Comunicazione

Indice di libertà accademica 2020

Libertà scientifica – solo per un quinto della popolazione mondiale

La libertà accademica è un diritto universale e fondamentale per un’istruzione superiore di qualità e per il progresso scientifico. “Ci sono molti impegni personali da parte di stati e istituzioni per sostenere e salvaguardare la libertà accademica, ma l’Academic Freedom Index dimostra che le università sono sotto pressione in molti paesi in tutto il mondo”, ha detto Katrin Kinzelbach della Friedrich-Alexander-Universität Erlangen-Nürnberg ( FAU). “Naturalmente, ci sono grandi differenze tra i paesi, ma nel complesso abbiamo scoperto che solo il 20% circa della popolazione mondiale vive in paesi in cui la libertà accademica è ben protetta”.

Pubblicità e progresso

L’Academic Freedom Index (AFi) è il risultato di una collaborazione tra ricercatori in Germania e Svezia, oltre a più di 2000 esperti nazionali di tutto il mondo. “L’Academic Freedom Index 2020 copre 175 paesi e territori in tutto il mondo, rispetto a 144 paesi nel 2019. In uno sforzo altamente collaborativo, studiosi di tutto il mondo hanno valutato un’importante precondizione per il proprio lavoro: la libertà indispensabile per la ricerca scientifica, “ha spiegato Staffan I. Lindberg del V-Dem Institute di Göteborg. I dati codificati dagli esperti vengono aggregati utilizzando un modello di misurazione bayesiano personalizzato.

Dal 2019 al 2020, il calo maggiore dei livelli di libertà accademica è stato osservato in Bielorussia, Hong Kong, Sri Lanka e Zambia. Per spiegare questi sviluppi, Ilyas Saliba ha osservato che “nella maggior parte dei paesi in cui la libertà accademica è diminuita in modo significativo rispetto al 2019, il deterioramento può essere ricondotto a nuove normative che limitano la libertà di ricercare, insegnare e pubblicare, o ad atti politici repressivi contro i movimenti pro-democrazia con una forte base tra studenti e docenti “. Saliba ha anche aggiunto che “le forme digitali di istruzione facilitano la sorveglianza e molto probabilmente incentivano l’autocensura in contesti repressivi”.

Scavando nei dati, Janika Spannagel ha sottolineato che “la libertà degli studiosi di esprimersi su questioni politicamente salienti è sotto forte pressione: il punteggio medio globale per questo indicatore è in costante calo dal 2013. Riteniamo che ciò possa essere in parte attribuito all’aumento polarizzazione politica nelle società di tutto il mondo “. Inoltre, i dati mostrano anche un chiaro deterioramento dell’integrità del campus nei singoli paesi. “Questo indicatore valuta la misura in cui i campus sono esenti da sorveglianza o violazioni della sicurezza. Ad esempio, tra il 2019 e il 2020, l’integrità del campus è diminuita drasticamente in Bielorussia e anche in Polonia”. Il Gambia, invece, è un paese su una traiettoria positiva. “L’indicatore AFi con il punteggio più alto per il Gambia è quello degli studiosi

I dati dettagliati che compongono l’Academic Freedom Index aggregato sono disponibili online dopo il 10 marzo e sono accessibili anche tramite strumenti di visualizzazione online. I dati possono essere utilizzati da studiosi per ulteriori studi sulla libertà accademica, ma anche da dirigenti universitari, finanziatori di ricerca e responsabili politici per informare la scienza e la politica dell’istruzione superiore, nonché per strategie di gestione del rischio e decisioni operative quotidiane su dove adottare misure di salvaguardia aggiuntive contro le infrazioni.

###

sfondo

L’AFi è stato sviluppato congiuntamente da ricercatori della Friedrich-Alexander-Universität Erlangen-Nürnberg, del V-Dem Institute dell’Università di Göteborg e del Global Public Policy Institute, lavorando in stretta collaborazione con Scholars at Risk Network. L’Academic Freedom Index fornisce dati di serie temporali globali (1900-2020) sui livelli nazionali di libertà accademica. È compilato da cinque indicatori, ciascuno dei quali misura una diversa dimensione della libertà accademica: (1) libertà di ricerca e insegnamento, (2) libertà di scambio e diffusione accademica, (3) autonomia istituzionale, (4) integrità del campus e (5) ) libertà di espressione accademica e culturale.

Giovedì 11.03.2021 alle 14: 00-15: 00 CET / 09: 00-10: 00 EST si terrà un briefing con la stampa online con una breve presentazione dei principali risultati in inglese.

Categorie:Comunicazione

Con tag:,