Vista e dintorni

Gli acidi grassi polinsaturi a catena molto lunga sintetizzati hanno migliorato la funzione retinica nei topi

 

Scienziati come Paul S. Bernstein, MD, Ph.D. del John A. Moran Eye Center, conoscono una classe speciale di lipidi, o acidi grassi, che si trovano nella retina dell’occhio e solo in poche altre parti del corpo. un ruolo importante nel mantenimento della visione.

Ma è stato difficile studiare se somministrare questi lipidi, chiamati acidi grassi polinsaturi a catena molto lunga (VLC-PUFA), ai pazienti come integratore potrebbe prevenire malattie degli occhi accecanti come la degenerazione maculare legata all’età , la retinopatia diabetica e alcuni retinici ereditari. malattie. Prodotto nel corpo dall’enzima ELOVL4 ma raramente consumato come parte di una dieta normale, i VLC-PUFA non erano disponibili in commercio in quantità sufficienti per la ricerca sugli animali o sull’uomo.

Pubblicità e progresso

Ora Bernstein e colleghi del Dipartimento di Chimica dell’Università dello Utah hanno cambiato il paradigma, inventando un metodo per sintetizzare quantità sufficientemente grandi di VLC-PUFA per valutare le loro potenziali proprietà di conservazione della vista. Il metodo ei risultati del primo studio a utilizzarlo sono stati pubblicati su Proceedings of the National Academy of Sciences di questa settimana.

Lo studio ha stabilito che l’integrazione di VLC-PUFA ha aumentato i livelli dei lipidi nella retina e ha anche migliorato la funzione visiva nei topi normali e nei topi con un difetto nell’enzima ELOVL4. Mentre Bernstein afferma che c’è ancora molto lavoro da fare, i risultati sono un primo passo entusiasmante.

“La sintesi dei VLC-PUFA apre una nuova area di studio e questi primi risultati sono molto promettenti”, ha detto Bernstein, l’autore corrispondente dell’articolo. “I nostri risultati sollevano interrogativi interessanti su come i VLC-PUFA somministrati per via orale migliorano la vista, come vengono trasportati nel flusso sanguigno e come sono selettivamente mirati alla retina. La formulazione di VLC-PUFA, il dosaggio e la tempistica dell’intervento devono prima essere ottimizzato, quindi sarà necessario definire i meccanismi sottostanti “.

Il professore di chimica organica Jon D. Rainier, Ph.D., un coautore della ricerca, ha detto che il gruppo è fiducioso di poter sintetizzare ulteriori varianti VLC-PUFA.

“Ci sono un certo numero di varianti VLC-PUFA che sono presenti nell’occhio umano”, ha detto Rainier, secondo autore della ricerca. “Finora abbiamo creato un solo membro di questa famiglia, ma siamo fiduciosi che il nostro nuovo metodo sintetico ci consentirà sia di sintetizzare che di studiare le altre varianti e, così facendo, di avere un’idea molto migliore di cosa sia che ciascuno dei i singoli VLC-PUFA lo fanno. “

Categorie:Vista e dintorni

Con tag: