Mangiare e bere

I benefici della dieta mediterranea si trasmettono alle famiglie dei pazienti che la seguono

Nonostante non partecipassero al programma, queste persone avevano perso in media quasi quattro chili, due anni dopo che il loro familiare aveva avviato il programma

Anche le persone che vivono con un paziente sottoposto a un trattamento dimagrante intensivo beneficiano di questa terapia. Ciò è stato dimostrato da un team di ricercatori dell’Istituto di ricerca medica dell’Hospital del Mar (IMIM-Hospital del Mar) insieme ai medici dell’Hospital del Mar e del CIBER sulla fisiopatologia dell’obesità e della nutrizione (CIBERObn), in collaborazione con IDIAPJGol, l’Istituto di ricerca sanitaria Pere Virgili (IISPV), IDIBELL, IDIBAPS e l’Ospedale universitario Sant Joan de Reus. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista International Journal of Obesity .

Pubblicità e progresso

Lo studio ha analizzato i dati di 148 membri della famiglia di pazienti inclusi nel programma di perdita di peso e stile di vita PREDIMED-Plus (PREVencióDIetaMEDiterranea Plus) per un periodo di due anni. I ricercatori hanno analizzato se anche queste persone hanno beneficiato indirettamente del programma, in quanto non erano state iscritte allo studio e non avevano ricevuto alcun trattamento diretto. PREDIMED-Plus è uno studio multicentrico in cui un gruppo di pazienti segue un programma intensivo di riduzione del peso basato sulla dieta mediterranea e un piano di promozione dell’attività fisica.

Perdita di peso nonostante non sia inclusa nel programma

I parenti (tre su quattro erano il partner del paziente e il resto erano figli, genitori, fratelli o avevano qualche altro grado di parentela), hanno perso in media 1,25 kg di peso durante il primo anno di programma, rispetto ai parenti di i pazienti del gruppo di controllo (quelli che non hanno seguito il trattamento intensivo proposto da PREDIMED-Plus). Questo è salito a quasi 4 kg nel secondo anno. Queste cifre erano migliori nei casi in cui il familiare mangiava con il paziente e, soprattutto, quando era il paziente stesso a cucinare.

Il trattamento, mirato a ottenere la perdita di peso nelle persone con obesità e ad alto rischio cardiovascolare seguendo la dieta mediterranea, “ha ottenuto effetti oltre la semplice perdita di peso nel paziente, e questo si è esteso al loro ambiente familiare”, spiega il dottor Albert Goday, il principale ricercatore del progetto, capo sezione del Dipartimento di Endocrinologia e Nutrizione dell’Hospital del Mar, ricercatore del gruppo di ricerca sul rischio cardiovascolare e sulla nutrizione dell’IMIM-Hospital del Mar e ricercatore CIBERobn. “L’effetto è stato contagioso, in questo contesto è stato, fortunatamente, un benefico ‘contagio’, con conseguente perdita di peso e miglioramento delle abitudini alimentari”. Il dottor Goday sottolinea che “tra i molti possibili approcci dietetici alla perdita di peso,

Secondo la dott.ssa Olga Castañer, autrice finale dello studio e ricercatrice del gruppo di ricerca sul rischio cardiovascolare e sulla nutrizione presso l’IMIM-Hospital del Mar e CIBERobn, i buoni risultati possono essere spiegati “Con una dieta migliorata, poiché lo stesso contagioso effetto non è stato osservato in termini di attività fisica tra i pazienti e i loro parenti “.

I membri della famiglia hanno anche mostrato un maggiore impegno per la dieta mediterranea, secondo un questionario che valuta l’aderenza ai modelli dietetici di questo regime. Ma lo stesso non era vero in termini di attività fisica. Come sottolinea il dottor Castañer, “Oltre alla perdita di peso, c’era una maggiore aderenza alla dieta mediterranea, che ha benefici per la salute intrinseci, come la protezione contro i rischi cardiovascolari e neurodegenerativi”.

I risultati dello studio “Dimostrano l’effetto contagio, l’effetto alone, di un programma di trattamento nei parenti dei partecipanti coinvolti in una procedura intensiva di dimagrimento, nonché una maggiore aderenza alla dieta mediterranea”, sottolinea il dottor Albert Goday. “L’effetto benefico del programma su un membro del nucleo familiare può essere esteso agli altri membri, il che è estremamente significativo in termini di riduzione del peso dell’obesità sul sistema sanitario pubblico”, spiega. I membri della famiglia non solo hanno perso peso, ma hanno anche migliorato la qualità della loro dieta.

Effetto del programma sui pazienti

Lo studio ha anche analizzato i risultati del programma PREDIMED-Plus in 117 pazienti. Rispetto ai partecipanti al gruppo di controllo, hanno perso 5,10 kg nel primo anno di intervento salendo a 6,79 kg nel secondo anno. Hanno anche aumentato significativamente i livelli di attività fisica, così come la loro aderenza alla dieta mediterranea.

###

Articolo di riferimento:

Zomeño, MD, Lassale, C., Perez-Vega, A. et al. Effetto alone di un intervento di perdita di peso in stile mediterraneo sul peso e sull’attività fisica dei membri della famiglia non trattati: uno studio prospettico. Int J Obes (2021). https: / doi. org / 10. 1038 / s41366-021-00763-z