Complicanze varie/eventuali

Disturbi mentali e malattie fisiche croniche possono essere collegati

Una cattiva salute mentale all’inizio della vita porta a una cattiva salute fisica nella vita successiva, secondo un nuovo studio.

Una collaborazione tra l’Università di Auckland, l’Università del Michigan e la Duke University negli Stati Uniti, lo studio ha studiato 50 anni di nascite in Nuova Zelanda e li ha seguiti per 30 anni.

Pubblicità e progresso

Ha scoperto che le persone ricoverate in ospedale per un problema di salute mentale avevano aumentato il rischio di mortalità entro il periodo di 30 anni, indipendentemente dal fatto che fossero state anche in ospedale per la loro salute fisica . I risultati sono stati gli stessi per uomini e donne di tutta la fascia di età.

Inoltre, un ricovero in ospedale per salute mentale ha aumentato il rischio di un successivo ricovero per salute fisica, indipendentemente da precedenti visite ospedaliere per salute fisica.

I risultati sono stati ancora gli stessi per uomini e donne di tutta la fascia di età, le associazioni erano simili per tutti i tipi di disturbo mentale e i rischi sono stati aumentati per tutte le condizioni di salute fisica cronica.

Uno degli autori dello studio, il professore associato Barry Milne del centro di ricerca sociale COMPASS dell’Università di Auckland, afferma che i risultati suggeriscono che affrontare precocemente i disturbi della salute mentale può aiutare a prevenire le malattie successive.

“Anche se l’associazione non è causale, i disturbi mentali sono segnali premonitori salienti per problemi di salute fisica successivi e morte precoce”, dice.

“Ciò suggerisce l’importanza di servizi sanitari congiunti, ad esempio, incorporando lo screening e la prevenzione della salute fisica nel trattamento della salute mentale”.

Guidato dalla professoressa assistente Leah Richmond-Rakerd dell’Università del Michigan, lo studio ha valutato i ricoveri per condizioni di salute mentale, condizioni di salute fisica croniche e mortalità per un periodo di 30 anni dal 1988 al 2018.

Le condizioni di salute mentale diagnosticate negli ospedali ospedalieri colpivano il 4% della popolazione e includevano disturbo da uso di sostanze, disturbo psicotico, disturbo dell’umore, disturbo nevrotico, autolesionismo e altri disturbi .

Le condizioni fisiche croniche diagnosticate negli ospedali, che colpivano il 20% della popolazione, includevano gotta, diabete, broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), lesioni cerebrali traumatiche, ictus, infarto miocardico, malattia coronarica e cancro.

La coorte era di 2.349.897 persone nate in Nuova Zelanda tra il 1928 e il 1978 e di età compresa tra i 10 ei 60 anni all’inizio del periodo.

Pubblicato in JAMA , lo studio si distingue per il suo lungo periodo di follow-up, l’uso di ospedale record, piuttosto che un rapporto retrospettiva, e la capacità di stabilire una sequenza cronologica.

Un ulteriore studio esaminerà il ruolo della salute mentale nella demenza successiva.


Ulteriori informazioni: Leah S. Richmond-Rakerd et al. Associazioni longitudinali di disturbi mentali con malattie fisiche e mortalità tra 2,3 milioni di cittadini neozelandesi, JAMA Network Open (2021). DOI: 10.1001 / jamanetworkopen.2020.33448