Donne e diabete

La gravidanza aumenta il dispendio energetico meno di quanto si creda

La gravidanza umana comporta importanti cambiamenti nella fisiologia femminile e nel dispendio energetico durante la gestazione. Tra le donne incinte, vi è un’ampia variabilità individuale nei cambiamenti fisiologici che soddisfano le costose richieste energetiche della riproduzione. Uno studio recente mostra che, nonostante le evidenti differenze nella massa corporea e nei tessuti corporei tra donne incinte e non gravide, il loro dispendio energetico è simile.

Questa ricerca è stata condotta dai gruppi di Paleofisiologia ed Ecologia e Paleoecologia dei mammiferi presso il Centro Nacional de Investigación sobre la Evolución Humana (CENIEH), guidati rispettivamente da Ana Mateos e Jesús Rodríguez, in collaborazione con l’Hospital Universitario de Burgos (HUBU), e è stato pubblicato sull’American Journal of Human Biology .

Pubblicità e progresso

Per realizzarlo, è stato progettato uno studio sperimentale per esaminare il dispendio energetico , la composizione corporea e la massa, confrontando le donne negli ultimi tre mesi di gravidanza con altre che non erano incinte. Ai test, eseguiti presso il CENIEH Bioenergy and Motion Analysis Laboratory, hanno partecipato in totale 77 volontari.

Il risultato principale di questo lavoro mostra che i cambiamenti nella composizione corporea durante gli ultimi tre mesi di gestazione potrebbero aiutare una donna incinta a consumare meno energia rispetto ad altre donne non gravide con la stessa massa corporea .

“Le donne incinte hanno percentuali più elevate di massa grassa, che è considerata metabolicamente passiva e quindi consuma meno energia, mentre hanno percentuali inferiori di altri tessuti molto più attivi come i muscoli. Di conseguenza, è probabile che la gravidanza non sia così costosa come era stato proposto fino ad ora “, dice Olalla Prado, coautore di questo studio.

Tessuto adiposo, chiave per l’evoluzione umana

Gli esseri umani sono riusciti a riprodursi con successo e sopravvivere nelle più svariate condizioni ambientali e circostanze sociali ed economiche. “Avere una proporzione più alta di tessuto adiposo , rispetto ad altri primati, ci ha permesso di far fronte alle richieste energetiche di costosi processi fisiologici come il ciclo mestruale , la gravidanza e l’allattamento, nel caso delle donne, nei momenti di scarse risorse, e ha assicurato il successo riproduttivo della specie nel corso della nostra evoluzione “, afferma Mateos.

Questo studio è stato condotto in collaborazione con il Dipartimento di Ostetricia del Servizio di Ginecologia e Ostetricia HUBU. “Abbiamo avuto anche l’inestimabile aiuto delle ostetriche di Sacyl con il reclutamento e l’offerta di informazioni alle donne partecipanti. Per questo abbiamo dedicato questo lavoro, svolto nel 2020, a tutti gli operatori sanitari”, dice Mateos.