Terapie

Gli scienziati lanciano un attacco preventivo contro l’infezione mortale post-trapianto

Citomegalovirus. Credito: CDC / Dr. Edwin P. Ewing, Jr. (PHIL # 958), 1982.

Un potenziale nuovo trattamento per proteggere i pazienti immunosoppressi dal citomegalovirus umano (HCMV) è stato scoperto dagli scienziati dell’Università di Cambridge. Il loro studio mostra che alcuni inibitori epigenetici espongono e aiutano a distruggere le infezioni da HCMV dormienti, che spesso si riattivano causando gravi malattie e morte in questi gruppi vulnerabili. Fatte salve le sperimentazioni cliniche, la loro proposta strategia di trattamento “shock and kill” offre speranza ai pazienti trapiantati in tutto il mondo.

Circa l’80% della popolazione del Regno Unito è attualmente infettata da citomegalovirus umano (HCMV) e nei paesi in via di sviluppo questo può raggiungere il 95%. Il virus può rimanere dormiente nei nostri globuli bianchi per decenni e, se si riattiva in un individuo sano, di solito non causa sintomi. Ma, per le persone immunocompromesse, la riattivazione dell’HCMV può essere devastante.

Pubblicità e progresso

La riattivazione dell’HCMV è stata identificata nei pazienti COVID-19, sebbene gli scienziati non abbiano ancora compreso la relazione tra i due virus. La riattivazione o la reinfezione nei riceventi di trapianto può portare a malattie gravi, incluso il rigetto d’organo e, in alcuni casi, alla morte.

Ogni anno in tutto il mondo vengono effettuati più di 200.000 trapianti di reni, polmoni e cellule staminali e la riattivazione dell’HCMV si verifica in più della metà di questi casi. Per ragioni che gli scienziati non hanno ancora compreso appieno, gli immunosoppressori sembrano incoraggiare il virus a riattivarsi, oltre a compromettere la capacità del paziente di combatterlo. Non rimane un vaccino efficace contro l’HCMV e le terapie antivirali spesso si dimostrano inefficaci o dannose.

Ora, un team della School of Clinical Medicine dell’Università di Cambridge ha identificato un tipo di farmaco e una strategia di trattamento che potrebbero ridurre drasticamente questi devastanti eventi di riattivazione. Lo studio, pubblicato oggi sulla rivista PNAS, descrive come gli scienziati abbiano esposto campioni di sangue infettati da HCMV a una vasta gamma di “inibitori epigenetici” – farmaci ampiamente usati nel trattamento del cancro – sperando di indurre il virus latente a produrre proteine ??o antigene bersaglio che sono visibili al nostro sistema immunitario .

Hanno scoperto che un particolare gruppo di questi farmaci, gli “inibitori della bromodominio”, ha riattivato con successo il virus costringendolo a convertire le sue istruzioni genetiche nascoste in proteine. Ciò ha quindi consentito alle cellule T nei campioni di sangue di colpire e uccidere queste cellule infette precedentemente non rilevabili.

Lo studio è il primo a identificare il coinvolgimento delle proteine ??del bromodominio ospite umano (BRD) nella regolazione della latenza e della riattivazione dell’HCMV, ma propone anche una nuova strategia di trattamento “shock and kill” per proteggere i pazienti trapiantati.

L’autore principale, il dottor Ian Groves, ha dichiarato: “Stiamo cercando di eliminare il serbatoio virale del paziente prima che entri in sala operatoria e prima di iniziare a prendere immunosoppressori, quando diventerebbero estremamente vulnerabili alla riattivazione del virus. In altre parole, noi” proponendo uno sciopero preventivo.

“Prima del trapianto, molti pazienti avranno un sistema immunitario relativamente sano, quindi quando il virus mette la testa sopra il parapetto, la sua copertura viene espulsa e il sistema immunitario lo vedrà e ucciderà le cellule in cui si è nascosto. Idealmente, donatori sarebbe anche trattato per evitare di reinfettare i destinatari “.

Esistono farmaci simili negli studi clinici di fase 1-3 in tutto il mondo per altri usi previsti, principalmente nel trattamento dei tumori ma anche delle malattie cardiovascolari correlate al diabete di tipo 2.

Il dottor Groves ha detto: “Questo sarebbe il primo tipo di trattamento per ridurre i livelli di infezione da HCMV pre-trapianto al fine di ridurre le possibilità di riattivazione del virus durante la soppressione immunitaria dopo il trapianto. I nostri risultati potrebbero portare a migliaia di vite salvate ogni anno. ”

“Oltre alle terribili sofferenze umane che questo virus provoca, il trattamento dei suoi effetti si aggiunge enormemente agli alti costi già sostenuti dal trapianto. È un problema davvero serio per i servizi sanitari nelle nazioni ricche e disperato nei paesi in via di sviluppo. I nostri risultati offrono un’opportunità. per trasformare questa orribile situazione “.

Lo studio si basa su oltre 25 anni di ricerche approfondite sulla biologia molecolare dell’HCMV e sulle sue tattiche di evasione immunitaria (finanziate dal Medical Research Council). I ricercatori sperano che il loro studio possa alla fine aiutare i medici a combattere l’HCMV su altri fronti, tra cui la maternità e l’assistenza neonatale. L’HCMV colpisce almeno l’1% di tutti i nati vivi nei paesi sviluppati e molti altri nei paesi in via di sviluppo. Questi bambini possono essere lasciati con danni cerebrali e perdita dell’udito, ma l’infezione congenita durante la gravidanza può anche portare ad aborto spontaneo.

Categorie:Terapie

Con tag: