Comunicazione

In quale teoria del complotto credi?

Adv
typewriter, paper, conspiracy

Le persone sono vulnerabili a credere ciò che pensano sia giusto, soprattutto quando si tratta di identità

Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti, anche se la metà dei repubblicani ritiene che abbia rubato le elezioni. Molte persone credono alle teorie del complotto dall’altra parte dell’Atlantico. Ma non si trovano solo lì.

Le teorie del complotto non sono esclusive delle persone che prendono d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti.

“Tutti credono ad almeno una teoria del complotto”, dice Asbjørn Dyrendal, professore del Dipartimento di Filosofia e Studi Religiosi della NTNU specializzato in teorie del complotto.

Più teorie del complotto sollevi, più persone rispondono sì a una di esse.

Questo fatto porta il ricercatore americano Joseph Uscinski dell’Università di Miami a sostenere che tutte le persone credono in almeno una teoria del complotto. Dyrendal fondamentalmente è d’accordo, ma modifica leggermente la dichiarazione di Uscinski, dicendo che tutte le persone credono “un po’” a qualche teoria del complotto.

Forse non pensi che la Terra sia piatta o che gli sbarchi sulla Luna siano stati falsificati e tenuti nascosti da tutti i 400.000 individui coinvolti. Forse non credi che i vaccini causino l’autismo e che le autorità lo stiano facendo apposta, o che il 5G ti stia incasinando la testa, anche se non sei esattamente da solo in quel caso.

Siamo tutti più vulnerabili a credere ciò che pensiamo sia giusto, soprattutto quando è in gioco la nostra identità e le emozioni sono forti. Può essere un po ‘come le emozioni associate al calcio.

Questi esempi attivano gli stessi meccanismi che entrano in gioco quando i nostri pensieri si costruiscono su se stessi e si trasformano in convinzioni di cospirazione più radicate.

“Forse pensi che l’arbitro voglia prendere la tua squadra di calcio, soprattutto quando uno dei giocatori della tua squadra subisce un fallo in area di rigore e non viene chiamato nessun rigore”, dice Dyrendal.

Forse pensi anche che molti arbitri siano contro la tua squadra, soprattutto se credi di vedere uno schema, come se la tua squadra non riceva mai o solo raramente un calcio di rigore.

Questo pensiero di solito non equivale a una teoria della cospirazione in sé e per sé. Ma gli stessi meccanismi entrano in gioco quando i pensieri si costruiscono su se stessi e si trasformano in convinzioni di cospirazione più radicate.

Le persone possono anche avere gradi di pensiero complottista. C’è una differenza tra urlare all’arbitro in un momento caldo e credere che la Terra sia piatta.

Puoi trovare persone che credono nelle teorie del complotto più insolite ovunque, forse anche nel tuo specchio.

“Ma molte caratteristiche comuni si ripresentano”, afferma Dyrendal.

I teorici della cospirazione in genere:

  • tendono ad avere un po ‘meno istruzione.
  • più spesso vivono in società che hanno democrazie meno riuscite, il che influenza la fiducia negli altri e nelle autorità.
  • appartengono a gruppi che ritengono di dover avere più potere e influenza.
  • appartengono a organizzazioni politiche o gruppi religiosi speciali un po ‘più spesso.
  • più spesso usano l’intuizione – il loro “istinto” – quando prendono decisioni.
  • vedono le connessioni più spesso della maggior parte delle persone, anche dove tali connessioni non esistono, ed è più probabile che vedano l’intenzione come la causa degli eventi.
  • sono un po ‘più narcisisti e paranoici di altri.
  • più spesso ottengono le loro informazioni dai social media.

“Abbiamo notato che i teorici della cospirazione hanno più probabilità di trovare le loro fonti di notizie sui social media”, afferma Dyrendal.

Questo ha un po’ a che fare con il modo in cui funzionano i social media.

I social media possono creare camere di eco. I media sono strutturati in modo tale che ascolti principalmente da amici e altre fonti con cui sei già d’accordo. I “Mi piace” e i post su cui fai clic influenzano ciò che vedi in seguito. Questo rende facile confermare i sospetti e le percezioni che hai già. E troverai sempre una comunità di altre persone che si sentono e pensano un po ‘come te.

Tuttavia, incolpare Twitter e Facebook per questo fenomeno è una grossolana semplificazione. Può sembrare che più persone che mai credono nelle più strane teorie del complotto, ma in realtà non sappiamo se questo è vero.

Potresti pensare che gli uomini siano teorici della cospirazione più spesso delle donne, ma in realtà non è vero.

“Quando esaminiamo un gran numero di diverse teorie del complotto, non troviamo differenze di genere affidabili nei punteggi medi”, afferma Dyrendal.

