Ricerca

La carenza di vitamina D non aumenta il rischio di diabete di tipo 1

Capsule di vitamina D in gel..

I livelli di vitamina D geneticamente determinati non hanno un grande effetto sul rischio di diabete di tipo 1 negli europei, secondo uno studio pubblicato il 25 febbraio 2021 nella rivista ad accesso libero PLOS Medicine di Despoina Manousaki del CHU Sainte Justine e dell’Università di Montreal, Canada e colleghi.

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune relativamente comune che infligge una malattia sostanziale per tutta la vita e un notevole onere economico. La sua incidenza è in aumento in tutto il mondo e non sono noti interventi che possano essere utilizzati per prevenire la malattia. La carenza di vitamina D è stata associata al diabete di tipo 1 negli studi osservazionali, ma mancano prove di un effetto causale da studi randomizzati controllati. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno utilizzato un progetto di randomizzazione mendeliana per verificare se i livelli di vitamina D geneticamente ridotti aumentano il rischio di diabete di tipo 1. La randomizzazione mendeliana è un metodo per utilizzare la variazione misurata nei geni correlati alla malattia per esaminare l’effetto causale di un’esposizione su una malattia. Lo studio di randomizzazione mendeliano a due campioni ha coinvolto uno studio di associazione sull’intero genoma della vitamina D (GWAS) che includeva 443.734 europei,

Pubblicità e progresso

I risultati non supportano un grande effetto dei livelli di vitamina D sul rischio di diabete di tipo 1 (odds ratio: 1,09, intervallo di confidenza al 95%: 0,86-1,40, p = 0,48). Tuttavia, possono esistere effetti minori ei risultati potrebbero non essere applicabili a popolazioni non europee. I risultati suggeriscono che le precedenti associazioni epidemiologiche tra vitamina D e diabete di tipo 1 potrebbero essere dovute a fattori confondenti, come la latitudine e l’esposizione alla luce solare. Secondo il dott. Manousaki: “I nostri risultati non supportano un grande effetto dei livelli di vitamina D sul diabete di tipo 1, ma potrebbero esserci effetti minori che non siamo stati in grado di rilevare. Fino a ulteriori prove da ampi RCT, non possiamo suggerire l’uso della vitamina D integratori come strategia per prevenire il diabete di tipo 1 in soggetti a rischio, ad esempio fratelli o figli di persone con diabete di tipo 1 “.

###

Revisionato tra pari; Studio sperimentale; Umani

ricerca articolo

Nella tua copertura, utilizza questo URL per fornire l’accesso al documento disponibile gratuitamente: http: // journal. plos. org / plosmedicine / articolo? id = 10. 1371 / journal. pmed. 1003536

Categorie:Ricerca

Con tag:,