Complicanze varie/eventuali

Quello che succede in bocca … non rimane in bocca

Le prove collegano i problemi con la salute orale a molte malattie

COLUMBUS, Ohio – Sappiamo che ciò che accade in bocca non rimane in bocca – ma la connessione della cavità orale con il resto del corpo va ben oltre la masticazione, la deglutizione e la digestione.

Pubblicità e progresso

Il microbioma orale umano sano è costituito non solo da denti puliti e gengive sode, ma anche da batteri efficienti dal punto di vista energetico che vivono in un ambiente ricco di vasi sanguigni che consente la comunicazione costante degli organismi con le cellule e le proteine ??del sistema immunitario.

Un numero crescente di prove ha dimostrato che questo sistema che sembra così separato dal resto del nostro corpo è in realtà molto influente e influenzato dalla nostra salute generale, ha detto Purnima Kumar, professore di parodontologia presso la Ohio State University, parlando a un conferenza scientifica questa settimana.

Ad esempio, è noto da tempo che il diabete di tipo 2 aumenta il rischio di malattie gengivali. Recenti studi che mostrano come il diabete colpisca i batteri della bocca aiutano a spiegare come il trattamento della parodontite che modifica i batteri orali riduce anche la gravità del diabete stesso.

Sono state trovate connessioni anche tra microbi orali e artrite reumatoide, capacità cognitive, esiti della gravidanza e malattie cardiache, supportando l’idea che una bocca malsana possa andare di pari passo con un corpo malsano.

“Ciò che accade nel tuo corpo ha un impatto sulla tua bocca, e questo a sua volta ha un impatto sul tuo corpo. È davvero un ciclo di vita”, ha detto Kumar.

Quando l’American Association for the Advancement of Science (AAAS) ha organizzato l’incontro annuale di quest’anno sugli ecosistemi dinamici, Kumar ha visto l’opportunità di mettere la bocca sulla mappa, per così dire, come una vivace comunità microbica che può dirci molto su noi stessi .

“Cosa c’è di più dinamico della porta del tuo corpo – la bocca? È così ignorato se ci pensi, ed è la parte più rivolta in avanti del tuo corpo che si interfaccia con l’ambiente, ed è collegata a questo intero sistema di tubi, ” lei disse. “Eppure studiamo tutto tranne la bocca.”

Kumar ha organizzato una sessione al meeting AAAS oggi (8 febbraio 2021) che ha intitolato “Sorriso assassino: il legame tra il microbioma orale e le malattie sistemiche”.

Il microbioma orale si riferisce alla raccolta di batteri – alcuni utili per l’uomo e altri no – che vivono nella nostra bocca.

Kumar ha condotto e collaborato a recenti ricerche che spiegano ulteriormente il legame tra salute orale e diabete di tipo 2, descritto per la prima volta negli anni ’90. È stata l’autore principale di uno studio del 2020 che ha confrontato i microbiomi orali di persone con e senza diabete di tipo 2 e come hanno risposto al trattamento non chirurgico della parodontite cronica.

Il team ha scoperto che la parodontite consente ai batteri, piuttosto che all’ospite umano, di prendere le redini nel determinare il mix di microbi e molecole infiammatorie nella bocca. Il trattamento della malattia gengivale ha portato al ripristino finale di una normale relazione ospite-microbioma, ma è avvenuto più lentamente nelle persone con diabete.

“I nostri studi hanno portato alla conclusione che le persone con diabete hanno un microbioma diverso dalle persone che non sono diabetiche”, ha detto Kumar. “Sappiamo che cambiare i batteri nella tua bocca e riportarli a ciò che il tuo corpo conosce come batteri sani e amichevoli migliora effettivamente il tuo controllo glicemico”.

Sebbene ci sia ancora molto da imparare, le basi di questa relazione tra il microbioma orale e la malattia sistemica sono diventate chiare.

I batteri orali usano l’ossigeno per respirare e scompongono semplici molecole di carboidrati e proteine ??per sopravvivere. Qualcosa di semplice come non lavarsi i denti per alcuni giorni può innescare una cascata di cambiamenti, soffocando l’apporto di ossigeno e facendo passare i microbi a uno stato fermentativo.

“Questo crea una fossa settica, che produce sottoprodotti e tossine che stimolano il sistema immunitario”, ha detto Kumar. Segue una risposta infiammatoria acuta, che produce proteine ??di segnalazione che i batteri vedono come cibo.

“Poi questa comunità – è un ecosistema – cambia. Gli organismi che possono abbattere le proteine ??iniziano a crescere di più e gli organismi che possono respirare in un ambiente affamato di ossigeno crescono. Il profilo batterico e, cosa più importante, la funzione del sistema immunitario cambia, ” lei disse.

L’infiammazione apre i pori tra le cellule che rivestono la bocca ei vasi sanguigni perdono, consentendo a quelli che sono diventati batteri malsani di entrare nella circolazione in tutto il corpo.

“Il corpo sta producendo infiammazione in risposta a questi batteri, e anche quei prodotti infiammatori si stanno spostando nel flusso sanguigno, quindi ora vieni martellato due volte. Il tuo corpo sta cercando di proteggerti e si rivolge contro se stesso”, ha detto Kumar. “E questi agenti patogeni stanno vivendo una giornata campale, attraversando i confini che non avrebbero mai dovuto attraversare”.

Gli esatti meccanismi dei legami tra il microbioma orale e malattie specifiche sono complessi e ancora in fase di studio, ma il segreto per una bocca sana non è affatto un segreto: la prevenzione delle malattie orali è semplice come lavarsi i denti e usare il filo interdentale e visitare il dentista due volte un anno per una pulizia professionale, ha detto Kumar.

L’Office of the US Surgeon General ha annunciato nel 2018 di aver commissionato un aggiornamento al suo rapporto del 2000 sulla salute orale, che è stato il primo ad essere pubblicato sull’argomento.

Kumar ha detto che l’enfasi nazionale sulla salute orale come elemento integrante del benessere generale rafforza la sua tesi secondo cui la bocca dovrebbe essere un “giocatore di pari opportunità” nei determinanti della salute.

“Rimettere la bocca nel corpo – questo è il mio obiettivo qui”, ha detto.