Terapie

Lo zinco una chiave in nuovi trattamenti per il diabete?

I ricercatori dell’Università di St Andrews affermano che una maggiore comprensione di come viene gestito lo zinco nel nostro corpo potrebbe portare a trattamenti migliori per le persone con diabete.

Il team di scienziati, finanziato dalla British Heart Foundation (BHF), ha studiato le cause di coaguli di sangue potenzialmente pericolosi e perché questi si verificano più comunemente nelle persone con diabete.

Pubblicità e progresso

Il diabete è un importante fattore di rischio per malattie cardiache e circolatorie. A circa 300.000 adulti è stato diagnosticato il diabete in Scozia e si stima che altre migliaia di persone abbiano il diabete di tipo 2 non diagnosticato.

A causa del danno che provoca ai vasi sanguigni, le persone con diabete hanno una probabilità fino a tre volte maggiore di sviluppare condizioni come infarti, ictus e demenza vascolare.

I ricercatori, guidati dal Dr. Alan Stewart della School of Medicine dell’Università di St Andrews, hanno esaminato il ruolo dello zinco in questi processi. Lo zinco è un nutriente essenziale che svolge molte funzioni nel corpo. Una delle sue funzioni è aiutare il coagulo di sangue dopo un infortunio.

Tuttavia, in alcune persone con condizioni di salute sottostanti, come quelle con diabete di tipo 2 o obesità, la coagulazione può verificarsi più spesso quando non è necessaria, causando danni ai vasi sanguigni e portando a gravi condizioni di salute come ictus e trombosi (TVP).

La ricerca, pubblicata su Chemical Science, ha scoperto che il trasporto dello zinco nel sangue è compromesso nei soggetti con diabete di tipo 2 a causa dell’aumento dei livelli di acidi grassi. Questi acidi grassi impediscono che lo zinco venga trasportato in modo normale, consentendo allo zinco di interagire con le proteine ??che attivano il coagulo e potenzialmente innescando pericolosi coaguli di sangue.

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, ritengono che il loro studio identifichi un nuovo modo in cui possono verificarsi problemi vascolari in determinati individui.

Il ricercatore principale e docente senior, il dottor Stewart, ha dichiarato: “La nostra ricerca suggerisce che alterando il modo in cui viene gestito lo zinco, livelli elevati di acidi grassi nella circolazione possono contribuire alla formazione di coaguli di sangue indesiderati e potenzialmente pericolosi.

“In definitiva, speriamo che questi risultati aiuteranno lo sviluppo di nuove strategie terapeutiche per ridurre il rischio di malattie vascolari nei pazienti con diabete di tipo 2 , così come altre malattie associate ad alti livelli di acidi grassi plasmatici.

Il BHF è il più grande finanziatore indipendente di ricerca sulle malattie cardiache e circolatorie nel Regno Unito e questo progetto è uno dei migliaia finanziato dal BHF per aiutare a salvare e migliorare le vite.

James Jopling, capo della BHF Scozia, ha dichiarato: “Il diabete è un importante fattore di rischio per infarti e ictus, condizioni che possono influire gravemente sulla qualità della vita.

“In quanto tale, è fondamentale che capiamo di più su di esso e su come trattarlo. Progetti di ricerca come questo a St Andrews aiutano a informare il modo in cui trattiamo i pazienti, identificare quelli a rischio particolare e, infine, trovare nuovi modi per salvare e migliorare le vite”.

Categorie:Terapie

Con tag:,