Batticuore

Nuove linee guida su come i pazienti cardiopatici con diabete possono fare riabilitazione fisica in modo più sicuro

Physiotherapist Standing By Smiling Patient Walking Between Para

I pazienti cardiopatici che hanno anche il diabete saranno in grado di svolgere i loro esercizi di riabilitazione in modo più sicuro, grazie alla prima guida al mondo sull’argomento, che è stata pubblicata da esperti internazionali tra cui un accademico della Swansea University.

Pubblicità e progresso

La guida sarà una risorsa fondamentale per gli operatori sanitari, in modo che possano aiutare il crescente numero di pazienti riabilitativi cardiaci che hanno anche il diabete.

La guida, approvata dalle organizzazioni internazionali per il diabete, è stata redatta da un team che comprende il dottor Richard Bracken della School of Sports and Exercise Sciences, College of Engineering e il gruppo di ricerca sul diabete, situato nella Medical School dell’Università di Swansea.

L’esercizio fisico e il miglioramento dei livelli di attività sono parti centrali della riabilitazione cardiaca, che mira a migliorare la salute e la forma fisica delle persone con problemi cardiaci.

Attualmente, circa il 25% dei partecipanti che frequentano la riabilitazione cardiaca in Europa, Nord America e Australia soffre anche di diabete. Questa cifra è in aumento, soprattutto perché esistono alcuni fattori di rischio comuni sia per le malattie cardiovascolari che per il diabete, in particolare l’obesità e lo stile di vita sedentario.

Sebbene essere più attivi sia fondamentale per i pazienti in riabilitazione cardiaca, uno dei principali ostacoli è che molti temono che l’esercizio stesso li metta a rischio.

Per quei pazienti che hanno anche il diabete, tuttavia, ci sono ulteriori preoccupazioni, in particolare per il calo dei livelli di zucchero nel sangue che porta all’ipoglicemia. La paura di avere una “ipo”, che può portare a vertigini, disorientamento, ansia e molti altri sintomi, è una delle principali barriere che impedisce alle persone con diabete di incorporare l’esercizio nella vita quotidiana.

Questo aiuta a spiegare perché i pazienti cardiopatici che hanno anche il diabete hanno meno probabilità di intraprendere e continuare un programma di riabilitazione cardiaca rispetto a quelli senza diabete.

È qui che la nuova guida può fare la differenza. Si concentra sulla gestione dei livelli di zucchero nel sangue durante le attività di riabilitazione, per ridurre il rischio di problemi glicemici acuti durante l’esercizio. L’obiettivo è dare più fiducia ai pazienti con diabete, aumentando le probabilità che facciano gli esercizi di riabilitazione e continuino, migliorando la loro salute generale.

La nuova guida fornisce agli operatori sanitari consigli chiari che coprono aree quali:

-Le interazioni che possono verificarsi tra farmaci che potrebbero essere utilizzati da pazienti con malattie cardiovascolari e diabete

-I migliori tipi di esercizio per questi pazienti, il livello di intensità ideale e gli orari più sicuri della giornata

-I diversi requisiti per i pazienti con diabete di tipo 1 e di tipo 2

La guida, contenuta in una dichiarazione di posizione, è stata approvata dalla British and Canadian Associations of Cardiovascular Prevention and Rehabilitation, dall’International Council for Cardiovascular Prevention and Rehabilitation e dalla British Association of Sport and Exercise Sciences.

Il dottor Richard Bracken, uno degli autori e un esperto di diabete del team di ricerca A-STEM della Swansea University School of Sports and Exercise Sciences e del gruppo di ricerca sullo stile di vita guidato dal Diabetes Research Group, Medical School, ha dichiarato:

“Fare esercizio in sicurezza è essenziale per migliorare la salute dei pazienti con problemi cardiovascolari.

Un numero crescente di questi pazienti ha anche il diabete, quindi è essenziale che i programmi di riabilitazione cardiaca soddisfino le loro esigenze.

Questa guida esperta significherà che gli operatori sanitari possono progettare la riabilitazione cardiaca per dare ai pazienti con diabete la rassicurazione di cui hanno bisogno per iniziare e attenersi al programma, migliorando la loro salute generale “.

La guida è stata pubblicata nel British Journal of Sports Medicine doi: 10.1136 / bjsports-2020-102446