Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Pancreas artificiale: lo stato dell’arte

Nuovi sistemi di insulina a circuito chiuso

I progressi nelle tecnologie per il diabete hanno consentito lo sviluppo di sistemi automatici di somministrazione di insulina a circuito chiuso. Sono stati commercializzati diversi sistemi ibridi a circuito chiuso, che riflettono la rapida transizione di questa tecnologia in evoluzione dalla ricerca alla pratica clinica, dove sta gradualmente trasformando la gestione del diabete di tipo 1 nei bambini e negli adulti. In questa recensione pubblicata sulla rivista scientifica dell’EASD dello scorso 6 febbraio “Diabetologia” (full text), autori i dottori medici diabetologi: Charlotte K. Boughton e Roman Hovorka vengono fornite le prove a sostegno, in termini di controllo del glucosio e qualità della vita, per i sistemi a circuito chiuso attualmente disponibili e quelli in via di sviluppo, inclusi i sistemi a circuito chiuso a doppio ormone. I ricercatori angloamericani offrono anche una panoramica sui sistemi a circuito chiuso alternativi “fai da te”, sulle questioni associate all’adozione clinica di questi approcci, inclusa l’offerta di formazione.

Pubblicità e progresso

I sistemi ibridi di somministrazione di insulina a circuito chiuso stanno trasformando gradualmente la gestione clinica del diabete di tipo 1. Essi comprendono un monitor indossato a livello sottocutaneo per controllo continuo del glucosio (CGM o sensore di glucosio), dispositivo, comunicante con un algoritmo che risponde in tempo reale alle variazioni dei livelli di glucosio sensore, e regola l’infusione sottocutanea trasportato da una pompa di insulina (Fig. 1 ).

Sebbene il concetto di somministrazione di insulina reattiva al glucosio esista da 50 anni, i precedenti sviluppi dei sistemi a circuito chiuso sono stati ostacolati dalla mancanza di dispositivi CGM accurati e affidabili, dall’indisponibilità di congegni computazionali indossabili e da protocolli di comunicazione wireless sicuri, e sfidati da limitazioni. nei dispositivi a pompa di insulina. Con i progressi della tecnologia CGM, la forma più semplice di somministrazione automatizzata di insulina è stata ottenuta con sistemi di sospensione dell’erogazione dell’insulina con l’abbassamento del glucosio ematico, in cui l’erogazione di insulina viene sospesa quando il glucosio del sensore supera una soglia specificata, e sistemi di gestione predittiva del glucosio, in cui la somministrazione di insulina viene sospesa quando un algoritmo prevedere s che il glucosio sensore possa superare la soglia bassa glucosio [ 1 , 2]. Questi sistemi riducono l’ipoglicemia, sebbene a volte a scapito di una maggiore iperglicemia [ 3 ]. Questi sono stati concettualmente passi fondamentali nel viaggio verso la somministrazione di insulina completamente automatizzata e un vero “pancreas artificiale”.

Un sistema a circuito chiuso è più sofisticato, con un algoritmo di controllo che regola l’erogazione di insulina (su e giù) in risposta ai livelli di glucosio del sensore in tempo reale e ad altri input, come l’assunzione di pasti. L’algoritmo può adattarsi alla variabilità del fabbisogno di insulina tra e all’interno dei singoli utenti e tenere conto dei limiti dell’accuratezza del CGM e delle imprecisioni nell’erogazione di insulina sottocutanea. L’adattamento dell’algoritmo di controllo ai cambiamenti delle condizioni fisiologiche con la regolazione in tempo reale dei parametri di controllo a circuito chiuso è vantaggioso per prestazioni ottimali. Sono stati sviluppati diversi tipi di algoritmi di controllo, inclusi algoritmi di controllo predittivo modello (MPC), controllori PID (Proporional Integral Derivative) e approcci di controllo fuzzy logic. Gli algoritmi MPC calcolano la somministrazione di insulina riducendo al minimo la differenza tra le concentrazioni di glucosio previste dal modello e il glucosio target su un orizzonte temporale predittivo prestabilito. I controllori PID regolano la somministrazione di insulina valutando le escursioni del glucosio da tre prospettive: (1) deviazione dal glucosio target (componente proporzionale); (2) area sotto la curva tra glucosio misurato e target (componente integrale); e (3) velocità di variazione del glucosio misurato (componente derivato). L’approccio fuzzy logic modula la somministrazione di insulina sulla base di regole approssimative per esprimere la conoscenza empirica dei professionisti del diabete.

Il primo sistema commerciale a circuito chiuso, il MiniMed 670G (Medtronic, Northridge, CA, USA) è stato approvato dalla Food and Drug Administration statunitense nel settembre 2016 per l’uso in persone con diabete di tipo 1 di età pari o superiore a 14 anni [ 5 ]. Questo sistema ibrido a circuito chiuso richiede agli utenti di inserire manualmente l’insulina prandiale con automazione della somministrazione di insulina tra i pasti e durante la notte. Da allora sono stati commercializzati molti altri sistemi ibridi a circuito chiuso e vengono sempre più utilizzati nelle cure cliniche di routine per le persone con diabete di tipo 1.

Gli studi clinici che valutano la sicurezza e l’efficacia dei sistemi ibridi a circuito chiuso si sono evoluti da piccoli studi altamente supervisionati, intrapresi durante la notte o per 24 ore in strutture di ricerca, a più ampi studi randomizzati controllati di uso domestico senza restrizioni, condotti per 6 mesi o più. Una meta-analisi, pubblicata nel 2018, di 40 primi studi ambulatoriali, riporta l’efficacia e la sicurezza dei sistemi ibridi a circuito chiuso nelle persone con diabete di tipo 1 [ 6]. I precedenti sistemi a circuito chiuso erano associati a un miglioramento di 9,6 punti percentuali nel tempo nell’intervallo glicemico target (3,9-10,0 mmol / l) rispetto alle terapie di confronto (> 2 ore aggiuntive / giorno) e al tempo ridotto nell’ipoglicemia (<3,9 mmol / l ) di 1,5 punti percentuali (circa 20 min / giorno) rispetto al trattamento di controllo. I sistemi ibridi a circuito chiuso hanno un effetto favorevole sull’HbA 1c , con una riduzione dello 0,3–0,4% rispetto alla terapia di controllo in studi con una durata superiore a 8 settimane per intervento. Sebbene questo effetto appaia modesto, ciò nonostante, la riduzione dell’ipoglicemia osservata in molti di questi studi, nonché il basso livello di HbA 1cal reclutamento, riflettendo un buon controllo glicemico di base dei partecipanti allo studio. Benefici simili sono stati riportati in una meta-analisi di 25 studi sulla popolazione pediatrica [ 7 ].

I singoli studi randomizzati controllati dimostrano i benefici glicemici dei sistemi ibridi a circuito chiuso rispetto alle terapie di confronto, ma i confronti di efficacia tra i sistemi ibridi a circuito chiuso in diversi studi sono ostacolati dalla variazione delle caratteristiche di base dei partecipanti, della durata dello studio e del disegno. Gli studi che includono partecipanti con esperienza variabile nell’uso della tecnologia del diabete (su più iniezioni giornaliere di insulina e senza l’uso precedente di sensori) e provenienti da contesti socioeconomici più diversi sono importanti per supportare la generalizzabilità dei benefici.

Impatto psicosociale dei sistemi a circuito chiuso

L’impatto della tecnologia a ciclo chiuso sulle misure di qualità della vita è stato esaminato in diversi studi [ 8]. I benefici psicosociali riportati dagli utenti includono la riduzione dell’ansia, il miglioramento del sonno e la fiducia da un migliore controllo del glucosio durante la notte, abitudini alimentari meno restrittive e ‘tempo libero’ dalle richieste della gestione del diabete. Le sfide segnalate includono problemi tecnici, invadenza degli allarmi e carico delle apparecchiature, oltre alle difficoltà iniziali nell’affidarsi al sistema. La maggior parte dei partecipanti a studi a ciclo chiuso riferisce che continuerebbe a utilizzare la terapia a ciclo chiuso o la consiglierebbe ad altri poiché i benefici clinici superano le carenze del sistema. Gli studi psicosociali hanno in gran parte incluso partecipanti coinvolti in studi a circuito chiuso che potrebbero non essere rappresentativi della popolazione più ampia che vive con il diabete di tipo 1.

Sistemi a circuito chiuso disponibili in commercio

Medtronic 670G e 780G

La sicurezza e l’efficacia del primo sistema ibrido a circuito chiuso approvato in commercio (pompa per insulina Medtronic 670G con sensore Guardian 3) sono state valutate in uno studio prima e dopo non randomizzato su 30 adolescenti e 94 adulti con diabete di tipo 1, per oltre 3 mesi [ 9]. La proporzione del tempo trascorso nell’intervallo glicemico target (3,9-10 mmol / l) è aumentata dal 60% al basale al 67% con il sistema a circuito chiuso negli adolescenti e dal 69% al 74% negli adulti. Il tempo trascorso nell’ipoglicemia (<3,9 mmol / l) è stato ridotto con il sistema a circuito chiuso e nello studio non si sono verificati episodi di ipoglicemia grave o chetoacidosi diabetica. Uno studio simile prima e dopo che valuta l’uso di questo dispositivo in 105 bambini più piccoli di età compresa tra 7 e 13 anni ha riportato un aumento del tempo nell’intervallo target e una riduzione del tempo nell’ipoglicemia con il sistema a circuito chiuso [ 10 ].

È stato sviluppato un sistema ibrido a circuito chiuso avanzato di seconda generazione (AHCL [780G, Medtronic]) per migliorare ulteriormente il controllo glicemico e l’usabilità, con glucosio target regolabile e boli di correzione automatizzati. Lo studio FLAIR (Fuzzy Logic Automated Insulin Regulation) ha confrontato direttamente il Medtronic 670G con il sistema AHCL in adolescenti e giovani adulti con diabete di tipo 1. Il tempo nell’intervallo del glucosio target era maggiore con il sistema AHCL rispetto al Medtronic 670G, mentre il tempo nell’ipoglicemia era simile. Il sistema AHCL è stato associato a un numero inferiore di avvisi di sistema, uscite dalla modalità automatica ridotte e maggiore tempo trascorso in modalità automatica (86% contro 75%) [ 11 ].

Controllo tandem-IQ

Nello studio a circuito chiuso controllato e randomizzato più lungo fino ad oggi, che ha coinvolto 168 persone con diabete di tipo 1 (età ? 14 anni), il sistema Control-IQ (t: pompa X2 slim con sensore Dexcom G6 [Tandem, San Diego, CA, USA ]) è stato confrontato con la terapia con pompa aumentata dal sensore per 6 mesi  [ 12 ]. Il tempo nell’intervallo glicemico target è aumentato di 10 punti percentuali rispetto al basale con il sistema a circuito chiuso (dal 61% al 71%) mentre non si è verificato alcun cambiamento nel gruppo di controllo (dal 59% al 59%). Il tempo trascorso nell’ipoglicemia è stato ridotto con il sistema a circuito chiuso rispetto al gruppo di controllo e si è verificato un miglioramento dell’HbA1c . In particolare, tutti i partecipanti hanno completato lo studio, suggerendo un’elevata accettabilità della tecnologia.

In un altro studio, il sistema Control-IQ è stato confrontato con la terapia con pompa potenziata dal sensore in 101 bambini più piccoli con diabete di tipo 1, di età compresa tra 6 e 13 anni, per più di 16 settimane). Il gruppo a ciclo chiuso ha avuto miglioramenti nel tempo significativamente maggiori nell’intervallo target, mentre il tempo trascorso in ipoglicemia è stato simile tra il gruppo a circuito chiuso e il gruppo di controllo [ 13 ].

CamAPS FX

CamAPS FX è la prima applicazione (app) ibrida interoperabile per telefoni cellulari a circuito chiuso, che utilizza un algoritmo di controllo sviluppato presso l’Università di Cambridge (CamDiab; Cambridge, Regno Unito). Al momento, l’app, ospitata su uno smartphone Android sbloccato, comunica con le pompe Dana RS e Dana-i e il sensore Dexcom G6, ma in futuro comunicherà con pompe aggiuntive e sistemi CGM. L’algoritmo è stato ampiamente valutato in studi controllati randomizzati inclusi bambini, adolescenti, adulti e donne in gravidanza con diabete di tipo 1 [ 14 , 15 ]. In uno studio controllato randomizzato che includeva 86 bambini e adulti con controllo glicemico subottimale (HbA 1c al basale > 58 mmol / mol [7,5%]), l’uso a ciclo chiuso ha aumentato il tempo nell’intervallo target su 12 settimane rispetto alla terapia con pompa aumentata dal sensore [ 16 ]. Il tempo trascorso nell’ipoglicemia è stato inferiore nel gruppo a circuito chiuso rispetto al gruppo di controllo e anche l’HbA1c è migliorato con l’uso a circuito chiuso.

È stato dimostrato che la somministrazione di insulina a circuito chiuso utilizzando l’algoritmo di Cambridge è fattibile anche nei bambini più piccoli, di età compresa tra 1 e 7 anni. In uno studio che confrontava il sistema a circuito chiuso Cambridge che utilizzava insulina diluita con lo stesso sistema a circuito chiuso che utilizzava insulina a concentrazione standard in bambini di età compresa tra 2 e 7 anni, il tempo nell’intervallo del glucosio target era> 70% e il tempo nell’ipoglicemia era <5 % durante entrambi gli interventi. Non ci sono stati benefici in termini di sicurezza o efficacia dell’uso di insulina diluita rispetto all’uso di insulina a dosaggio standard  [ 17 ].

In uno studio controllato randomizzato che ha coinvolto 16 donne in gravidanza con diabete di tipo 1, l’uso a circuito chiuso durante la notte è stato associato a un aumento del tempo nell’intervallo di glucosio più stretto raccomandato durante la gravidanza (3,5-7,8 mmol / l) rispetto alla terapia con pompa potenziata dal sensore (75% vs 60%), senza aumentare il rischio di ipoglicemia [ 14 ]. Durante la fase di continuazione, il sistema a circuito chiuso è stato utilizzato 24 ore al giorno, anche durante il travaglio e il parto, e il tempo nell’intervallo di glucosio target era del 69%.

Anticipazioni sui sistemi ibridi commerciali a circuito chiuso

Il sistema ibrido a circuito chiuso Diabeloop, che comprende un trasmettitore contenente l’algoritmo, la pompa Kaleido e il sensore Dexcom G6 (DBLG1; Diabeloop, Grenoble, Francia), è stato confrontato con la terapia con pompa potenziata dal sensore in 68 adulti con diabete di tipo 1, nel impostazione domestica, con monitoraggio remoto per 12 settimane [ 18 ]. Il tempo con il glucosio nell’intervallo target era di 9 punti percentuali maggiore con la terapia a circuito chiuso rispetto alla terapia di controllo (69% vs 59%) e il tempo in ipoglicemia era significativamente inferiore con l’uso a circuito chiuso rispetto al periodo di controllo. Il sistema ibrido a circuito chiuso DBLG1 ha ricevuto il marchio CE per l’uso negli adulti con diabete di tipo 1 e dovrebbe essere commercializzato.

Il sistema ibrido a circuito chiuso Insulet Omnipod Horizon, che comprende la pompa Omnipod e il sensore Dexcom G6 (Insulet, Billerica, MA, USA), e il sistema ibrido a circuito chiuso iLet di sola insulina Beta Bionics, che comprende il sistema iLet Bionic Pancreas e Dexcom G6 sensor (Beta Bionics, Boston, MA, USA), sono entrambi attualmente in fase di valutazione in prove cardine con lanci previsti nei prossimi 1-2 anni.

Sistemi a circuito chiuso fai-da-te

Le comunità che si aggrega sul sistema di  pancreas artificiale fai-da-te (DIYAPS) ??sono nate dalla loro frustrazione per il lento progresso dei cicli di sviluppo dei dispositivi medici (il movimento #wearenotwaiting). Le comunità sviluppano e applicano sistemi a circuito chiuso ad accesso aperto (ad es. Il sistema Open Artificial Pancreas [OpenAPS], Loop e AndroidAPS), che non sono soggetti a una panoramica e approvazione normativa. Senza dover attendere l’approvazione normativa per i nuovi sviluppi, questi sistemi beneficiano di cicli di innovazione più rapidi e possono essere più flessibili in termini di personalizzazione. In linea di principio, l’accesso è aperto a chiunque, ma gli utenti devono essere in grado di costruire e mantenere il proprio sistema, anche se con il supporto della comunità stessa. Il ruolo degli operatori sanitari nel sostenere l’uso di sistemi non regolamentati continua a essere dibattuto.

Diverse migliaia di persone utilizzano sistemi fai-da-te a livello globale. Gli studi osservazionali prima e dopo mostrano miglioramenti nel tempo nell’intervallo di glucosio target, HbA1c e qualità della vita, ma nessuno studio randomizzato controllato longitudinale ha valutato l’efficacia e la sicurezza di questi sistemi [ 19 ]. È in corso uno studio clinico randomizzato di una versione di AndroidAPS (ACTRN12620000034932p).

Sistemi a ciclo chiuso a doppio ormone

La risposta fisiologica del glucagone all’ipoglicemia è spesso ridotta nel diabete di tipo 1; pertanto, l’aggiunta di glucagone a un sistema a circuito chiuso conferisce una protezione aggiuntiva dall’ipoglicemia e può consentire una somministrazione più aggressiva di insulina per ottenere un migliore controllo del glucosio. I potenziali benefici sono controbilanciati da una maggiore complessità del sistema, dalla necessità di due sistemi di infusione separati e dalla mancanza di glucagone approvato stabile a temperatura ambiente per la somministrazione sottocutanea cronica. Attualmente non sono disponibili in commercio sistemi a ciclo chiuso a doppio ormone, sebbene molti siano in fase di sviluppo.

Il più lungo studio a circuito chiuso a doppio ormone, con monitoraggio remoto, ha incluso 43 adulti con diabete di tipo 1 con annunci di pasti opzionali per un periodo di 11 giorni. Il tempo nell’intervallo del glucosio target è stato aumentato (78% vs 62%) e l’ipoglicemia (<3,3 mmol / l) è stata ridotta (0,6% vs 1,9%) con l’uso a ciclo chiuso di due ormoni rispetto alla sola terapia con microinfusore [20]. Uno studio più breve, della durata di 5 giorni, che ha coinvolto 32 adolescenti con diabete di tipo 1, ha dimostrato un aumento di 21 punti percentuali nel tempo nell’intervallo del glucosio target durante il periodo a circuito chiuso rispetto al periodo di controllo, ma il tempo nell’ipoglicemia era simile tra i gruppi [21 ]. Uno studio ambulatoriale di oltre 60 ore ha confrontato sistemi a doppio ormone con singolo ormone a circuito chiuso in 23 adulti con diabete di tipo 1 e non ha mostrato differenze di tempo nell’intervallo di glucosio target (79% vs 75%) o tempo nell’ipoglicemia (<4,0 mmol / l; 3,6% vs 3,9%), ma sono necessari studi più lunghi per indagare appieno le potenziali differenze [22].

La pramlintide è un analogo dell’amilina, che viene co-secreta con l’insulina dalle cellule beta e riduce le escursioni del glucosio postprandiale rallentando lo svuotamento gastrico [ 23 ]. Un nuovo sistema a ciclo chiuso a doppio ormone che fornisce un rapporto fisso di pramlintide: insulina è stato valutato durante uno studio ospedaliero di 24 ore su adulti con diabete di tipo 1. Il sistema a doppio ormone ha migliorato il tempo nell’intervallo target rispetto a un sistema di sola insulina (84% vs 74%), un effetto attribuibile al miglioramento del controllo glicemico diurno [ 24 ]. I sintomi gastrointestinali sono stati riportati più frequentemente durante l’uso di sistemi a circuito chiuso con pramlintide rispetto alla sola insulina. La co-somministrazione di Pramlintide può supportare lo sviluppo di sistemi a circuito completamente chiuso, eliminando la necessità di un’erogazione prandiale di insulina avviata manualmente.

Considerazioni sulla formazione

La formazione di utenti e professionisti sanitari di alta qualità è essenziale per garantire che i vantaggi clinici dei sistemi ibridi a circuito chiuso siano realizzati nel contesto del mondo reale. Questa è una considerazione importante per le analisi economiche sanitarie, per supportare l’adozione, l’attuazione e il rimborso. Stabilire aspettative realistiche della terapia ibrida a circuito chiuso e ribadire l’importanza delle competenze e dei compiti fondamentali del diabete è importante per promuovere l’uso a lungo termine e risultati clinici ottimali. Sono stati sviluppati programmi di formazione, utilizzando approcci online e faccia a faccia, per supportare gli utenti a massimizzare i benefici glicemici e di qualità della vita della terapia a circuito chiuso [ 25 ].

Limitazioni dei sistemi a circuito chiuso

Il primo utilizzo nel mondo reale del primo sistema ibrido a circuito chiuso approvato commercialmente (Medtronic 670G) ha rivelato problemi di usabilità. Il sistema richiedeva un input significativo da parte dell’utente per rimanere in modalità automatica e, in uno studio prospettico osservazionale, un terzo degli utenti ha interrotto l’uso della modalità automatica durante il primo anno dopo l’inizio [ 26 ]. I fattori che influenzano l’interruzione includono problemi di CGM (calibrazioni), numero di allarmi e sforzi per limitare le uscite dalla modalità automatica [ 27 ]. I problemi di usabilità possono impedire la realizzazione dei vantaggi dei sistemi a circuito chiuso poiché l’aumento del tempo in modalità automatica è associato a migliori risultati glicemici [ 28 ].

Alcuni sistemi ibridi a circuito chiuso di prima generazione utilizzano un target di glucosio relativamente alto (6,7 mmol / l) e mancano di flessibilità per regolare il target in base alle esigenze dell’utente. Ciò rende il sistema inadatto a coloro che mirano a un controllo glicemico più stretto, comprese le donne in gravidanza.

Le escursioni del glucosio postprandiale rimangono una sfida per i sistemi a circuito chiuso a causa dei ritardi intrinseci nell’assorbimento sottocutaneo di insulina. L’interazione dell’utente con un conteggio accurato dei carboidrati e il bolo pre-pasto è necessaria per un controllo glicemico ottimale. I tentativi di ridurre il carico di lavoro dell’utente con boli pasto semplificati o sistemi a ciclo completamente chiuso hanno portato a un controllo glicemico compromesso [ 29 , 30 ].

La gestione dell’attività fisica può essere difficile principalmente a causa dell’aumento del rischio di ipoglicemia e dell’alterata sensibilità all’insulina. Anche con l’erogazione di insulina reattiva al glucosio a ciclo chiuso, gli utenti di solito devono pianificare l’esercizio, annunciando l’esercizio all’algoritmo in anticipo e possono comunque richiedere l’assunzione di carboidrati per prevenire l’ipoglicemia [ 31 , 32 ]. Il carico di carboidrati prima dell’esercizio può essere problematico con la somministrazione di insulina reattiva al glucosio, spesso con conseguente ipoglicemia durante l’esercizio.

Importanti considerazioni etiche includono la garanzia di un accesso equo, formazione e supporto per la tecnologia a circuito chiuso e la protezione della riservatezza e della sicurezza degli utenti da violazioni della sicurezza [ 33 ].

Sviluppi futuri nella somministrazione automatizzata di insulina

I futuri sistemi a circuito chiuso trarranno vantaggio da componenti individuali migliorati; Dispositivi CGM più piccoli e precisi con tempi di utilizzo più lunghi e microinfusori per insulina più piccoli con l’interfaccia utente trasferita a uno smartphone / orologio miglioreranno l’usabilità e ridurranno al minimo il carico del dispositivo. I dispositivi interoperabili e le piattaforme di gestione dei dati offrono agli utenti la flessibilità di creare il proprio ecosistema a circuito chiuso personalizzato.

L’introduzione di nuovi analoghi dell’insulina ad azione più rapida (Fiasp e Ultra-Rapid Lispro) offre l’opportunità di migliorare potenzialmente le prestazioni dei sistemi a circuito chiuso con un inizio e un offset più rapidi dell’azione dell’insulina dopo il rilascio sottocutaneo. Brevi studi che confrontano l’insulina ad azione rapida con l’insulina standard utilizzando il sistema Medtronic 670G non hanno mostrato benefici significativi, ma sono necessari studi più lunghi per valutare completamente i sistemi a circuito chiuso con insulina ad azione più rapida [ 34 , 35 ]. Le insuline ad azione più rapida non sono ancora approvate per l’uso nella pompa t: slim X2 e, quindi, nel sistema a circuito chiuso Control-IQ.

L’integrazione di segnali aggiuntivi ad algoritmi, come la frequenza cardiaca o l’accelerometria, per rilevare più rapidamente l’attività fisica rispetto al solo CGM, può ridurre l’ipoglicemia correlata all’esercizio. Se efficace, questo sarebbe particolarmente utile nei bambini piccoli in cui l’attività è solitamente spontanea e imprevedibile e l’ipoglicemia è una delle principali preoccupazioni.

Conclusioni

Gli ultimi 5 anni hanno visto il successo della transizione dei sistemi a circuito chiuso dalla ricerca alla pratica clinica di routine per la gestione del diabete di tipo 1. C’è ancora spazio per ulteriori miglioramenti per ottimizzare il controllo del glucosio postprandiale, la gestione dell’esercizio e l’usabilità prima che si possa affermare che questa tecnologia migliora veramente il peso del diabete. L’adozione e il rimborso diffusi di sistemi a circuito chiuso saranno fondamentali per garantire un accesso equo a questa tecnologia.

Abbreviazioni

AHCL:

Circuito chiuso ibrido avanzato

App:

Applicazione (telefono cellulare)

CGM:

Monitoraggio continuo del glucosio

MPC:

Controllo predittivo del modello

PID:

Derivata integrale proporzionale

Riferimenti

  1. 1.

Bergenstal RM, Klonoff DC, Garg SK et al (2013) Interruzione della pompa di insulina basata sulla soglia per la riduzione dell’ipoglicemia. N Engl J Med 369 (3): 224–232. https://doi.org/10.1056/NEJMoa1303576

CAS Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 2.

Forlenza GP, Li Z, Buckingham BA et al (2018) Predictive low-glucose suspend riduce l’ipoglicemia in adulti, adolescenti e bambini con diabete di tipo 1 in uno studio crossover randomizzato a casa: risultati dello studio PROLOG. Diabetes Care 41 (10): 2155–2161. https://doi.org/10.2337/dc18-0771

CAS Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 3.

Battelino T, Nimri R, Dovc K, Phillip M, Bratina N (2017) Prevenzione dell’ipoglicemia con sospensione predittiva di insulina a basso contenuto di glucosio nei bambini con diabete di tipo 1: uno studio controllato randomizzato. Diabetes Care 40 (6): 764–770. https://doi.org/10.2337/dc16-2584

CAS Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 4.

El Youssef J, Castle J, Ward WK (2009) Una revisione degli algoritmi a circuito chiuso per il controllo glicemico nel trattamento del diabete di tipo 1. Algoritmi 2 (1): 518–532. https://doi.org/10.3390/a2010518

  1. 5.

Bergenstal R, Garg S, Weinzimer SA et al (2016) Sicurezza di un sistema di somministrazione di insulina ibrido a circuito chiuso in pazienti con diabete di tipo 1. GIAMA 316 (13): 1407–1408. https://doi.org/10.1001/jama.2016.11708

Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 6.

Bekiari E, Kitsios K, Thabit H et al (2018) Trattamento del pancreas artificiale per pazienti ambulatoriali con diabete di tipo 1: revisione sistematica e meta-analisi. BMJ 361. https://doi.org/10.1136/bmj.k1310

  1. 7.

Karageorgiou V, Papaioannou TG, Bellos I et al (2019) Efficacia del pancreas artificiale nella popolazione non adulta: una revisione sistematica e una meta-analisi di rete. Metabolismo 90: 20-30. https://doi.org/10.1016/j.metabol.2018.10.002

  1. 8.

Farrington C (2018) Impatti psicosociali dei sistemi ibridi a circuito chiuso nella gestione del diabete: una revisione. Diabet Med 35 (4): 436–449. https://doi.org/10.1111/dme.13567

CAS Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 9.

Garg SK, Weinzimer SA, Tamborlane WV et al (2017) Risultati del glucosio con l’uso domiciliare di un sistema di somministrazione di insulina ibrido a circuito chiuso in adolescenti e adulti con diabete di tipo 1. Diabetes Technol Ther 19 (3): 155–163. https://doi.org/10.1089/dia.2016.0421

CAS Articolo PubMed PubMed Central Google Scholar 

  1. 10.

Forlenza GP, Pinhas-Hamiel O, Liljenquist DR et al (2019) Valutazione della sicurezza del sistema MiniMed 670G nei bambini di età compresa tra 7 e 13 anni con diabete di tipo 1. Diabetes Technol Ther 21 (1): 11-19. https://doi.org/10.1089/dia.2018.0264

CAS Articolo PubMed PubMed Central Google Scholar 

  1. 11.

Bergenstal RM, Nimri R, Beck RW et al (2021) Un confronto di due sistemi ibridi a circuito chiuso in adolescenti e giovani adulti con diabete di tipo 1 (FLAIR): uno studio multicentrico, randomizzato, crossover. Lancet 397 (10270): 208–219. https://doi.org/10.1016/S0140-6736(20)32514-9

  1. 12.

Brown SA, Kovatchev BP, Raghinaru D et al (2019) Studio randomizzato e multicentrico di sei mesi sul controllo a circuito chiuso nel diabete di tipo 1. N Engl J Med 381 (18): 1707-1717. https://doi.org/10.1056/NEJMoa1907863

CAS Articolo PubMed PubMed Central Google Scholar 

  1. 13.

Breton MD, Kanapka LG, Beck RW et al (2020) Uno studio randomizzato di controllo a circuito chiuso in bambini con diabete di tipo 1. N Engl J Med 383 (9): 836–845. https://doi.org/10.1056/NEJMoa2004736

CAS Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 14.

Stewart ZA, Wilinska ME, Hartnell S et al (2016) Consegna di insulina a circuito chiuso durante la gravidanza in donne con diabete di tipo 1. N Engl J Med 375 (7): 644–654. https://doi.org/10.1056/NEJMoa1602494

CAS Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 15.

Thabit H, Tauschmann M, Allen JM et al (2015) Uso domestico di una cellula beta artificiale nel diabete di tipo 1. N Engl J Med 373 (22): 2129–2140. https://doi.org/10.1056/NEJMoa1509351

CAS Articolo PubMed PubMed Central Google Scholar 

  1. 16.

Tauschmann M, Thabit H, Bally L et al (2018) Consegna di insulina a circuito chiuso nel diabete di tipo 1 controllato in modo subottimale: uno studio multicentrico randomizzato di 12 settimane. Lancet 392 (10155): 1321–1329. https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31947-0

  1. 17.

Tauschmann M, Allen JM, Nagl K et al (2019) Uso domiciliare della somministrazione di insulina ibrida a ciclo chiuso giorno e notte in bambini molto piccoli: uno studio multicentrico, randomizzato di 3 settimane. Diabetes Care 42 (4): 594–600. https://doi.org/10.2337/dc18-1881

CAS Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 18.

Benhamou PY, Franc S, Reznik Y et al (2019) Consegna di insulina a circuito chiuso negli adulti con diabete di tipo 1 in condizioni di vita reale: uno studio crossover controllato randomizzato multicentrico di 12 settimane in aperto. Lancet Digital Health 1 (1): E17 – E25

Articolo Google Scholar 

  1. 19.

Lewis D, Leibrand S (2016) Uso nel mondo reale di sistemi di pancreas artificiale open source. J Diabetes Sci Technol 10 (6): 1411. https://doi.org/10.1177/1932296816665635

Articolo PubMed PubMed Central Google Scholar 

  1. 20.

El-Khatib FH, Balliro C, Hillard MA et al (2017) Uso domiciliare di un pancreas bionico biormonale rispetto alla terapia con pompa di insulina negli adulti con diabete di tipo 1: uno studio crossover randomizzato multicentrico. Lancet 389 (10067): 369-380. https://doi.org/10.1016/S0140-6736(16)32567-3

  1. 21.

Russell SJ, El-Khatib FH, Sinha M et al (2014) Controllo glicemico ambulatoriale con pancreas bionico nel diabete di tipo 1. N Engl J Med 371 (4): 313–325. https://doi.org/10.1056/NEJMoa1314474

CAS Articolo PubMed PubMed Central Google Scholar 

  1. 22.

Haidar A, Messier V, Legault L, Ladouceur M, Rabasa-Lhoret R (2017) Controllo glicemico ambulatoriale diurno e notturno di 60 ore con pancreas artificiale a doppio ormone, pancreas artificiale a ormone singolo o terapia con pompa aumentata dal sensore in adulti con diabete di tipo 1: uno studio in aperto, randomizzato, crossover, controllato. Diabetes Obes Metab 19 (5): 713–720. https://doi.org/10.1111/dom.12880

CAS Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 23.

Levetan C, Want LL, Weyer C et al (2003) Impatto della pramlintide sulle fluttuazioni del glucosio e sulle escursioni postprandiali di glucosio, glucagone e trigliceridi tra i pazienti con diabete di tipo 1 trattati intensivamente con pompe per insulina. Diabetes Care 26 (1): 1–8. https://doi.org/10.2337/diacare.26.1.1

CAS Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 24.

Haidar A, Tsoukas MA, Bernier-Twardy S et al (2020) Un romanzo pancreas artificiale a doppio ormone insulina e pramlintide per il diabete di tipo 1: uno studio crossover controllato randomizzato. Diabetes Care 43 (3): 597-606. https://doi.org/10.2337/dc19-1922

CAS Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 25.

Berget C, Thomas SE, Messer LH et al (2020) Un programma di formazione clinica per la terapia ibrida a circuito chiuso in una clinica pediatrica per il diabete. J Diabetes Sci Technol 14 (2): 290–296. https://doi.org/10.1177/1932296819835183

Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 26.

Lal RA, Basina M, Maahs DM, Hood K, Buckingham B, Wilson DM (2019) Un anno di esperienza clinica del primo sistema ibrido a circuito chiuso commerciale. Diabetes Care 42 (12): 2190–2196. https://doi.org/10.2337/dc19-0855

Articolo PubMed PubMed Central Google Scholar 

  1. 27.

Messer LH, Berget C, Vigers T et al (2020) Interruzione del ciclo chiuso ibrido nel mondo reale: predittori e percezioni dei giovani che interrompono il sistema 670G nei primi 6 mesi. Pediatr Diabetes 21 (2): 319–327

Articolo Google Scholar 

  1. 28.

Duffus SH, Ta’ani ZA, Slaughter JC, Niswender KD, Gregory JM (2020) L’aumento della proporzione di tempo nella “modalità automatica” ibrida a ciclo chiuso è associata a un migliore controllo glicemico per pazienti adolescenti e giovani con diabete di tipo 1 adulto utilizzando il MiniMed 670G pompa per insulina. Diabetes Obes Metab 22 (4): 688-693. https://doi.org/10.1111/dom.13912

CAS Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 29.

Weinzimer SA, Steil GM, Swan KL, Dziura J, Kurtz N, Tamborlane WV (2008) Erogazione di insulina a circuito chiuso completamente automatizzata rispetto al controllo ibrido semiautomatizzato in pazienti pediatrici con diabete di tipo 1 che utilizzano un pancreas artificiale. Diabetes Care 31 (5): 934–939. https://doi.org/10.2337/dc07-1967

Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 30.

Gingras V, Rabasa-Lhoret R, Messier V, Ladouceur M, Legault L, Haidar A (2016) Efficacia del pancreas artificiale a doppio ormone per alleviare il carico di conteggio dei carboidrati del diabete di tipo 1: uno studio crossover randomizzato. Diabetes Metab 42 (1): 47-54. https://doi.org/10.1016/j.diabet.2015.05.001

CAS Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 31.

Riddell MC, Zaharieva DP, Yavelberg L, Cinar A, Jamnik VK (2015) Esercizio e sviluppo del pancreas artificiale: una delle serie più difficili di ostacoli. J Diabetes Sci Technol 9 (6): 1217–1226. https://doi.org/10.1177/1932296815609370

CAS Articolo PubMed PubMed Central Google Scholar 

  1. 32.

Tagougui S, Taleb N, Legault L et al (2020) Uno studio in singolo cieco, randomizzato, crossover per ridurre il rischio di ipoglicemia durante l’esercizio postprandiale con somministrazione di insulina a circuito chiuso negli adulti con diabete di tipo 1: Annunciato (con o senza riduzione del bolo) vs strategie di esercizio senza preavviso. Diabetologia 63 (11): 2282–2291. https://doi.org/10.1007/s00125-020-05244-y

  1. 33.

Quintal A, Messier V, Rabasa-Lhoret R, Racine E (2019) Una revisione critica e un’analisi delle questioni etiche associate al pancreas artificiale. Diabetes Metab 45 (1): 1–10. https://doi.org/10.1016/j.diabet.2018.04.003

CAS Articolo PubMed Google Scholar 

  1. 34.

Hsu LJ, Buckingham BA, Basina M et al (2020) Uso di insulina aspart ad azione rapida con il sistema MiniMed ™ 670G. Diabetes Technol Ther. https://doi.org/10.1089/dia.2020.0083

  1. 35.

Bode BW, Carlson AL, Liu R et al (2020) 233-OR: Ultra-Rapid Lispro (URLi) dimostra un intervallo di tempo nel target simile a Humalog con il sistema ibrido a circuito chiuso Medtronic Minimed 670G. Diabete 69 (Supplemento 1): 233-OR (Abstract). https://doi.org/10.1093/jalm/jfaa220

Articolo Google Scholar 

  1. 36.

Hovorka R (2011) Erogazione di insulina a circuito chiuso: dal banco alla pratica clinica. Nat Rev Endocrinol 7 (7): 385–395. https://doi.org/10.1038/nrendo.2011.32

CAS Articolo PubMed Google Scholar 

 

Relazioni e attività degli autori

RH riferisce di aver ricevuto gli onorari da relatore da Eli Lilly, Dexcom e Novo Nordisk, di aver ricevuto le tasse di licenza da B. Braun e Medtronic e di essere direttore di CamDiab. CB dichiara che non ci sono relazioni o attività che potrebbero influenzare, o essere percepito come un pregiudizio, il loro lavoro.

Finanziamento

Il lavoro nel gruppo di autori è supportato dal National Institute of Health Research Cambridge Biomedical Research Center, Efficacy and Mechanism Evaluation National Institute for Health Research, The Leona M. & Harry B. Helmsley Charitable Trust, JDRF, National Institute of Diabetes and Digestive, and Kidney Diseases, Diabetes UK, Wellcome Trust Strategic Award (100574 / Z / 12 / Z) e programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell’Unione europea (accordo di sovvenzione n. 731560).

Informazioni sull’autore

Affiliazioni

  1. Wellcome Trust-Medical Research Council Institute of Metabolic Science, Università di Cambridge, Cambridge, Regno Unito

Charlotte K. Boughton e Roman Hovorka

Contributi

Entrambi gli autori erano responsabili della stesura dell’articolo e della revisione critica per importanti contenuti intellettuali. Entrambi gli autori hanno approvato la pubblicazione della versione.