Ricerca

Diabete tipo 2: L’insulina aumenta prima che le cellule sviluppino resistenza, suggerisce una nuova ricerca

Emanuel Fryk.

I ricercatori dell’Università di Göteborg, in Svezia, hanno ora presentato risultati che potrebbero cambiare la nostra visione di base di come si manifesta il diabete di tipo 2. Il loro studio indica che gli acidi grassi liberi (FFA) nel sangue innescano il rilascio di insulina anche a un livello normale di zucchero nel sangue, senza un’evidente insulino-resistenza non compensata nelle cellule adipose. Inoltre, i ricercatori dimostrano la connessione con l’obesità: la quantità di FFA dipende in gran parte da quanti chili in più di tessuto adiposo trasporta una persona, ma anche da come il corpo si adatta all’aumentata adiposità.

In tutto il mondo, sono in corso ricerche approfondite per chiarire esattamente cosa accade nel corpo con il progredire del diabete di tipo 2 e perché l’obesità è un fattore di rischio così enorme per la malattia. Per quasi 50 anni, i ricercatori sul diabete hanno discusso la loro versione della domanda della gallina o dell’uovo: cosa viene prima – resistenza all’insulina o livelli elevati di insulina? L’ipotesi dominante è stata a lungo che il pancreas aumenti la sua produzione di insulina perché le cellule sono già diventate resistenti all’insulina e quindi lo zucchero nel sangue aumenta. Tuttavia, i risultati ora pubblicati sulla rivista EBioMedicine supportano l’idea opposta: che sia l’insulina che aumenta per prima.

Pubblicità e progresso

Indagini dettagliate

Lo studio indica che alti livelli di FFA nel sangue dopo il digiuno notturno aumentano la produzione di insulina al mattino. Gli FFA fanno parte da tempo della principale equazione di ricerca per il diabete di tipo 2, ma ora si propone che abbiano anche un altro ruolo: nella progressione della malattia.

Per lo studio, i ricercatori hanno confrontato il metabolismo nel tessuto adiposo (accumulo di grasso) tra 27 soggetti di ricerca accuratamente selezionati (nove di peso normale, nove con obesità e zucchero nel sangue normale e nove con obesità e diabete di tipo 2 progredito). Per diversi giorni sono stati sottoposti a esami approfonditi in cui sono stati prelevati campioni in condizioni variabili. I ricercatori hanno analizzato il metabolismo e l’espressione genica nel grasso sottocutaneo dei partecipanti e i livelli di zucchero nel sangue, insulina e FFA nel sangue.

Gli FFA sembrano innescare la produzione di insulina

Le persone con obesità ma non diabete hanno dimostrato di avere gli stessi normali livelli di zucchero nel sangue degli individui sani di peso normale.

“È interessante notare che i non diabetici con obesità avevano livelli elevati sia di acidi grassi liberi che di insulina nel sangue e quei livelli erano simili o superiori ai livelli che siamo stati in grado di misurare nel sangue dei partecipanti con obesità e diabete di tipo 2, “dice Emanuel Fryk, medico residente specializzato in medicina generale e dottorando presso l’Accademia Sahlgrenska, Università di Göteborg, che è uno dei primi autori dello studio.

In collaborazione con i ricercatori dell’Università di Uppsala, ha osservato lo stesso modello in uno studio sulla popolazione basato su campioni di sangue prelevati da 500 persone dopo un digiuno notturno.

“Il fatto che abbiamo visto un legame tra gli acidi grassi liberi e l’insulina anche lì suggerisce che gli acidi grassi sono collegati al rilascio di insulina e contribuiscono all’aumento della produzione di insulina a stomaco vuoto, quando la glicemia non è aumentata”, afferma Fryk , che tuttavia sottolinea che la scoperta deve essere confermata con ulteriori ricerche.

Ricerca continua

Gli acidi grassi liberi si trovano naturalmente nel flusso sanguigno e, come il glicerolo, sono un prodotto del metabolismo dei grassi del corpo. Nei soggetti, la quantità di glicerolo rilasciata si è dimostrata sostanzialmente la stessa per chilo di grasso corporeo, indipendentemente dal fatto che fossero di peso normale, obesità da sola o anche diabete di tipo 2.

“La nostra ipotesi è che gli acidi grassi liberi aumentino nel sangue perché il tessuto adiposo non può più immagazzinare l’energia in eccesso. Crediamo, in tal caso, potrebbe essere un segno precoce di diabete di tipo 2 incipiente. Se i nostri risultati saranno confermati. quando vengono utilizzati altri metodi di ricerca, potrebbe esserci la possibilità che alcuni acidi grassi specifici possano essere sviluppati in biomarcatori. Ma è molto lontano “, dice Fryk.

Lo stile di vita è cruciale

Il diabete è una delle malattie più comuni, con circa 500.000 persone colpite in Svezia. Ci sono anche un gran numero di casi non rilevati, poiché molti con diabete di tipo 2 non sono ancora consapevoli di essere malati. I diabetici corrono un rischio maggiore per una serie di condizioni gravi, come le malattie cardiovascolari (che possono provocare infarti e ictus).

“Ci sono molti fattori che contribuiscono alla progressione del diabete di tipo 2, ma è il nostro stile di vita che ha, in termini assoluti, l’impatto maggiore per la maggior parte delle persone. Il nostro studio fornisce un altro argomento sul fatto che la cosa più importante che puoi fare per rallentare la progressione del diabete è cambiare il tuo stile di vita nelle prime fasi della progressione della malattia, prima che la glicemia aumenti, dice Fryk.

###

Titolo: L’iperinsulinemia e l’insulino-resistenza negli obesi possono svilupparsi come parte di una risposta omeostatica a livelli elevati di acidi grassi liberi: un caso-controllo meccanicistico e uno studio di coorte basato sulla popolazione; EBioMedicine . Link all’articolo: https: / www. thelancet. com / action / showPdf? pii = S2352-3964% 2821% 2900057-8

Categorie:Ricerca

Con tag:,