Complicanze varie/eventuali

Due terzi dei ricoveri per COVID-19 sono dovuti a quattro condizioni

Lo studio suggerisce che i ricoveri COVID-19 avrebbero potuto essere prevenuti senza quattro comuni condizioni preesistenti.

Con un rischio più elevato in base alla razza e all’età, offre approfondimenti per ridurre l’impatto della malattia

Uno studio di modello suggerisce che la maggior parte dei ricoveri per adulti COVID-19 a livello nazionale sono attribuibili ad almeno una delle quattro condizioni preesistenti: obesità, ipertensione, diabete e insufficienza cardiaca, in quest’ordine.

Pubblicità e progresso

Lo studio, pubblicato oggi sul Journal of the American Heart Association ( JAHA ) e guidato dai ricercatori della Gerald J. e Dorothy R. Friedman School of Nutrition Science and Policy della Tufts University , ha utilizzato una simulazione matematica per stimare il numero e la proporzione dei ricoveri nazionali COVID-19 che avrebbero potuto essere prevenuti se gli americani non avessero sofferto di quattro principali condizioni cardiometaboliche. Ogni condizione è stata fortemente collegata in altri studi a un aumento del rischio di esiti negativi con l’infezione da COVID-19.

“Anche se i vaccini COVID-19 appena autorizzati alla fine ridurranno le infezioni, abbiamo ancora molta strada da fare per arrivare a quel punto. I nostri risultati richiedono interventi per determinare se il miglioramento della salute cardiometabolica ridurrà ricoveri, morbilità e ceppi sanitari da COVID- 19 “, ha detto Dariush Mozaffarian , autore principale e preside della Friedman School. “Sappiamo che i cambiamenti nella qualità della dieta da soli, anche senza perdita di peso, migliorano rapidamente la salute metabolica in sole sei-otto settimane. È fondamentale testare tali approcci di stile di vita per ridurre le infezioni gravi da COVID-19, sia per questa pandemia che per le future pandemie che probabilmente lo faranno. venire.”

I ricercatori hanno stimato che, tra i 906.849 ricoveri COVID-19 totali che si erano verificati negli adulti statunitensi al 18 novembre 2020:

  • Il 30% (274.322) era attribuibile all’obesità;
  • Il 26% (237.738) era attribuibile all’ipertensione;
  • Il 21% (185.678) era attribuibile al diabete; e
  • Il 12% (106.139) era attribuibile a insufficienza cardiaca.

In termini epidemiologici, la proporzione attribuibile rappresenta la percentuale di ricoveri COVID-19 che avrebbero potuto essere prevenuti in assenza delle quattro condizioni. In altre parole, lo studio ha scoperto che gli individui potrebbero essere stati ancora infettati ma potrebbero non aver avuto un decorso clinico abbastanza grave da richiedere il ricovero in ospedale. Quando i numeri per le quattro condizioni sono stati combinati, il modello suggerisce che il 64% (575.419) dei ricoveri COVID-19 potrebbe essere stato prevenuto. Una riduzione del 10% della prevalenza nazionale di ciascuna condizione, se combinata, potrebbe prevenire circa l’11% di tutti i ricoveri COVID-19, secondo il modello.

Le quattro condizioni sono state scelte sulla base di altre ricerche pubblicate in tutto il mondo che mostrano che ciascuna è un predittore indipendente di esiti gravi, incluso il ricovero, tra le persone infette da COVID-19. Le stime di rischio specifico per ciascuna condizione provenivano da un modello multivariabile pubblicato che coinvolge più di 5.000 pazienti COVID-19 diagnosticati a New York City all’inizio della pandemia. I ricercatori hanno utilizzato altri dati nazionali per modellare il numero di ricoveri COVID-19 a livello nazionale; la distribuzione di questi ricoveri per età, sesso e razza; e la distribuzione stimata delle comorbidità sottostanti tra gli adulti infetti da COVID-19. Hanno quindi stimato le proporzioni e il numero di casi di COVID-19 che sono diventati abbastanza gravi da richiedere il ricovero in ospedale a causa della presenza di una o più delle condizioni.

“Gli operatori sanitari dovrebbero educare i pazienti che potrebbero essere a rischio di COVID-19 grave e considerare la promozione di misure preventive sullo stile di vita, come il miglioramento della qualità della dieta e dell’attività fisica, per migliorare la salute cardiometabolica generale. È anche importante che i fornitori siano consapevoli delle disparità di salute le persone con queste condizioni spesso devono affrontare “, ha detto il primo autore Meghan O’Hearn, un dottorando presso la Friedman School.

Il modello ha stimato che l’età e la razza / etnia hanno provocato disparità nei ricoveri COVID-19 a causa delle quattro condizioni. Ad esempio, si stima che circa l’8% dei ricoveri COVID-19 tra gli adulti di età inferiore a 50 anni sia dovuto al diabete, rispetto a circa il 29% dei ricoveri COVID-19 tra gli adulti di età pari o superiore a 65 anni. Al contrario, l’obesità ha avuto un impatto altrettanto dannoso sui ricoveri COVID-19 in tutti i gruppi di età.

A qualsiasi età, i ricoveri COVID-19 attribuibili a tutte e quattro le condizioni erano più alti negli adulti neri che negli adulti bianchi e generalmente più alti per il diabete e l’obesità negli adulti ispanici rispetto agli adulti bianchi. Ad esempio, tra gli adulti di età pari o superiore a 65 anni, si stima che il diabete causi circa il 25% dei ricoveri per COVID-19 tra gli adulti bianchi, contro circa il 32% tra gli adulti neri e circa il 34% tra gli adulti ispanici.

Quando le quattro condizioni sono state considerate combinate, la percentuale di ricoveri attribuibili era più alta negli adulti neri di tutte le età, seguiti dagli ispanici. Ad esempio, tra i giovani adulti di età compresa tra 18 e 49 anni, si stima che le quattro condizioni congiuntamente causino circa il 39% dei ricoveri COVID-19 tra gli adulti bianchi, contro il 50% tra gli adulti neri.

“I dati nazionali mostrano che gli americani neri e ispanici stanno subendo i peggiori esiti da COVID-19. I nostri risultati supportano la necessità di dare priorità alla distribuzione del vaccino, una buona alimentazione e altre misure preventive alle persone con condizioni cardiometaboliche, in particolare tra i gruppi più colpiti disparità di salute “, ha detto Mozaffarian. “Le politiche volte a ridurre la prevalenza di queste quattro condizioni cardiometaboliche tra gli americani neri e ispanici devono far parte di qualsiasi discussione politica statale o nazionale volta a ridurre le disparità di salute da COVID-19”.

###

Dati

Il modello ha utilizzato dati esistenti provenienti da diverse fonti. I ricoveri per età, sesso, razza ed etnia provenivano dal sistema COVID-NET del CDC , che tiene traccia dei ricoveri COVID-19 in 14 stati partecipanti. I dati sui ricoveri COVID-19 nazionali provengono dal COVID Tracking Project , un’organizzazione di volontari che raccoglie dati da tutti i 50 stati sull’epidemia di COVID-19 negli Stati Uniti.Questi due set di dati sono stati combinati per stimare i ricoveri COVID-19 a livello nazionale in base alla popolazione sottogruppi. I dati sulla distribuzione nazionale delle quattro condizioni provengono dal più recente National Health and Nutrition Examination Survey ( NHANES), uno studio rappresentativo a livello nazionale in cui i partecipanti sono sottoposti a esami medici e test di laboratorio. I dati sull’associazione tra i ricoveri COVID-19 e ciascuna delle quattro condizioni provenivano da uno studio sui fattori associati al ricovero ospedaliero tra le persone con COVID-19 a New York City.

Limitazioni

Gli autori fanno notare che l’associazione non è uguale alla causalità e l’approccio modellistico non dimostra che le riduzioni nelle quattro condizioni ridurranno i ricoveri COVID-19. Le ipotesi si basavano su dati disponibili limitati sulla distribuzione delle condizioni cardiometaboliche tra gli adulti statunitensi infettati da COVID-19, sulla ripartizione demografica dei ricoveri per COVID-19 a livello nazionale e sulle prove più forti fino ad oggi sui collegamenti tra condizioni cardiometaboliche e scarsi risultati di COVID-19.