Tecno

Verso la fine delle biopsie invasive

I ricercatori della Hebrew University promuovono esami del sangue diagnostici semplici ed economici

Nella medicina diagnostica, le biopsie, in cui un campione di tessuto viene estratto per l’analisi, è uno strumento comune per l’individuazione di molte condizioni. Ma questo approccio ha diversi inconvenienti: può essere doloroso, non sempre estrae il tessuto malato e può essere utilizzato solo in una fase della malattia sufficientemente avanzata, rendendolo, in alcuni casi, troppo tardi per l’intervento. Queste preoccupazioni hanno incoraggiato i ricercatori a trovare opzioni meno invasive e più accurate per la diagnosi.

Pubblicità e progresso

Il professor Nir Friedman e il dottor Ronen Sadeh del Life Sciences Institute e della School of Computer Engineering hanno pubblicato uno studio su Nature Biotechnology che mostra come una vasta gamma di malattie può essere rilevata attraverso un semplice esame del sangue. Il test consente ai tecnici di laboratorio di identificare e determinare lo stato delle cellule morte in tutto il corpo e quindi diagnosticare varie malattie tra cui tumori e malattie del cuore e del fegato. Il test è anche in grado di identificare marcatori specifici che possono differire tra i pazienti affetti dagli stessi tipi di escrescenze tumorali, una caratteristica che ha il potenziale per aiutare i medici a sviluppare trattamenti personalizzati per i singoli pazienti.

Il test si basa su un processo naturale in base al quale ogni giorno milioni di cellule del nostro corpo muoiono e vengono sostituite da nuove cellule. Quando le cellule muoiono, il loro DNA viene frammentato e alcuni di questi frammenti di DNA raggiungono il sangue e possono essere rilevati mediante metodi di sequenziamento del DNA. Tuttavia, tutte le nostre cellule hanno la stessa sequenza di DNA e quindi il semplice sequenziamento del DNA non può identificare da quali cellule ha avuto origine. Mentre la sequenza del DNA è identica tra le cellule, il modo in cui il DNA è organizzato nella cellula è sostanzialmente diverso. Il DNA è confezionato in nucleosomi, piccole strutture ripetitive che contengono proteine ??specializzate chiamate istoni. Sulle proteine ??istoniche, le cellule scrivono un codice chimico univoco che può dirci l’identità della cellula e anche i processi biologici e patologici che stanno avvenendo al suo interno. Negli ultimi anni,

Un nuovo approccio avanzato dai ricercatori della Hebrew University, il professor Friedman e il dottor Ronen Sadeh è in grado di leggere con precisione queste informazioni dal DNA nel sangue e usarle per determinare la natura della malattia o del tumore, esattamente dove si trova nel corpo e persino quanto è sviluppato.

L’approccio si basa sull’analisi delle informazioni epigenetiche all’interno della cellula, un metodo che è stato sempre più perfezionato negli ultimi anni. “Come risultato di questi progressi scientifici, abbiamo capito che se queste informazioni sono mantenute all’interno della struttura del DNA nel sangue, potremmo utilizzare quei dati per determinare la fonte tissutale delle cellule morte e i geni che erano attivi in ??quelle stesse cellule. su questi risultati, possiamo scoprire dettagli chiave sulla salute del paziente “, spiega il professor Friedman. “Siamo in grado di capire meglio perché le cellule sono morte, sia che si tratti di un’infezione o di un cancro e in base a ciò siamo in una posizione migliore per determinare come si sta sviluppando la malattia”.

Insieme ai chiari vantaggi diagnostici di questo processo, il test è anche non invasivo e molto meno costoso delle biopsie tradizionali. Il dottor Ronen Sadeh ha dichiarato: “Ci auguriamo che questo approccio consenta una diagnosi precoce della malattia e aiuti i medici a trattare i pazienti in modo più efficace. Riconoscendo il potenziale di questo approccio e come questa tecnologia possa essere così vantaggiosa per scopi diagnostici e terapeutici, abbiamo stabilito up la società Senseera che si occuperà di test clinici in partnership con importanti aziende farmaceutiche con l’obiettivo di rendere disponibile questo approccio innovativo ai pazienti ”.

Categorie:Tecno

Con tag: