Mangiare

Diabete tipo 1: Empagliflozin assieme al pancreas artificiale riduce la necessità di contare i carboidrati ai pasti

Pubblicità e progresso
Pubblicità e progresso
sugar, sweet, jelly fruit

Photo by ulleo on Pixabay

Ridurre la necessità di contare i carboidrati nel diabete di tipo 1 utilizzando la somministrazione automatizzata di insulina a circuito chiuso (pancreas artificiale) ed Empagliflozin: secondo uno studio pilota canadese randomizzato e controllato.

Pubblicità e progresso

I ricercatori canadesi hanno valutato se l’aggiunta di empagliflozin alla somministrazione automatizzata di insulina a circuito chiuso potesse ridurre la necessità di contare i carboidrati nel diabete di tipo 1 (T1D) senza peggiorare il controllo del glucosio.

Con uno studio in aperto, crossover, di non inferiorità, 30 partecipanti adulti con T1D sono stati sottoposti a interventi ambulatoriali di somministrazione automatizzata di insulina con tre sequenze casuali di giorni di strategia prandiale dell’insulina: conteggio dei carboidrati, semplice annuncio del pasto (nessun conteggio dei carboidrati), e nessun annuncio di pasto. Durante ciascuna sequenza di strategie di insulina prandiale, ai partecipanti è stato assegnato in modo casuale empagliflozin (25 mg / die) o meno e sono stati passati al confronto. Il glucosio medio per il conteggio dei carboidrati senza empagliflozin (controllo) è stato confrontato con l’annuncio di nessun pasto con empagliflozin (nel confronto di non inferiorità primaria) e con l’annuncio di un pasto semplice con empagliflozin (nel confronto di non inferiorità primaria condizionale).

I partecipanti avevano un’età compresa tra 40 ± 15 anni, una durata del diabete di 27 ± 15 anni e HbA1c 7,6 ± 0,7% (59 ± 8 mmol / mol). Il sistema senza annuncio di pasto ed empagliflozin non era non inferiore (e quindi ragionevolmente considerato inferiore) al braccio di controllo (glicemia media 10,0 ± 1,6 vs 8,5 ± 1,5 mmol / L, non inferiorità p = 0,94), mentre l’annuncio di pasto semplice e empagliflozin era non inferiore (8,5 ± 1,4 mmol / L, non inferiorità p = 0,003). L’uso di empagliflozin sullo sfondo della somministrazione automatica di insulina con conteggio dei carboidrati è stato associato a una glicemia media inferiore, corrispondente a un tempo maggiore del 14% nell’intervallo target. Sebbene non sia stata osservata chetoacidosi, i livelli medi di chetoni a digiuno erano più alti con empagliflozin (0,22 ± 0,18 vs 0,13 ± 0,11 mmol / L, p <0,001).

Empagliflozin aggiunto alla somministrazione automatizzata di insulina ha il potenziale per eliminare la necessità di contare i carboidrati, migliora il controllo glicemico insieme al conteggio dei carboidrati ma non consente l’eliminazione dell’annuncio del pasto.

Pubblicato il 3 febbraio 2021 su Diabetes, Obesity and Metabolism.

Pubblicità e progresso