Batticuore

L’aterosclerosi può accelerare lo sviluppo dell’ematopoiesi clonale, i risultati dello studio

I ricercatori del Massachusetts General Hospital aggiungono alla letteratura su un’associazione sorprendente

BOSTON – Miliardi di globuli bianchi periferici vengono prodotti ogni giorno dalle regolari divisioni delle cellule staminali ematopoietiche e dai loro discendenti nel midollo osseo. In circostanze normali, migliaia di cellule staminali contribuiscono alla progenie del sangue in un dato momento, rendendo i globuli bianchi un gruppo con origini diverse.

Pubblicità e progresso

L’ematopoiesi clonale è una condizione comune correlata all’età in cui i discendenti di una di queste cellule staminali ematopoietiche iniziano a dominare porzioni sostanziali del sangue. Analisi genome-wide hanno determinato che l’emopoiesi clonale è spesso guidata da alterazioni genetiche ricorrenti che conferiscono un vantaggio competitivo a specifiche cellule staminali ematopoietiche, dando loro così la capacità di espandersi in modo sproporzionato.

Molteplici studi indipendenti hanno dimostrato che l’emopoiesi clonale va spesso di pari passo con l’aterosclerosi e le malattie cardiovascolari. Fin dalla sua scoperta, questa sorprendente associazione è stata oggetto di intenso interesse da parte di medici e ricercatori.

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morbilità e mortalità nei paesi occidentali e rappresentano un enorme onere per la salute pubblica. Le espansioni clonali nel sangue contribuiscono alla progressione dell’aterosclerosi e, in caso affermativo, come?

Il lavoro successivo ha dimostrato che, in effetti, la formazione di placche aterosclerotiche può essere esacerbata dalle cellule immunitarie con mutazioni clonali correlate all’ematopoiesi, sollevando così la questione se le espansioni clonali nel sangue debbano essere mirate terapeuticamente per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

In un nuovo studio pubblicato su Cell , i ricercatori del Massachusetts General Hospital e della Harvard Medical School ora suggeriscono una diversa possibilità aggiuntiva: l’aterosclerosi causa l’emopoiesi clonale. I pazienti con aterosclerosi soffrono di iperlipidemia e infiammazione, due condizioni note per aumentare cronicamente i tassi di divisione delle cellule staminali ematopoietiche. Nel nuovo studio, i ricercatori ora dimostrano che questa maggiore divisione accelera lo sviluppo dell’emopoiesi clonale.

Kamila Naxerova, PhD, ricercatrice principale del Center for Systems Biology di MGH e autore senior dello studio, afferma: “I pazienti con aterosclerosi sperimentano essenzialmente” tempi accelerati “. Questo perché la velocità con cui le alterazioni genetiche insorgono e si diffondono attraverso il sistema ematopoietico è determinata dalla velocità di divisione delle cellule staminali. Da un punto di vista genetico, si potrebbe dire che l’aterosclerosi accelera l’invecchiamento del sangue. condizione correlata all’età, i pazienti aterosclerosi sono inclini a svilupparla prima degli individui sani “, dice Naxerova, che è anche assistente professore di radiologia presso la Harvard Medical School.

Naxerova afferma che i risultati del suo team potrebbero potenzialmente essere una buona notizia per i pazienti con emopoiesi clonale: “Non c’è dubbio che sono necessarie ulteriori ricerche per analizzare attentamente la connessione tra emopoiesi clonale e malattie cardiovascolari. Ma i nostri risultati indicano che l’emopoiesi clonale potrebbe in alcuni casi essere solo un segno relativamente innocuo di un sistema ematopoietico iperattivo e non un pericolo in sé “.

“Ciò che rende unico questo studio è che il team interdisciplinare ha incorporato modelli matematici per scoprire un nuovo paradigma nel campo dell’aterosclerosi e chiarire ulteriormente l’interazione tra malattie cardiovascolari ed emopoiesi clonale”, afferma Michelle Olive, PhD, Program Officer nella Divisione di Scienze Cardiovascolari presso il National Heart, Lung, and Blood Institute, parte del National Institutes of Health.

Categorie:Batticuore

Con tag: