Ricerca

I geni identificati aumentano il rischio di obesità ma proteggono anche dalle malattie

Le persone che vivono con l’obesità tendono ad avere livelli malsani di glucosio e lipidi nel sangue, così come ipertensione. Di conseguenza, sono più a rischio di malattie cardiovascolari e metaboliche. Ma gli scienziati hanno osservato che fino al 45% delle persone che convivono con l’obesità hanno una pressione sanguigna sana e livelli di glucosio e lipidi, e quindi potrebbero non essere ad alto rischio di malattia. Il motivo per cui questo gruppo di persone con obesità rimane in buona salute è stato capito male.

Ma ora un team di ricercatori – guidato da scienziati dell’Università di Copenaghen e della Icahn School of Medicine al Mount Sinai, New York – ha identificato una serie di geni che sono collegati a livelli elevati di grasso corporeo, oltre a offrire protezione da alcuni degli impatti negativi sulla salute dell’obesità. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Metabolism .

Pubblicità e progresso

Il professore associato Tuomas Kilpeläinen del Novo Nordisk Foundation Center for Basic Metabolic Research (CBMR) presso l’Università di Copenaghen afferma che i risultati gettano nuova luce sulla biologia che può disconnettere un livello più elevato di grasso corporeo dal rischio più elevato di diabete e malattie cardiache.

“I geni identificati sembrano giovare alla nostra salute aiutando a mantenere un tessuto adiposo sano. Alcuni geni possono offrire obiettivi per lo sviluppo di nuove terapie che riducono il rischio di diabete e malattie cardiache migliorando la salute del nostro tessuto adiposo”, dice Tuomas Kilpeläinen.

Gli scienziati hanno fatto la scoperta analizzando i dati di centinaia di migliaia di persone che erano state valutate per il loro grasso corporeo e per i marcatori di rischio di malattia. Hanno identificato 62 sezioni del genoma che erano significativamente associate sia ad alti livelli di grasso corporeo che a un minor rischio di malattie cardiometaboliche. Ulteriori analisi hanno dimostrato che i geni avevano una serie di funzioni nel corpo, tra cui la regolazione e lo sviluppo delle cellule adipose, la distribuzione del grasso corporeo, la regolazione dell’energia e l’infiammazione.

Lo scienziato dello staff Lam Opal Huang della CBMR ha eseguito le analisi computazionali che hanno identificato i geni.

“Abbiamo utilizzato un approccio basato sui dati in questo studio, che ci ha portato a trovare nuovi geni associati alla salute del tessuto adiposo, invece dei noti geni dell’obesità associati al sistema nervoso centrale, che controllano la sazietà e sono tipicamente legati all’obesità malsana”, afferma Lam Opal Huang.

Secondo la professoressa Ruth Loos della Icahn School of Medicine del Mount Sinai, questa nuova conoscenza è un passo verso un approccio più sfumato al trattamento dell’obesità.

“Chiaramente, l’obesità è una malattia complessa e non tutti gli individui con un eccesso di peso corporeo sono ugualmente a rischio di sviluppare malattie cardiometaboliche. Sapere quali geni proteggono le persone dallo sviluppo del diabete e delle malattie cardiovascolari ci aiuterà a diagnosticare e trattare meglio le persone con obesità”.

Categorie:Ricerca

Con tag: