Batticuore

Morte istantanea per infarto più comune nelle persone che non si esercitano

karate, sunset, fight

Photo by klimkin on Pixabay

Sophia Antipolis, 13 febbraio 2021: uno stile di vita attivo è associato a una minore possibilità di morire immediatamente per un attacco di cuore, secondo uno studio pubblicato oggi sull’European Journal of Preventive Cardiology , una rivista della European Society of Cardiology (ESC). 1

Le malattie cardiache sono la principale causa di morte a livello globale e la prevenzione è una delle principali priorità della salute pubblica. L’impatto benefico dell’attività fisica nell’arresto delle malattie cardiache e della morte improvvisa a livello di popolazione è ben documentato. Questo studio si è concentrato sull’effetto di uno stile di vita attivo rispetto a uno stile di vita sedentario sul decorso immediato di un infarto, un’area con poche informazioni.

Pubblicità e progresso

I ricercatori hanno utilizzato i dati di 10 coorti osservazionali europee, inclusi partecipanti sani con una valutazione di base dell’attività fisica che hanno avuto un attacco di cuore durante il follow-up, per un totale di 28.140 individui. I partecipanti sono stati classificati in base al loro livello settimanale di attività fisica nel tempo libero come sedentario, basso, moderato o alto.

L’associazione tra il livello di attività e il rischio di morte a causa di un attacco di cuore (istantaneamente ed entro 28 giorni) è stata analizzata separatamente in ciascuna coorte e quindi i risultati sono stati raggruppati. Le analisi sono state aggiustate per età, sesso, diabete, pressione sanguigna, storia familiare di malattie cardiache, fumo, indice di massa corporea, colesterolo nel sangue, consumo di alcol e stato socioeconomico.

Un totale di 4.976 (17,7%) partecipanti sono morti entro 28 giorni dal loro attacco di cuore – di questi, 3.101 (62,3%) sono morti all’istante. Nel complesso, un livello più alto di attività fisica era associato a un minor rischio di infarto fatale istantaneo e di 28 giorni, apparentemente in modo dose-risposta. I pazienti che si erano impegnati in livelli moderati e alti di attività fisica nel tempo libero avevano un rischio di morte istantanea del 33% e del 45% inferiore rispetto agli individui sedentari. A 28 giorni questi numeri erano rispettivamente del 36% e del 28%. La relazione con la bassa attività non ha raggiunto la significatività statistica.

L’autore dello studio, il dottor Kim Wadt Hansen del Bispebjerg Hospital, Copenhagen, Danimarca, ha dichiarato: “Quasi il 18% dei pazienti con un attacco di cuore è morto entro 28 giorni, confermando la gravità di questa condizione. Abbiamo riscontrato un beneficio immediato per la sopravvivenza della precedente attività fisica nel impostazione di un attacco di cuore, un beneficio che sembrava preservato a 28 giorni. ”

Ha osservato: “Sulla base delle nostre analisi, anche una bassa quantità di attività fisica nel tempo libero può in effetti essere utile contro attacchi cardiaci fatali, ma l’incertezza statistica ci impedisce di trarre conclusioni definitive su questo punto”.

Gli autori hanno affermato nel documento: “La nostra analisi aggregata fornisce un forte supporto per le raccomandazioni sull’attività fisica settimanale negli adulti sani dichiarate nelle Linee guida europee del 2016 sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari nella pratica clinica; 2 in particolare perché abbiamo utilizzato i valori limite per l’attività fisica paragonabili a quelli utilizzati nelle linee guida. ”

Le linee guida raccomandano che adulti sani di tutte le età eseguano almeno 150 minuti a settimana di intensità moderata o 75 minuti a settimana di attività fisica aerobica di intensità vigorosa o una combinazione equivalente di queste.

Il dottor Hansen ha concluso: “Ci sono molti modi per essere fisicamente attivi a costi minimi o nulli. Il nostro studio fornisce ulteriori prove per i benefici dell’esercizio fisico”.

Riferimenti

1 Hansen KW, Peytz N, Blokstra A, et al. Associazione di infarto miocardico fatale con il livello passato di attività fisica: un’analisi aggregata di studi di coorte. Eur J Prev Cardiol . 2021. doi: 10.1093 / eurjpc / zwaa146.
Il collegamento sarà attivo alla pubblicazione: https: / accademico. oup. com / eurjpc / article-lookup / doi / 10. 1093 / eurjpc / zwaa146

2Piepoli MF, Hoes AW, Agewall S, et al. Linee guida europee 2016 sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari nella pratica clinica. Eur Heart Journal . 2016; 37: 2315-2381.