Ricerca

Quand’è che “morto” è veramente morto? Cosa succede dopo che una persona ha “la linea piatta”?

Una nuova ricerca mostra che l’attività cardiaca potrebbe non finire sempre con un monitor piatto.

Quanto tempo devono attendere i medici dopo la comparsa di una “linea piatta” prima di poter dichiarare morta una persona? Come possono essere sicuri che il battito cardiaco e la circolazione non torneranno?

Il modo più comune in cui le persone muoiono è dopo che il loro cuore smette di battere . Tuttavia, ci sono prove limitate di quanto tempo aspettare per determinare la morte una volta che il cuore si ferma . Questa informazione mancante ha ripercussioni sulla pratica clinica e sulla donazione di organi.

Pubblicità e progresso

Un principio fondamentale della donazione di organi è la regola del donatore morto : i donatori devono essere morti prima del recupero degli organi e il recupero degli organi non deve essere la causa della morte. La mancanza di prove su quanto tempo aspettare prima di dichiarare la morte crea tensione: se i medici aspettano troppo a lungo dopo che il cuore si ferma, la qualità degli organi inizia a diminuire.

D’altra parte, non aspettare abbastanza a lungo introduce il rischio di procedere con il recupero degli organi prima che si sia effettivamente verificata la morte.

Il nostro team interdisciplinare di medici, bioingegneri e ricercatori clinici esperti ha trascorso l’ultimo decennio a studiare cosa succede quando una persona muore dopo che il cuore si ferma. Ci siamo concentrati sui pazienti nell’unità di terapia intensiva che sono morti dopo il ritiro del supporto vitale, poiché questi pazienti possono anche essere eleggibili per la donazione di organi.

In particolare, ci interessava capire se è possibile che il cuore si riavvii da solo , senza interventi come la rianimazione cardiopolmonare (RCP) o farmaci.

Uno sguardo più da vicino alla linea piatta di fine vita

Il nostro recente studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine , presenta le osservazioni del processo di morte di 631 pazienti in Canada, Repubblica Ceca e Paesi Bassi che sono morti in un’unità di terapia intensiva. Tutte le famiglie dei pazienti hanno acconsentito a partecipare alla ricerca.

Oltre a raccogliere informazioni mediche su ogni paziente, abbiamo creato un programma per computer per acquisire e rivedere la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna, il livello di ossigenazione del sangue e i modelli respiratori direttamente dai monitor al posto letto. Di conseguenza, siamo stati in grado di analizzare i pattern flatline di fine vita per 480 pazienti su 631, anche guardando se e quando qualsiasi attività circolatoria o cardiaca è tornata dopo l’interruzione di almeno un minuto.

Questo video mostra la pressione arteriosa e i segnali dell’elettrocardiogramma che si interrompono per 64 secondi prima di riprendere e infine si arrestano quasi tre minuti dopo. Il video viene accelerato otto volte.

A quanto pare, la classica linea piatta della morte non è così semplice. Abbiamo scoperto che l’attività del cuore umano spesso si interrompe e si riavvia più volte durante un normale processo di morte.

Su 480 segnali “flatline” esaminati, abbiamo trovato un pattern stop-and-start in 67 (14%). Il tempo massimo che il cuore si è fermato prima di ricominciare da solo è stato di quattro minuti e 20 secondi. Il tempo più lungo in cui l’attività cardiaca è continuata dopo il riavvio è stato di 27 minuti, ma la maggior parte dei riavvii è durata solo uno o due secondi. Nessuno dei pazienti che abbiamo osservato è sopravvissuto o ha ripreso conoscenza.

Abbiamo anche scoperto che era normale che il cuore continuasse a mostrare attività elettrica molto tempo dopo che il flusso sanguigno o il polso si interrompevano. Il cuore umano funziona come risultato di una stimolazione elettrica dei nervi che fa contrarre il muscolo cardiaco e contribuisce al flusso sanguigno, il polso che puoi sentire nelle arterie e nelle vene.

Abbiamo scoperto che la frequenza cardiaca (stimolazione elettrica che porta al movimento del muscolo cardiaco) e il polso (movimento del sangue nelle vene) si interrompevano insieme solo nel 19% dei pazienti. In alcuni casi, l’attività elettrica del cuore è continuata per oltre 30 minuti senza provocare alcuna circolazione del sangue.

Perché capire la morte è importante

I risultati del nostro studio sono importanti per alcuni motivi.

In primo luogo, l’osservazione che l’arresto e la ripresa dell’attività cardiaca e della circolazione fanno spesso parte del processo naturale della morte rassicurerà medici, infermieri e familiari al capezzale. I segnali intermittenti sui monitor da posto letto possono a volte essere allarmanti se gli osservatori li interpretano come segni che la vita sta tornando inaspettatamente. Il nostro studio fornisce la prova che gli arresti e gli inizi sono prevedibili durante un normale processo di morte senza RCP e che non portano alla ripresa della coscienza o alla sopravvivenza.

Lettura del monitor cardiacoRipresa flatline: l’attività cardiaca si interrompe e riprende durante il naturale processo di morte. Autore fornito

In secondo luogo, la nostra scoperta che la pausa più lunga prima che l’attività cardiaca riprendesse da sola era di quattro minuti e 20 secondi supporta l’attuale pratica di aspettare cinque minuti dopo l’arresto della circolazione prima di dichiarare la morte e procedere al recupero dell’organo . Questo aiuta a rassicurare le organizzazioni di donazione di organi che le pratiche di determinazione della morte sono sicure e appropriate.

I nostri risultati verranno utilizzati per informare meglio la politica e le linee guida per la pratica della donazione di organi a livello internazionale. Perché i sistemi di donazione funzionino, quando qualcuno viene dichiarato morto, deve esserci fiducia che la dichiarazione sia veramente vera. La fiducia consente alle famiglie di scegliere la donazione in un momento di dolore e consente alla comunità medica di garantire cure di fine vita sicure e coerenti.

Questo studio è importante anche per migliorare la nostra più ampia comprensione della storia naturale della morte. Abbiamo dimostrato che capire quando morto è davvero morto forse non è così semplice. Richiede un’attenta osservazione e un attento monitoraggio fisiologico del paziente. Inoltre, richiede la consapevolezza che, proprio come nella vita, ci sono molti modelli che il processo di morte può assumere.

Il nostro lavoro è un passo verso l’apprezzamento della complessità del morire e suggerisce che dobbiamo andare oltre l’idea di una linea piatta semplice per indicare quando si è verificata la morte.

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Laura Hornby, responsabile della ricerca e consulente presso il Children’s Hospital dell’Eastern Ontario Research Institute e Canadian Blood Services, e Nathan Scales, ingegnere biomedico e ricercatore associato presso il Dynamical Analysis Lab presso l’Ottawa Hospital Research Institute.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione

Categorie:Ricerca

Con tag: