Complicanze varie/eventuali

Le persone con depressione, ansia possono sviluppare l’Alzheimer in giovane età

È noto che la depressione aumenta il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. Ora un nuovo studio preliminare pubblicato il 24 febbraio 2021, riporta che se le persone sviluppano la malattia di Alzheimer, le persone depresse potrebbero iniziare a manifestare i sintomi della demenza circa due anni prima di quelle che non soffrono di depressione. Le persone con ansia che sviluppano l’Alzheimer possono iniziare a manifestare sintomi di demenza circa tre anni prima rispetto a coloro che non soffrono di ansia, secondo lo studio che sarà presentato al 73 ° incontro annuale dell’American Academy of Neurology che si terrà praticamente dal 17 al 22 aprile 2021.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere l’impatto dei disturbi psichiatrici come la depressione e l’ ansia sullo sviluppo della malattia di Alzheimer e se il trattamento e la gestione della depressione e dell’ansia potrebbero aiutare a prevenire o ritardare l’insorgenza della demenza per le persone che ne sono sensibili”, ha detto l’autore dello studio Zachary A. Miller, MD, dell’Università della California, San Francisco, e un membro dell’American Academy of Neurology. “Certamente questo non vuol dire che le persone con depressione e ansia svilupperanno necessariamente la malattia di Alzheimer, ma le persone con queste condizioni potrebbero prendere in considerazione la possibilità di discutere modi per promuovere la salute del cervello a lungo termine con i loro fornitori di assistenza sanitaria “.

Pubblicità e progresso

Oltre ai più comuni disturbi psichiatrici, depressione e ansia, lo studio ha anche esaminato la storia di disturbo bipolare, disturbo da stress post-traumatico e schizofrenia. Delle 1.500 persone nello studio con malattia di Alzheimer, il 43% aveva una storia di depressione, il 32% aveva ansia, l’1,2% disturbo bipolare, l’1% disturbo da stress post- traumatico e lo 0,4% schizofrenia.

I ricercatori hanno anche riscontrato una diminuzione seriale dell’età in cui i sintomi sono iniziati per la prima volta che raddoppia con ogni diagnosi aggiuntiva di disturbo psichiatrico. Le persone con un solo disturbo hanno sviluppato sintomi circa 1,5 anni prima di quelle senza disturbi psichiatrici. Quelli con due condizioni psichiatriche hanno sviluppato sintomi 3,3 anni prima di quelli senza condizioni. E quelli con tre o più disturbi psichiatrici hanno sviluppato i sintomi 7,3 anni prima di quelli senza tali condizioni.

Oltre allo screening per una storia di uno qualsiasi di questi cinque disturbi psichiatrici, i ricercatori hanno anche esaminato le interazioni tra malattie psichiatriche e altri fattori di rischio consolidati per la malattia di Alzheimer, come ipertensione , colesterolo alto e diabete, insieme a fattori che più recentemente sono stati associati ad un aumentato rischio di malattia di Alzheimer, come avere una malattia autoimmune o una storia di convulsioni.

I ricercatori hanno scoperto che le persone con depressione e ansia avevano maggiori probabilità di essere donne e coerenti con la loro giovane età all’esordio, avevano meno dei tipici fattori di rischio di Alzheimer . Tuttavia, quelli con depressione avevano maggiori probabilità di avere anche una malattia autoimmune e quelli con ansia avevano maggiori probabilità di avere una storia di convulsioni.

“Mentre questa associazione tra depressione e malattia autoimmune, e convulsioni e ansia è abbastanza preliminare, ipotizziamo che la presentazione della depressione in alcune persone potrebbe riflettere un maggiore carico di neuroinfiammazione”, ha detto Miller. “La presenza di ansia potrebbe indicare un maggior grado di ipereccitabilità neuronale, dove le reti nel cervello sono sovrastimolate, aprendo potenzialmente nuovi bersagli terapeutici per la prevenzione della demenza”.

Una limitazione dello studio è che i dati sono stati ottenuti da un centro di cura della memoria di specialità terziaria e da una revisione retrospettiva della cartella.