Donne e diabete

L’obesità può influenzare i tempi della pubertà e gli ormoni nelle ragazze

acne, face, facial

Photo by Coconotas on Pixabay

Lo studio mostra che le ragazze con grasso corporeo in eccesso hanno sviluppato un seno completamente maturo più lentamente, ma hanno iniziato il ciclo prima

WASHINGTON – La pubertà sembra diversa, sia in termini di ormoni riproduttivi che di maturazione del seno, nelle ragazze con grasso corporeo totale in eccesso, secondo un nuovo studio pubblicato nel Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism della Endocrine Society .

Pubblicità e progresso

Studi precedenti hanno scoperto che le ragazze con obesità iniziano la pubertà e sperimentano il loro primo periodo mestruale prima rispetto alle ragazze con peso normale. Non è noto se il grasso corporeo in eccesso possa alterare non solo i tempi della pubertà, ma anche i livelli di ormone riproduttivo di una ragazza e lo sviluppo degli organi riproduttivi come il seno, le ovaie e l’utero.

“Abbiamo scoperto che tra la metà e la tarda pubertà, le ragazze con una maggiore quantità di grasso corporeo totale hanno dimostrato livelli più elevati di alcuni ormoni riproduttivi tra cui l’ormone follicolo-stimolante (FSH), l’inibina B e ormoni di tipo maschile come il testosterone. In alcune ragazze con un totale più alto grasso corporeo, livelli più alti di testosterone erano associati a cicli mestruali irregolari, acne e peli corporei in eccesso “, ha detto l’autore dello studio Natalie D. Shaw, MD, del National Institute of Environmental Health Sciences (NIEHS), parte del National Institutes of Health ( NIH) a Durham, NC “Nella tarda pubertà, le ragazze con maggiore grasso corporeo mostravano anche una maturazione del seno ritardata, come determinato dall’ecografia mammaria, e un menarca precoce. Non c’erano differenze nella maturazione delle ovaie o dell’utero in funzione del grasso corporeo. “

I ricercatori hanno studiato 90 ragazze tra gli 8 ei 15 anni (36 con obesità, 54 con peso normale) nel corso di quattro anni. Hanno calcolato il grasso corporeo totale utilizzando l’assorbimetria a raggi X a doppia energia (nota come scansione DXA), hanno monitorato la pubertà utilizzando la stadiazione di Tanner, condotto ecografie mammarie e pelviche, misurato i livelli di ormoni nei campioni di sangue e registrato l’età di ogni ragazza al suo primo periodo. I ricercatori hanno scoperto che le ragazze con grasso corporeo totale più elevato presentavano differenze nei livelli di ormone riproduttivo, sviluppavano seni maturi più lentamente e avevano il primo ciclo prima rispetto alle ragazze con grasso corporeo totale inferiore.

“Le conseguenze a lungo termine di queste differenze nei marcatori della pubertà meritano ulteriori studi”, ha detto Shaw.

Categorie:Donne e diabete

Con tag:,