Complicanze varie/eventuali

La deprivazione legata alla malattia del piede con  diabete di tipo 2 di nuova diagnosi

La deprivazione sociale è associata alla malattia del piede correlata al diabete (DFD) nei pazienti con nuova diagnosi di diabete di tipo 2, secondo uno studio pubblicato online il 22 gennaio su Diabetes Care.

Jenny Riley, dell’Università di Birmingham nel Regno Unito, e colleghi hanno studiato la relazione tra deprivazione sociale e DFD incidente in pazienti con diabete di tipo 2 di nuova diagnosi. L’analisi ha incluso 150.265 pazienti.

Pubblicità e progresso

I ricercatori hanno scoperto che in 3,27 anni il DFD si è sviluppato nel 12,1% della popolazione dello studio. Utilizzando l’indice di deprivazione di Townsend, gli individui nel quintile più svantaggiato avevano un rischio maggioreper DFD rispetto a quelli nel quintile meno deprivato (hazard ratio aggiustato [aHR], 1,22) quando si aggiusta per sesso, età alla diagnosi di diabete di tipo 2, etnia, fumo, indice di massa corporea, emoglobina A1c, malattie cardiovascolari, ipertensione, retinopatia, stima velocità di filtrazione glomerulare, insulina, farmaci ipolipemizzanti e rischio di base del piede. Inoltre, rispetto a quelli nel quintile meno deprivato, quelli nel quintile più deprivato avevano un rischio più elevato di neuropatia periferica (aHR, 1.18), ulcera del piede (aHR, 1.44), malattia vascolare periferica (aHR, 1.40), arto inferiore amputazione (aHR, 1,75) e cancrena (aHR, 8,49).

“Considerando gli elevati oneri individuali ed economici del DFD, sono necessarie strategie mirate ai pazienti nelle aree socialmente svantaggiate per ridurre le disuguaglianze di salute”, scrivono gli autori.