Mangiare

Aumentare la tua “salute intestinale” sembra fantastico. Ma questa tendenza al benessere è vaga e spesso fraintesa

Se cammini lungo il corridoio del supermercato, potresti essere tentato da cibi commercializzati come buoni per il tuo intestino. Poi ci sono i molteplici blog sulla salute su come migliorare, sostenere o mantenere la tua “salute intestinale”.

Ma cosa significa “salute intestinale”? È l’assenza di malattia? Non è gonfiore? O è qualcosa di completamente diverso? E quanto è forte l’evidenza che i prodotti per la “salute intestinale” fanno effettivamente la differenza?

Pubblicità e progresso

Come spieghiamo nel nostro articolo appena pubblicato sulla rivista Lancet Gastroenterology & Hepatology , anche i ricercatori non hanno ancora individuato una definizione. Ecco cosa sappiamo finora.

Cosa dice la scienza?

Sappiamo che l’intestino è importante per la nostra salute e il nostro benessere generale. E quando diciamo “intestino”, di solito intendiamo l’intestino crasso, la regione del tratto gastrointestinale dove vive la maggior parte del nostro microbioma intestinale.

Il nostro microbioma intestinale è costituito dai microbi residenti nell’intestino. E stanno emergendo prove che questo influisce su tutto, dal modo in cui il nostro corpo elabora lo zucchero nella nostra dieta, al nostro rischio di cancro, depressione e demenza.

Ricordamelo ancora, cos’è il microbioma?

Ma non c’è un chiaro accordo su cosa significhi effettivamente “salute intestinale”. I ricercatori non usano molto il termine nella letteratura medica. Quando lo fanno , sembrano riferirsi a no:

  • sintomi gastrointestinali indesiderati (come dolore o diarrea)
  • malattia (come il morbo di Crohn o il cancro del colon), o
  • caratteristiche intestinali negative (come infiammazione, carenza di alcune molecole o squilibrio nel microbioma), che sono quasi impossibili da diagnosticare con precisione.

Da nessuna parte ricercatori o gastroenterologi (medici specializzati nell’intestino) menzionano vantaggi estetici, come una pancia liscia e piatta o una pelle luminosa, nonostante ciò che potrebbero suggerire gli articoli di riviste .

 

Allora, qual’è il problema?

Ci sono due problemi principali con i prodotti o gli elenchi di alimenti che dichiarano di essere buoni per la “salute intestinale”.

In primo luogo, tali affermazioni non sono supportate da forti prove scientifiche. In secondo luogo, queste affermazioni sono semplicistiche.

Mentre una dieta sana è senza dubbio un contributo essenziale alla buona salute, incluso del sistema gastrointestinale, sono i modelli alimentari e le abitudini generali, non i singoli alimenti, a spostare il quadrante.

 

Prendiamo la fibra come esempio

La fibra è un componente dietetico annunciato come un eroe della salute intestinale . In effetti, ci sono prove convincenti che dimostrano i benefici per la salute di una dieta ricca di fibre , per il tratto gastrointestinale e anche più in generale (ad esempio, un rischio ridotto di malattie cardiache e diabete).

Eppure la maggior parte delle persone nei paesi occidentali  non mangia abbastanza fibre alimentari .

Ciotola di cereali ad alto contenuto di fibre

È improbabile che una ciotola di cereali per la colazione ad alto contenuto di fibre da sola aiuti la tua ‘salute intestinale’ se la tua dieta o stile di vita generale è un problema. www.shutterstock.com

Tuttavia, la storia poco raccontata è che gli alimenti contengono più tipi di fibre alimentari, ciascuna con effetti diversi sulla funzione intestinale (e sul suo microbioma).

Non sappiamo se tutti i tipi di fibra siano essenziali o benefici. Almeno negli animali, una quantità eccessiva di alcune fibre potrebbe colpire l’intestino crasso , causando malattie infiammatorie.

Quindi sì, mangia cibi ricchi di fibre (inclusi cereali integrali, frutta, verdura, legumi e noci). Ma fallo come parte di una dieta varia, non sovraccaricando solo uno o due alimenti o prodotti commerciali che pretendono di migliorare la tua “salute intestinale”.

Siamo tutti individui

È probabile che la dieta ottimale per il tuo intestino e per la tua salute generale sia altamente individuale. Ciò che è meglio per una persona potrebbe non esserlo per l’altra.

Ampi studi sull’uomo mostrano che il microbioma intestinale può essere il principale motore di questa individualità , responsabile di parte della variabilità nel modo in cui persone diverse metabolizzano il cibo.

Tuttavia, come abbiamo scritto prima , non è ancora possibile definire il microbioma perfetto o come ottenerne uno. Ciò che è chiaro è che è improbabile che qualsiasi prodotto raggiunga questo obiettivo comunque.

 

Allora, dove ci lascia questo?

Se accettiamo che il concetto di “salute intestinale” abbia molte sfumature, cosa succederà?

Ci sono buone prove che la salute del tratto gastrointestinale e il suo microbioma sono importanti per la salute generale , e sicuramente l’assenza di dolore e malattie aumenta il nostro benessere.

Ma piuttosto che concentrarci su un alimento, l’evidenza di ciò che è meglio per il nostro intestino ci dice che faremmo meglio a cercare di migliorare la nostra dieta generale. Le linee guida nazionali per un’alimentazione sana includono universalmente il consiglio di mangiare una varietà di cibi, compresi quelli ricchi di fibre, e di evitare l’eccessivo consumo di alcol.

Si applicano anche i principi generali di uno stile di vita sano: evitare l’abuso di sostanze (compreso il fumo, farmaci da prescrizione off-label e droghe illecite), fare esercizio fisico regolarmente, prendersi cura del proprio benessere mentale e gestire lo stress.

È probabile che tutti questi combinati siano più utili per la salute dell’intestino rispetto all’ultimo superfood o ai cereali in scatola.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione

Categorie:Mangiare

Con tag:,