Terapie

Nuova arma per contrastare l’infiammazione

fire and water, fight, hands

Photo by thommas68 on Pixabay

Le proteine ??della coagulazione del sangue potrebbero essere protettive – studio

I ricercatori della Flinders University hanno scoperto un nuovo ruolo antinfiammatorio per il noto fibrinogeno della proteina dei coaguli di sangue, che potrebbe supportare nuovi trattamenti mirati per reni, cuore e altre malattie comuni.

Pubblicità e progresso

Lo studio in Redox Biology descrive come il fibrinogeno può essere protettivo contro l’ipoclorito – una sostanza chimica generata dal corpo durante l’infiammazione – e quindi agire come una sorta di antiossidante nel plasma sanguigno.

“Il nostro team ha scoperto che il fibrinogeno, che forma gruppi straordinariamente grandi quando reagisce con l’ipoclorito, non danneggia le cellule allo stesso modo dell’albumina modificata con ipoclorito che esacerba i reni e le malattie cardiache e molte altre gravi condizioni di salute”, afferma il leader della ricerca Dr Amy Wyatt, del Flinders College of Medicine and Public Health.

“Mentre il fibrrinogeno è meno abbondante della principale proteina albumina del sangue, è più suscettibile di reagire con l’idroclorito nel corpo”.

L’accumulo di albumina modificata con ipoclorito può causare danni in un paziente, tuttavia il fibrinogeno modificato con ipoclorito sembra relativamente innocuo. Questa scoperta potrebbe in definitiva aiutarci a progettare terapie che bloccano gli effetti negativi dell’albumina modificata con ipoclorito “, afferma il dott. Wyatt.

“Quando capiamo con precisione come si comportano queste molecole proteiche distintamente diverse, allora potrebbe essere possibile bloccare le attività di promozione della malattia dell’albumina modificata con ipoclorito usando farmaci”, afferma il gruppo di ricerca Flinders mappando come funzionano normalmente le molecole proteiche e come queste funzioni cambia quando le molecole proteiche sono danneggiate da stress biologici come la reazione con l’ipoclorito.

Inoltre, gli scienziati affermano che la ricerca potrebbe rivelare nuovi biomarcatori per le malattie infiammatorie.

Categorie:Terapie

Con tag:,