Donne e diabete

I nitrati nell’acqua potabile materna possono compromettere la crescita fetale

Le donne la cui acqua potabile domestica conteneva nitrati avevano bambini che pesavano, in media, 10 grammi in meno rispetto ai bambini nati da madri in cui l’acqua domestica non aveva nitrati rilevabili, secondo un nuovo studio dei ricercatori dell’Università dell’Illinois di Chicago e della Aarhus University.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives , ha seguito le donne incinte che vivono in Danimarca. I ricercatori hanno scoperto che anche bassi livelli di nitrati , circa la metà del livello consentito fissato dalla US Environmental Protection Agency, o EPA, hanno causato un effetto negativo.

Pubblicità e progresso

“Sebbene siano noti gli effetti di livelli elevati di nitrati sulla salute dei bambini , sono state condotte poche ricerche sull’impatto che i livelli più bassi di nitrati nell’acqua potabile possono avere sui neonati”, ha affermato Vanessa Coffman, specialista di ricerca dell’UIC presso la School of Public Health e l’autore principale della carta. “Si tratta di una carenza di dati critica se vogliamo valutare l’adeguatezza dei nostri attuali standard idrici per i nitrati”.

L’acqua potabile viene contaminata dai nitrati quando i fertilizzanti penetrano nelle fonti di acqua potabile. Alti livelli di nitrati nell’acqua del rubinetto possono causare metaemoglobinemia infantile – una condizione potenzialmente fatale nota come sindrome del bambino blu in cui la pelle di un bambino diventa blu – poiché i nitrati impediscono all’emoglobina nel sangue di trasportare ossigeno. Per questo motivo, l’EPA ha fissato gli standard per i nitrati nell’acqua potabile a 10 parti per milione, per ridurre il rischio di sindrome del bambino blu. In Danimarca, il livello ammissibile di nitrati nell’acqua potabile è simile.

Nel più ampio studio sull’associazione tra nitrati nell’acqua potabile e peso alla nascita , Coffman e colleghi hanno stimato l’esposizione materna ai nitrati per 852.348 nati vivi in ??Danimarca dal 1991 al 2011. Hanno collegato gli indirizzi di casa con i dati sui nitrati da un database nazionale di monitoraggio della qualità dell’acqua con i dati dai registri danesi sul peso alla nascita del neonato, sulla lunghezza e sulla circonferenza della testa: questi registri offrono una risorsa ineguagliabile per gli epidemiologi, in quanto sono tra i più completi al mondo, con dati sanitari nazionali e robusti dati demografici individuali e ambientali che coprono decenni.

I ricercatori hanno scoperto che i livelli di nitrato nell’acqua potabile materna erano associati al peso alla nascita, ma le differenze di peso erano piccole ma importanti. I bambini nati da madri la cui acqua potabile contenesse circa la metà del livello consentito di nitrati erano in media 10 grammi più leggeri dei bambini nati in famiglie in cui i livelli di nitrati nell’acqua potabile non erano rilevabili. I ricercatori hanno anche osservato una diminuzione della lunghezza del corpo con l’aumento delle concentrazioni di nitrati nell’acqua potabile . Nessun effetto è stato osservato sulla circonferenza della testa.

“Questa differenza di peso e lunghezza del corpo è piccola, ma potrebbe avere un impatto sulla salute se il bambino è sottopeso per altri motivi. Il peso alla nascita è un indicatore critico per la salute, poiché può avere un impatto permanente sulla salute e sullo sviluppo “, Ha detto Coffman.

Categorie:Donne e diabete

Con tag: