Mangiare e bere

Uno studio rileva che la dieta infantile ha un impatto permanente

Uno studio sui topi ha rilevato che una dieta ricca di grassi e zuccheri ha effetti di lunga durata sul microbioma.

Gli effetti del cibo malsano hanno seguito i giovani topi nell’età adulta

Mangiare troppi grassi e zuccheri da bambino può alterare il tuo microbioma per tutta la vita, anche se in seguito impari a mangiare più sano, suggerisce un nuovo studio sui topi.

Pubblicità e progresso

Lo studio dei ricercatori della UC Riverside è uno dei primi a mostrare una significativa diminuzione del numero totale e della diversità dei batteri intestinali nei topi maturi alimentati con una dieta malsana da giovani.

“Abbiamo studiato i topi, ma l’effetto che abbiamo osservato è equivalente a bambini che hanno una dieta occidentale, ricca di grassi e zuccheri e il loro microbioma intestinale è ancora colpito fino a sei anni dopo la pubertà”, ha spiegato il fisiologo evoluzionista dell’UCR Theodore Garland.

Un documento che descrive lo studio è stato recentemente pubblicato sul Journal of Experimental Biology .

Il microbioma si riferisce a tutti i batteri, nonché a funghi, parassiti e virus che vivono su e all’interno di un essere umano o animale. La maggior parte di questi microrganismi si trova nell’intestino e la maggior parte di essi è utile, stimola il sistema immunitario, scompone il cibo e aiuta a sintetizzare le vitamine chiave.

In un corpo sano, c’è un equilibrio di organismi patogeni e benefici. Tuttavia, se l’equilibrio è disturbato, attraverso l’uso di antibiotici, malattie o una dieta malsana, il corpo potrebbe diventare suscettibile alle malattie.

In questo studio, il team di Garland ha cercato gli impatti sul microbioma dopo aver diviso i loro topi in quattro gruppi: metà nutriti con la dieta standard “sana”, metà alimentati con la dieta meno sana “occidentale”, metà con accesso a una ruota da corsa per l’esercizio, e metà senza.

Dopo tre settimane trascorse su queste diete, tutti i topi sono stati riportati a una dieta standard e senza esercizio fisico, che è normalmente il modo in cui i topi vengono tenuti in laboratorio. Al termine delle 14 settimane, il team ha esaminato la diversità e l’abbondanza di batteri negli animali.

Hanno scoperto che la quantità di batteri come il Muribaculum intestinale era significativamente ridotta nel gruppo di dieta occidentale. Questo tipo di batteri è coinvolto nel metabolismo dei carboidrati.

L’analisi ha anche mostrato che i batteri intestinali sono sensibili alla quantità di esercizio che fanno i topi. I batteri muribaculum sono aumentati nei topi alimentati con una dieta standard che avevano accesso a una ruota da corsa e sono diminuiti nei topi con una dieta ricca di grassi indipendentemente dal fatto che facessero esercizio o meno.

I ricercatori ritengono che questa specie di batteri e la famiglia di batteri a cui appartiene potrebbero influenzare la quantità di energia disponibile per il suo ospite. La ricerca continua su altre funzioni che questo tipo di batteri può avere.

Un altro effetto degno di nota è stato l’aumento di una specie di batteri molto simile che si è arricchita dopo cinque settimane di allenamento su tapis roulant in uno studio di altri ricercatori, suggerendo che l’esercizio da solo può aumentare la sua presenza.

Nel complesso, i ricercatori dell’UCR hanno scoperto che la dieta occidentale della prima infanzia ha avuto effetti più duraturi sul microbioma rispetto all’esercizio fisico precoce.

Il team di Garland vorrebbe ripetere questo esperimento e prelevare campioni in ulteriori momenti nel tempo, per capire meglio quando compaiono per la prima volta i cambiamenti nei microbiomi dei topi e se si estendono anche a fasi successive della vita.

Indipendentemente da quando compaiono per la prima volta gli effetti, tuttavia, i ricercatori dicono che è significativo che siano stati osservati così a lungo dopo aver cambiato la dieta e poi cambiata di nuovo.

Il takeaway, ha detto Garland, è essenzialmente: “Non sei solo quello che mangi, ma quello che mangiavi da bambino!”