Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Come hardware, dati e intelligenza artificiale stanno cambiando la cura del diabete

Vita attiva dei diabetici, controllo del livello di glucosio con un sensore remoto e un telefono cellulare.

Secondo Søren Smed Østergaard, Vice President, Digital Health di Novo Nordisk, le innovazioni più significative nello spazio del diabete sono incentrate su hardware, intelligenza artificiale (AI) e dati. Crede che avere accesso a dati più accurati sul comportamento individuale e sull’uso dei farmaci potrebbe avere un impatto positivo sulle persone che convivono con il diabete.

“Sappiamo che esiste un’enorme discrepanza tra il modo in cui le persone dovrebbero usare i farmaci e il modo in cui li stanno usando”, ha detto Østergaard. “Nel 2003, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha affermato che il miglioramento dell’aderenza ai farmaci avrà un impatto più significativo sulla salute della popolazione rispetto al miglioramento di trattamenti medici specifici.

Pubblicità e progresso

“Con i nuovi dispositivi sanitari digitali, saremo in grado di ottenere dati precisi su come le persone assumono i farmaci”, ha aggiunto Østergaard.

“I dati sanitari oggi sono spesso incompleti e troppo scarsi per essere utilizzati per un processo decisionale efficace; dobbiamo prima risolverlo, ma con questo arrivano una miriade di implicazioni etiche”, ha detto Østergaard. “Le persone devono avere la certezza che i loro dati siano tenuti al sicuro e utilizzati in modo responsabile. La condivisione dei dati, creando un quadro completo utilizzando i dati di parti e dispositivi diversi, ha il potenziale per rivoluzionare l’assistenza sanitaria e i risultati, ma devono essere sostenute da solide politiche sulla privacy dei dati.

Hardware

Østergaard ritiene che le innovazioni hardware stiano iniziando a rendere possibile una raccolta dati più accurata, con una tecnologia che si adatta più comodamente alla vita di tutti i giorni richiedendo un intervento minimo. 

Start-up tedesca nel campo della tecnologia sanitaria ,  DiaMonTech ha  recentemente annunciato un nuovo dispositivo per diabetici che  monitora i livelli di glucosio nel sangue  utilizzando un laser MIR (spettroscopia del medio infrarosso e rilevamento fototermico) a bassa potenza che penetra nella pelle per misurare la quantità di molecole di glucosio direttamente attraverso la pelle .

La società afferma che la loro nuova analisi della glicemia non invasiva è paragonabile in termini di accuratezza ai dispositivi di puntura delle dita con strisce. Il dispositivo dell’azienda non è stato sottoposto all’approvazione della FDA al momento di questo articolo.

Intelligenza artificiale

Anders Dyhr Toft, Corporate Vice President, Commercial Innovation di Novo Nordisk, ritiene che l’hardware, i dati e l’intelligenza artificiale (AI) che lavorano in tandem possano avere un forte impatto sulla salute delle persone, ma che gli ecosistemi di salute digitale che sfruttano tutti e tre sono ancora nella loro infanzia.

“Ad esempio, un health coach abilitato all’intelligenza artificiale potrebbe portare benefici alle persone con malattie croniche, come il diabete, che richiedono cure regolari a lungo termine. Oggi, tale coaching richiede un professionista sanitario che si sieda e parli con i pazienti”, ha detto Toft. “Ma in un mondo post-COVID in cui i medici tratteranno sempre più i pazienti a distanza, un coach automatico potrebbe fornire un’opzione conveniente per coloro che non sono in grado di partecipare a regolari sessioni di persona.

“L’intelligenza artificiale è valida solo quanto i dati su cui si basa e, fino ad ora, quei dati sono stati scarsi”, ha aggiunto Toft.

Bio Conscious , un’azienda di tecnologia sanitaria con sede a Vancouver, crea un’app per la gestione del diabete basata sull’intelligenza artificiale per le persone con diabete di tipo I e di tipo II –  Diabiti . L’app utilizza i dati del monitoraggio continuo del glucosio (CGM) e l’input dell’utente per creare  modelli di pazienti personalizzati  e prevedere le future fluttuazioni glicemiche.

Un recente studio nel JMIR Academic Journal ha  mostrato che per giorni con dieci o più sessioni di Diabits sull’app, la glicemia media è diminuita mentre il tempo in un intervallo di glucosio sano è aumentato al 74,28%, 

Secondo Amir Hayeri, CEO di Bio Conscious, aumentare il tempo trascorso all’interno di un intervallo di glucosio sano è associato a un minor rischio di ipertensione, malattie cardiovascolari, malattie renali croniche e altre complicazioni di salute importanti che le persone con diabete affrontano con l’età.

“Sappiamo che migliorare l’aderenza ai farmaci ha un impatto positivo significativo sulla salute”, ha detto Østergaard. “Ecco perché il monitoraggio di dati accurati, credibili e completi sull’uso quotidiano e sulle abitudini dei farmaci da parte delle persone è così importante. Ma questa continua a essere una delle maggiori sfide che la sanità deve affrontare oggi”.

Østergaard ritiene che questa sfida risieda nel fattore convenienza per l’utente.

“Deve funzionare sullo sfondo della vita delle persone, garantendo un’esperienza senza sforzo e senza interruzioni. Questo è particolarmente importante perché il vantaggio non deriva da pochi giorni di raccolta dei dati ma dalla registrazione nel tempo, che è il momento in cui i modelli iniziano a emergere”, ha affermato Østergaard. “Le soluzioni digitali non dovrebbero aggiungere un altro livello di complessità alla vita quotidiana delle persone per raggiungere questo obiettivo”.

Østergaard afferma che la salute digitale porrà fine alle decisioni di trattamento generalizzate basate sul comportamento previsto delle persone o su ciò che una persona segnala. “Invece, i trattamenti saranno basati su informazioni oggettive e fattuali sul comportamento di un individuo e sui suoi risultati di salute, risultando in trattamenti più efficaci”.


Traduzione dall’articolo originale autrice Jennifer Kite-Powell pubblicato su Forbes il 15 febbraio 2021.