Mangiare e bere

La dieta vegana è migliore per la perdita di peso e il controllo del colesterolo rispetto alla dieta mediterranea

salad, fruits, berries

Photo by silviarita on Pixabay

Una dieta vegana è più efficace per la perdita di peso rispetto a una dieta mediterranea, secondo un nuovo studio innovativo che ha confrontato le diete testa a testa. Lo studio crossover randomizzato, pubblicato sul Journal of the American College of Nutrition , ha scoperto che una dieta vegana a basso contenuto di grassi ha risultati migliori in termini di peso, composizione corporea, sensibilità all’insulina e livelli di colesterolo, rispetto a una dieta mediterranea.

Lo studio ha assegnato in modo casuale i partecipanti – che erano in sovrappeso e non avevano una storia di diabete – a una dieta vegana o mediterranea in un rapporto 1: 1. Per 16 settimane, la metà dei partecipanti ha iniziato con una dieta vegana a basso contenuto di grassi che eliminava i prodotti animali e si concentrava su frutta, verdura, cereali integrali e legumi. L’altra metà è iniziata con la dieta mediterranea, che ha seguito il protocollo PREDIMED, che si concentra su frutta, verdura, legumi, pesce, latticini magri e olio extravergine di oliva, limitando o evitando la carne rossa e i grassi saturi. Nessuno dei due gruppi aveva un limite calorico e i partecipanti non hanno cambiato esercizio o routine di farmaci, a meno che non fossero diretti dai loro medici personali. Come parte del design crossover,

Pubblicità e progresso

Lo studio ha rilevato che entro 16 settimane con ciascuna dieta:

 

  • I partecipanti hanno perso una media di 6 chilogrammi (o circa 13 libbre) con la dieta vegana, rispetto a nessun cambiamento medio con la dieta mediterranea.
  • I partecipanti hanno perso 3,4 kg (circa 7,5 libbre) in più di massa grassa con la dieta vegana.
  • I partecipanti hanno visto una maggiore riduzione del grasso viscerale di 315 cm3 con la dieta vegana.
  • La dieta vegana ha ridotto i livelli di colesterolo totale e LDL rispettivamente di 18,7 mg / dL e 15,3 mg / dL, mentre non ci sono state variazioni significative del colesterolo nella dieta mediterranea.
  • La pressione sanguigna è diminuita con entrambe le diete, ma più con la dieta mediterranea (6,0 mm Hg, rispetto a 3,2 mmHg della dieta vegana). 

“Studi precedenti hanno suggerito che sia la dieta mediterranea che quella vegana migliorano il peso corporeo e i fattori di rischio cardiometabolico, ma fino ad ora la loro efficacia relativa non era stata confrontata in uno studio randomizzato”, afferma l’autore dello studio Hana Kahleova, MD, PhD, direttore della ricerca clinica per il Comitato dei Medici. “Abbiamo deciso di testare le diete testa a testa e abbiamo scoperto che una dieta vegana è più efficace sia per migliorare gli indicatori di salute che per aumentare la perdita di peso”.

Gli autori notano che la dieta vegana probabilmente ha portato alla perdita di peso, perché era associata a una riduzione dell’apporto calorico, aumento dell’assunzione di fibre, diminuzione del consumo di grassi e diminuzione del consumo di grassi saturi.

“Mentre molte persone pensano alla dieta mediterranea come uno dei modi migliori per perdere peso, la dieta in realtà si è schiantata e bruciava quando l’abbiamo messa alla prova”, afferma l’autore dello studio Neal Barnard, MD, presidente del Comitato dei medici. “In uno studio randomizzato e controllato, la dieta mediterranea non ha causato alcuna perdita di peso. Il problema sembra essere l’inclusione di pesce grasso, latticini e oli. Al contrario, una dieta vegana a basso contenuto di grassi ha causato una perdita di peso significativa e costante . “

“Se il tuo obiettivo è perdere peso o rimanere in salute nel 2021, la scelta di una dieta a base vegetale è un ottimo modo per raggiungere la tua risoluzione”, aggiunge la dottoressa Kahleova.


Fondato nel 1985, il Physicians Committee for Responsible Medicine è un’organizzazione senza scopo di lucro che promuove la medicina preventiva, conduce ricerche cliniche e incoraggia standard più elevati di etica ed efficacia nell’istruzione e nella ricerca.