Mangiare e bere

Il consumo regolare di carne è collegato a un’ampia gamma di malattie comuni

Un nuovo studio trova collegamenti tra il consumo regolare di carne e una vasta gamma di malattie comuni. 

Il consumo regolare di carne è associato a una serie di malattie che i ricercatori non avevano precedentemente considerato, secondo un ampio studio a livello di popolazione condotto da un team dell’Università di Oxford.

I risultati associano l’ assunzione regolare di carne a un rischio più elevato di varie malattie, tra cui malattie cardiache, polmonite e diabete, ma un minor rischio di anemia da carenza di ferro. Lo studio è pubblicato oggi su BMC Medicine .

Pubblicità e progresso

Prove coerenti hanno dimostrato che il consumo eccessivo di carne rossa e carne lavorata (come pancetta e salsicce) può essere associato a una maggiore probabilità di sviluppare il cancro del colon-retto. Ma fino ad ora non era chiaro se un elevato consumo di carne in generale potesse aumentare o diminuire il rischio di altre malattie non cancerose.

Questo è stato esaminato in un nuovo studio di grande coorte che ha utilizzato i dati di quasi 475.000 adulti del Regno Unito, che sono stati monitorati per 25 cause principali di ricoveri ospedalieri non cancerosi. All’inizio dello studio, i partecipanti hanno completato un questionario che valutava le loro abitudini alimentari (inclusa l’assunzione di carne), dopo di che sono stati seguiti per un periodo medio di otto anni.

Nel complesso, i partecipanti che hanno consumato carne rossa non trasformata e carne lavorata regolarmente (tre o più volte a settimana) avevano maggiori probabilità rispetto a chi mangiava poco carne di fumare, bere alcolici, avere sovrappeso o obesità e mangiare meno frutta e verdura, fibre e pesce .

Tuttavia, dopo aver preso in considerazione questi fattori, i risultati hanno indicato che:

  • Un maggiore consumo di carne rossa non trasformata e carne lavorata combinate è stato associato a rischi più elevati di cardiopatia ischemica, polmonite, malattia diverticolare, polipi del colon e diabete. Ad esempio, ogni 70 g in più di assunzione giornaliera di carne rossa e carne lavorata era associata a un rischio maggiore del 15% di cardiopatia ischemica e un rischio maggiore del 30% di diabete.
  • Un maggiore consumo di carne di pollame è stato associato a rischi più elevati di malattia da reflusso gastroesofageo, gastrite e duodenite, malattia diverticolare, malattia della colecisti e diabete. Ogni 30 g in più di assunzione di carne di pollame al giorno era associata a un rischio maggiore del 17% di malattia da reflusso gastroesofageo e un rischio maggiore del 14% di diabete.
  • La maggior parte di queste associazioni positive si riduceva se si prendeva in considerazione l’indice di massa corporea (BMI, una misura del peso corporeo). Ciò suggerisce che i consumatori regolari di carne con un peso corporeo medio più elevato potrebbero essere in parte la causa di queste associazioni.
  • Il team ha anche scoperto che una maggiore assunzione di carne rossa non trasformata e carne di pollame era associata a un minor rischio di anemia da carenza di ferro. Il rischio era inferiore del 20% con ogni 50 g di assunzione giornaliera di carne rossa non trasformata e del 17% con ogni 30 g di assunzione giornaliera di carne di pollame. Una maggiore assunzione di carne lavorata non era associata al rischio di anemia da carenza di ferro.

Il gruppo di ricerca suggerisce che non trasformati carni rosse e carni lavorate possono aumentare il rischio di cardiopatia ischemica malattia , perché sono le principali fonti alimentari di acidi grassi saturi. Questi possono aumentare la lipoproteina a bassa densità (LDL), un fattore di rischio per ischemico malattie cardiache .

L’autrice principale, la dott.ssa Keren Papier, del Nuffield Department of Population Health presso l’Università di Oxford, ha dichiarato: “Sappiamo da tempo che la carne rossa non trasformata e il consumo di carne lavorata possono essere cancerogeni e questa ricerca è la prima a valutare il rischio di 25 condizioni di salute non cancerose in relazione all’assunzione di carne in uno studio “.

Sono necessarie ulteriori ricerche per valutare se le differenze di rischio che abbiamo osservato in relazione all’assunzione di carne riflettano relazioni causali e, in tal caso, la misura in cui queste malattie potrebbero essere prevenute diminuendo il consumo di carne. Il risultato che il consumo di carne è associato a un minor rischio di anemia da carenza di ferro, tuttavia, indica che le persone che non mangiano carne devono fare attenzione a ottenere abbastanza ferro, attraverso fonti alimentari o integratori “.

Il World Cancer Research Fund raccomanda che le persone dovrebbero limitare il consumo di carne rossa a non più di tre porzioni a settimana (circa 350–500 g di peso cotto in totale) e la carne lavorata dovrebbe essere consumata raramente, se non del tutto.

Questo studio si è basato su 474.985 adulti di mezza età, che sono stati originariamente reclutati nello studio UK Biobank tra il 2006 e il 2010, e sono stati seguiti per questo studio fino al 2017. Questi partecipanti sono stati invitati a completare un questionario dietetico con 29 domande sulla dieta , che ha valutato la frequenza di consumo di una serie di alimenti. I partecipanti sono stati quindi classificati in sottogruppi in base alla loro assunzione di carne: 0-1 volte / settimana; due volte / settimana; da tre a quattro volte a settimana e cinque o più volte a settimana. Le informazioni sull’assunzione di carne di ogni partecipante erano collegate ai dati sui ricoveri ospedalieri e sulla mortalità dei registri centrali dell’NHS.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,,