Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Durante le prime settimane di pandemia COVID-19 i diabetici tipo 1 con CGM hanno mantenuto la glicemia compensata

Più utenti CGM hanno trascorso il 70% o oltre del tempo nel raggio d’azione durante la pandemia COVID-19 rispetto alle prime 8 settimane del 2020.

La maggior parte delle persone con diabete che hanno utilizzato il monitoraggio continuo del glucosio (CGM) durante le prime 8 settimane della pandemia COVID-19 ha migliorato il proprio intervallo di tempo, sebbene i benefici variavano in base alla regione e allo stato socioeconomico, secondo i dati dello studio.

“[I risultati] mostrano chiaramente che il controllo del glucosio è stato ben mantenuto o il tempo nell’intervallo è migliorato del 2%” , ha detto  Satish Garg, MD , professore di medicina e pediatria presso il Barbara Davis Center for Diabetes, Università del Colorado Denver. “C’è stato un aumento quasi duplice del numero di pazienti che hanno visto un incremento del tempo nell’intervallo del 5%”.

Pubblicità e progresso

Garg e colleghi hanno condotto una revisione retrospettiva dei dati di 65.067 utenti di Dexcom G6 CGM negli Stati Uniti. Tutti i partecipanti hanno iniziato a utilizzare il CGM entro il 1 ° gennaio 2020, hanno utilizzato l’app mobile per visualizzare i dati, avevano almeno un valore di glucosio del sensore ogni mese durante la prima metà del 2020 e hanno caricato almeno 200 valori di glucosio del sensore al giorno per almeno 4 giorni alla settimana nei periodi di pre-pandemia e intra-pandemia. Il periodo pre-pandemico consisteva nelle prime 8 settimane del 2020 che terminavano il 1 marzo e il periodo intra-pandemico è durato 8 settimane fino al 14 giugno. I risultati sono stati pubblicati su Diabetes Technology and Therapeutics .

Confrontando il tempo nell’intervallo pre-pandemia vs. durante la pandemia, la popolazione in studio ha avuto un aumento medio del 2% ( P <0,001). È stato osservato un miglioramento del tempo nell’intervallo nel 59,4% degli utenti di CGM e la percentuale di persone che raggiunge un obiettivo del 70% del tempo nell’intervallo o superiore è aumentata dal 31,7% prima della pandemia al 36,4% durante la pandemia ( P <0,001). Rispetto al periodo pre-pandemia, il 32,9% degli utenti ha avuto un aumento del tempo nell’intervallo di almeno il 5%, mentre solo il 18,6% ha avuto una diminuzione del tempo nell’intervallo di almeno il 5%.

I miglioramenti dell’intervallo di tempo variavano in base al reddito e alle disparità regionali. Il tempo medio nell’intervallo era generalmente più alto per coloro che vivevano in un area con un reddito medio più alto. Coloro che vivono in un codice postale con un reddito familiare medio di $ 150.000 o superiore all’anno hanno avuto un miglioramento del 2,9% nel range, mentre quelli che vivono in un’area con un reddito medio di $ 50.000 o meno hanno avuto un miglioramento dell’1,4%. Garg ha detto che i risultati evidenziano le disparità che alcuni membri della comunità del diabete devono affrontare.

“Potrebbero esserci una varietà di fattori responsabili di queste differenze. Parte di questo potrebbe essere dovuto a un’istruzione inadeguata “, ha detto Garg. “Parte di questo potrebbe essere che le persone sono state recentemente avviate al CGM o la mancanza di risorse”. Il tempo regionale nell’intervallo è stato suddiviso in base alle regioni dei Centri di eccellenza per la sicurezza alimentare integrati designati dal CDC. I più alti valori medi di tempo nell’intervallo prima e durante la pandemia sono stati trovati nella regione dei 10 stati con sede a Denver, e il più grande miglioramento nel tempo nell’intervallo è stato osservato nelle persone che vivono nella regione dei sette stati con sede a Seattle, hanno scritto i ricercatori.

Garg ha affermato che i risultati sono un’ulteriore prova del valore del CGM e mostrano come il monitoraggio da remoto del diabete e la telemedicina potrebbero essere opzioni per le persone con diabete a lungo termine.

“L’uso del CGM, specialmente durante la pandemia, è clinicamente importante e dovrebbe essere rimborsato [dall’assicurazione]”, ha detto Garg. “Inoltre, la telemedicina dovrebbe essere qui per restare, anche dopo la fine della pandemia.”