Ma chi crede in quali teorie possono essere diverse, anche se le differenze non ruotano necessariamente esclusivamente intorno al genere. Potrebbero avere più a che fare con il dominio.

“Le persone che non amano l’uguaglianza e preferiscono la gerarchia vedono se stesse e il loro gruppo come superiori agli altri e credono di più nelle teorie del complotto che riguardano specificamente i gruppi sociali”, dice Dyrendal.

Questo tipo di preferenza per una chiara classificazione sociale si esprime in pregiudizi generali nei confronti di gruppi che sono visti come inferiori nella gerarchia sociale o che sono percepiti come una minaccia per la gerarchia sociale.

“Questi individui tendono a credere più facilmente a cospirazioni come l’immigrazione, il dominio ebraico, i musulmani o simili, e questa preferenza è un po ‘più forte negli uomini”, dice Dyrendal.

La caratteristica più importante dei teorici della cospirazione è che spesso fanno parte di vari gruppi che diffidano del governo e del modo in cui la maggior parte di noi vive oggi.

“Se appartieni a un gruppo che crede già negli scenari apocalittici e in un futuro salvatore, è probabilmente più facile credere in alcune delle teorie del complotto”, dice Dyrendal.

I cristiani evangelici negli Stati Uniti, ad esempio, troveranno più facile adottare teorie del complotto che si adattino alle loro altre convinzioni. Se sei convinto che il mondo come lo conosciamo finirà presto con la battaglia tra il bene e il male ad Armageddon, non è un grande salto credere che i politici negli ultimi decenni siano effettivamente emissari di Satana stesso.

Tra le persone che hanno preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti c’erano membri di QAnon. Questo è un gruppo che crede che Donald Trump abbia combattuto una guerra segreta contro un potente gruppo di pedofili adoratori di Satana, che include Hillary Clinton.

Ma i seguaci di QAnon non sono così numerosi come molte persone potrebbero suggerire alcuni media, almeno in proporzione alla popolazione degli Stati Uniti. QAnon può sembrare molto diffuso perché molte delle teorie del complotto adottate da QAnon erano già ben consolidate e molto più popolari prima.

“Ma in un paese con 330 milioni di abitanti, i numeri crescono rapidamente fino a raggiungere comunque una buona dimensione”, dice Dyrendal.

Il ricercatore di cospirazione Uscinski a Miami ha studiato QAnon per molto tempo e crede che il gruppo non sia cresciuto negli ultimi anni. Dovrebbe saperlo, dal momento che ha chiesto alla gente riguardo agli inizi del gruppo.

Ma la maggior parte delle persone che hanno preso d’assalto il Campidoglio erano persone completamente diverse. E quando metà dei repubblicani denuncia una frode elettorale che è stata respinta in modo schiacciante dai funzionari elettorali, non stiamo esattamente parlando di appartenere a qualche gruppo estremista.

Queste non sono solo le persone povere che credono che i poteri forti e i ricchi stiano cercando di opprimerli. Le connessioni sono intricate.

“Le convinzioni sulla cospirazione riguardano anche molte persone che vogliono di più. I sostenitori di Trump possono essere meno istruiti della popolazione media, ma hanno stipendi più alti”, dice Dyrendal.

I media spesso descrivono la maggior parte dei sostenitori di Trump come persone leggermente arretrate e svantaggiate delle aree rurali, ma questo semplicemente non è vero.

La maggior parte di noi non è così lontana come i pochi più strani. Il novantasei per cento dei norvegesi vaccina i propri figli.

Dyrendal ammette di non aver ancora perdonato l’arbitro nella partita tra Leeds e Bayern Monaco nel 1975.

Il Bayern Monaco ha vinto la finale di Coppa dei Campioni 2-0 dopo che l’arbitro ha annullato il gol di Peter Lorimer, quando ha stabilito Billy Bremner in fuorigioco e due volte non è riuscito a chiamare un rigore contro il Bayern Monaco.

Giudici francesi. Odiano le squadre britanniche, lo sanno tutti. E sono davvero facili da corrompere, giusto?

###

Altre letture:

Anastasiya Astapova, Eirikur Bergmann, Asbjørn Dyrendal, Annika Rabo, Kasper Grotle Rasmussen, Hulda Thórisdóttir, Andreas Önnerfors. Teorie del complotto e paesi nordici.

Asbjørn Dyrendal, Leif Edward Ottesen Kennair, Mons Bendixen. Predittori della fede nella teoria della cospirazione: il ruolo delle differenze individuali nei tratti schizotipici, credenze paranormali, orientamento al dominio sociale, autoritarismo di destra e mentalità del complotto. Personalità e differenze individuali Volume 173, aprile 2021, 110645. https: / doi. org / 10. 1016 / j. pagato. 2021. 110645

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: