Mangiare e bere

Le donne anziane che mangiano più proteine vegetali hanno un rischio inferiore di morte prematura correlata alla demenza

Le donne in postmenopausa che mangiavano alti livelli di proteine ??vegetali avevano minori rischi di morte prematura, malattie cardiovascolari e morte correlata alla demenza rispetto alle donne che mangiavano meno proteine ??vegetali, secondo una nuova ricerca pubblicata oggi sul Journal of the American Heart Association , un accesso aperto giornale dell’American Heart Association.

Ricerche precedenti hanno dimostrato un’associazione tra diete ad alto contenuto di carne rossa e rischio di malattie cardiovascolari , ma i dati sono scarsi e inconcludenti su tipi specifici di proteine, affermano gli autori dello studio.

Pubblicità e progresso

In questo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 100.000 donne in postmenopausa (di età compresa tra 50 e 79 anni) che hanno partecipato allo studio nazionale della Women’s Health Initiative tra il 1993 e il 1998; sono stati seguiti fino a febbraio 2017. Al momento dell’iscrizione allo studio, i partecipanti hanno compilato questionari sulla loro dieta specificando la frequenza con cui mangiavano uova, latticini, pollame, carne rossa, pesce / crostacei e proteine ??vegetali come tofu, noci, fagioli e piselli. Durante il periodo di studio, si sono verificati un totale di 25.976 decessi (6.993 decessi per malattie cardiovascolari; 7.516 decessi per cancro e 2.734 decessi per demenza).

I ricercatori hanno notato i livelli ei tipi di proteine ??che le donne hanno riferito di consumare, li hanno divisi in gruppi per confrontare chi ha mangiato di meno e chi ha mangiato di più di ciascuna proteina. La percentuale media di assunzione di energia totale dalle proteine ??animali in questa popolazione è stata del 7,5% nel quintile più basso e del 16,0% nel quintile più alto. La percentuale media di assunzione di energia totale dalle proteine ??vegetali in questa popolazione è stata del 3,5% nel quintile più basso e del 6,8% nel quintile più alto.

Tra i principali risultati:

  • Rispetto alle donne in postmenopausa che avevano la minor quantità di assunzione di proteine ??vegetali, quelle con la più alta quantità di assunzione di proteine ??vegetali avevano un rischio di morte per tutte le cause inferiore del 9%, un rischio di morte inferiore del 12% per malattie cardiovascolari e un rischio inferiore del 21% rischio di morte correlata alla demenza.
  • Un maggiore consumo di carne rossa lavorata è stato associato a un rischio maggiore del 20% di morire di demenza.
  • Un maggiore consumo di carne, uova e latticini non trasformati è stato associato a un rischio maggiore del 12%, 24% e 11% di morire per malattie cardiovascolari, rispettivamente.
  • Un maggiore consumo di uova è stato associato a un rischio di morte del 10% maggiore per cancro.
  • Tuttavia, un maggiore consumo di uova era associato a un rischio inferiore del 14% di morire di demenza, mentre un maggiore consumo di pollame era associato a un rischio inferiore del 15%.

“Non è chiaro nel nostro studio perché le uova fossero associate a un rischio più elevato di morte cardiovascolare e per cancro”, ha detto l’autore principale dello studio Wei Bao, MD, Ph.D., un assistente professore di epidemiologia presso l’Università dello Iowa a Iowa City. “Potrebbe essere correlato al modo in cui le persone cucinano e mangiano le uova. Le uova possono essere bollite, strapazzate, in camicia, al forno, imbastite, fritte, arricciate, coccolate o in salamoia o in combinazione con altri cibi. Negli Stati Uniti, le persone di solito mangiano uova sotto forma di uova fritte e spesso con altri alimenti come il bacon. Sebbene abbiamo tenuto attentamente conto di molti potenziali fattori di confusione nell’analisi, è ancora difficile stabilire completamente se le uova, altri cibi solitamente consumati con le uova, o anche non – fattori dietetici correlato al consumo di uova, può portare ad un aumento del rischio di morte cardiovascolare e per cancro”.

I ricercatori hanno notato che la sostituzione della carne rossa totale, delle uova o dei latticini con le noci era associata a un rischio inferiore dal 12% al 47% di morte per tutte le cause a seconda del tipo di proteina sostituita con la frutta a guscio.

“È importante notare che le proteine ??alimentari non vengono consumate isolatamente, quindi l’interpretazione di questi risultati potrebbe essere impegnativa e dovrebbe essere basata sulla considerazione della dieta generale, compresi i diversi metodi di cottura”, ha affermato Yangbo Sun, MD, Ph.D. , coautore dello studio, studioso di ricerca postdottorato presso l’Università dell’Iowa a Iowa City e attualmente assistente professore di epidemiologia presso l’Università del Tennessee Health Science Center.

L’analisi ha anche rivelato che le donne che mangiavano la più alta quantità di proteine ??animali come carne e latticini avevano maggiori probabilità di essere bianche e avere un’istruzione e un reddito più elevati, ed erano più propense a essere ex fumatrici, a bere più alcol e ad essere meno fisicamente. attivo. Inoltre, queste donne avevano maggiori probabilità di avere il diabete di tipo 2 all’inizio dello studio, una storia familiare di attacchi di cuore e un indice di massa corporea più alto, tutti fattori di rischio per malattie cardiovascolari.

“I nostri risultati supportano la necessità di considerare le fonti di proteine ??alimentari nelle future linee guida dietetiche”, ha detto Bao. “Le attuali linee guida dietetiche si concentrano principalmente sulla quantità totale di proteine ??e i nostri risultati mostrano che potrebbero esserci diverse influenze sulla salute associate a diversi tipi di alimenti proteici”.

Le linee guida dietetiche 2020-2025 per gli americani, pubblicate congiuntamente dai dipartimenti dell’agricoltura degli Stati Uniti (USDA) e dai servizi sanitari e umani (HHS), raccomandano di mangiare una varietà di alimenti proteici: carne a basso contenuto di grassi, pollame a basso contenuto di grassi, uova , frutti di mare, fagioli, piselli, lenticchie, noci, semi e prodotti a base di soia tra cui almeno 8 once di pesce cotto a settimana.

L’avviso di colesterolo alimentare e rischio cardiovascolare 2020 dell’AHA rileva che, dato il contenuto relativamente elevato di colesterolo nei tuorli d’uovo, resta consigliabile limitare l’assunzione. Gli individui sani possono includere fino a un uovo intero o l’equivalente al giorno.

Lo studio aveva diversi limiti, incluso il fatto che era osservativo, basato su dati auto-riportati all’inizio dello studio e mancava di dati su come le proteine ??venivano cotte. Inoltre, i risultati potrebbero non essere applicabili a donne o uomini più giovani.