Vista e dintorni

La malattia dell’occhio secco influisce negativamente sulla salute fisica e mentale e sulla vista

I pazienti che soffrono di sintomi della malattia dell’occhio secco hanno una qualità di vita inferiore rispetto a quelli senza sintomi, riporta un nuovo studio. I risultati hanno mostrato che i pazienti con la condizione hanno riportato effetti negativi sulla funzione visiva, sulla loro capacità di svolgere le attività quotidiane e sulla loro produttività lavorativa.

La malattia dell’occhio secco è una condizione comune e un motivo frequente per cui i pazienti cercano cure mediche. Può colpire persone di qualsiasi età, ma è più diffuso nelle donne e negli anziani. I sintomi includono irritazione e arrossamento degli occhi, visione offuscata e sensazione di granulosità o corpo estraneo negli occhi. È stato riferito che fino a un terzo degli adulti di età superiore ai 65 anni ha la condizione, sebbene il numero effettivo sia probabilmente più alto in quanto non esiste un test diagnostico stabilito e le persone con sintomi lievi hanno meno probabilità di segnalarli al proprio medico.

Pubblicità e progresso

Il trattamento spesso prevede la prescrizione di lacrime artificiali, lubrificanti oculari e astringenti, che hanno un costo per il SSN; nel 2014 sono stati prescritti 6,4 milioni di articoli per un costo di oltre 27 milioni di sterline.

Questo nuovo studio, guidato dall’Università di Southampton, si proponeva di esplorare come la malattia dell’occhio secco influenzi la vita degli adulti nel Regno Unito attraverso un sondaggio online su mille pazienti con la condizione e altri mille senza. I partecipanti hanno svolto un questionario dal National Eye Institute sulla loro funzione visiva e un questionario EuroQol sulla qualità della vita correlata alla salute. Coloro che hanno dichiarato di soffrire di malattia dell’occhio secco hanno anche risposto ad ulteriori domande per valutare la gravità dei loro sintomi.

I risultati, pubblicati sulla rivista BMJ Open , hanno mostrato che una percentuale maggiore di partecipanti con malattia dell’occhio secco aveva problemi di mobilità e sperimentato più difficoltà nelle loro attività quotidiane rispetto ai pazienti senza la condizione. I sondaggi hanno anche rivelato che avevano maggiori probabilità di soffrire di ansia e depressione.

Quelli con i sintomi più gravi hanno maggiori probabilità di sperimentare un impatto negativo sul loro funzionamento sociale ed emotivo e sulla produttività lavorativa, inclusa la perdita di più tempo dal lavoro a causa dei loro sintomi.

Il dottor Parwez Hossain, professore associato in oftalmologia presso l’Università di Southampton, ha condotto lo studio. Ha detto: “Questo studio ha fornito alcune informazioni molto utili sul peso che la malattia dell’occhio secco pone sui pazienti. Oltre a confermare l’impatto sul lavoro e sulla vita sociale, abbiamo anche scoperto che l’entità degli effetti è coerente con la gravità dei sintomi. Abbiamo anche scoperto che i partecipanti con sintomi di malattia dell’occhio secco avevano molte più probabilità di soffrire di altre comorbidità, il doppio di coloro che soffrivano di artrite, perdita dell’udito o malattie dell’intestino irritabile rispetto alla coorte senza sintomi.

“Anche se non possiamo trarre associazioni causali attraverso questo studio, la presenza della malattia dell’occhio secco sembra avere un impatto sulla salute di un individuo e sulla qualità della vita correlata alla vista”.

Sebbene entrambi i gruppi abbiano riportato livelli simili di utilizzo e lettura dello schermo digitale, la coorte con i sintomi ha riportato una maggiore esposizione a fattori ambientali come l’aria condizionata, il riscaldamento forzato o l’inquinamento atmosferico. Il team di ricerca ritiene che questi fattori potrebbero contribuire alla malattia dell’occhio secco o essere notati maggiormente dai malati.

Categorie:Vista e dintorni

Con tag:,