale alimentate da oltre 500 milioni di dollari in premi per la ricerca. Per ulteriori informazioni, visitare https: / www. cuanschutz. edu

Categorie:Ricerca

Con tag:,,