Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

La maggior parte dei diabetici adulti è aperta al controllo a distanza digitale

Adv
app, software, contour

Secondo i dati dello studio, quasi due terzi degli adulti con diabete hanno affermato che sarebbero disposti a adottare il monitoraggio digitale remoto se il metodo fosse altrettanto o più efficace del loro attuale sistema di controllo.

“Questi risultati mostrano che il monitoraggio digitale a distanza è promettente”, ha detto Theodora Oikonomidi, MSc , una dottoranda presso l’Università di Parigi. “Non solo molti pazienti sono pronti ad adottare il monitoraggio digitale remoto come cura abituale, ma ci sono fattori modificabili che possiamo migliorare attraverso una migliore progettazione dei sistemi di monitoraggio per facilitare l’adozione”.

Oikonomidi e colleghi hanno condotto un sondaggio basato su vignette in una coorte di adulti anglofoni e francofoni provenienti da 30 paesi con diabete di tipo 1 e di tipo 2 tra febbraio e luglio 2019. I partecipanti sono stati reclutati dai social media, forum di pazienti, siti Web relativi al diabete, e-mail e di persona per ottenere un campione diversificato.

Ogni partecipante ha risposto a due domande su tre vignette selezionate casualmente relative al monitoraggio digitale remoto per il diabete. Una vignetta ha selezionato uno dei tre strumenti di monitoraggio, la seconda ha selezionato uno dei sei scenari di durata e ciclo di feedback e la terza aveva i dati gestiti da un settore pubblico o un’organizzazione privata. C’erano 36 scenari di vignette totali che potevano essere generati. Il sondaggio ha chiesto ai partecipanti quanto sarebbe efficace il monitoraggio remoto nel ridurre la frequenza degli episodi ipoglicemici e delle complicazioni oculari rispetto al loro attuale metodo di monitoraggio. Le risposte sono state fornite su una scala di cinque punti, da “molto meno efficace” a “molto più efficace”. I risultati dello studio sono stati pubblicati su JAMA Network Open.

Un totale di 1.010 adulti ha completato almeno una vignetta (57% donne; età media, 51 anni). Ci sono state 2.860 valutazioni di vignette completate durante il periodo di studio. Complessivamente, il 65% dei partecipanti ha riferito che adotterebbe il monitoraggio digitale remoto se fosse altrettanto o leggermente più efficace del loro monitoraggio attuale. Nel 34% delle valutazioni, i partecipanti hanno affermato che avrebbero adottato il monitoraggio digitale remoto se fosse meno efficace o altrettanto efficace del loro monitoraggio attuale nel ridurre gli episodi ipoglicemici, il 31% se fosse un po ‘più efficace e il 36% se fosse molto più efficace. La vignetta con l’efficacia minima richiesta più bassa era il monitoraggio permanente del glucosio e dell’attività fisica con trattamento in tempo reale generato dall’intelligenza artificiale e feedback sullo stile di vita e gestione dei dati del settore pubblico.

Per la prevenzione delle complicazioni oculari, i risultati sono stati simili, con il 32% dei partecipanti che ha affermato che avrebbe adottato il monitoraggio digitale remoto se fosse altrettanto o meno efficace del monitoraggio corrente, il 32% ha affermato che lo avrebbe adottato se fosse un po ‘più efficace e 35 % se fosse molto più efficace.

Monitoraggio dell’invadenza; l’aggiunta del monitoraggio occasionale del cibo al monitoraggio del glucosio e dell’attività fisica; e il feedback di un operatore sanitario diverso dal medico abituale del partecipante erano tre fattori associati all’efficacia minima richiesta per ridurre gli episodi di ipoglicemia e le complicazioni oculari. Altri fattori associati all’efficacia minima richiesta per ridurre gli episodi ipoglicemici includevano il monitoraggio permanente con feedback in tempo reale dal medico curante del paziente; l’aggiunta del monitoraggio regolare degli alimenti al monitoraggio del glucosio e dell’attività fisica; e monitoraggio permanente con feedback sul trattamento generato dall’intelligenza artificiale in tempo reale.

“Abbiamo scoperto che la percepita invadenza del monitoraggio digitale remoto influisce sulla volontà dei pazienti di adottarlo, quindi è importante che esaminiamo modi per progettare sistemi di monitoraggio meno intrusivi”, ha detto Oikonomidi. “Ciò richiede una ricerca svolta in collaborazione con i pazienti, per comprendere le loro esigenze e idee per una migliore progettazione del monitoraggio digitale remoto”.

Le visualizzazioni del monitoraggio digitale remoto variavano per almeno la metà delle vignette in tutti i sottogruppi partecipanti, mostrando come la visualizzazione del monitoraggio varia su base individuale.

“I medici che prescrivono sistemi di monitoraggio digitale a distanza potrebbero trarre vantaggio dal seguire i principi del processo decisionale condiviso”, ha affermato Oikonomidi. “La volontà dei pazienti di adottare il monitoraggio digitale remoto dipende da come vedono le sue modalità specifiche e da come possono inserirli nella loro vita quotidiana. Queste preferenze variano da individuo a individuo, quindi i medici ei loro pazienti dovrebbero lavorare insieme per selezionare il miglior tipo di monitoraggio digitale remoto per ciascun paziente “.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: