Mangiare e bere

La pulizia ad ultrasuoni dell’insalata potrebbe ridurre i casi di intossicazione alimentare

close-up, pasta, pesto

Photo by Pexels on Pixabay

Un nuovo studio ha dimostrato che i flussi d’acqua che trasportano suoni e bolle d’aria microscopiche possono pulire i batteri dalle foglie di insalata in modo più efficace rispetto agli attuali metodi di lavaggio utilizzati da fornitori e consumatori. Oltre a ridurre l’intossicazione alimentare, i risultati potrebbero ridurre lo spreco di cibo e avere implicazioni per la crescente minaccia di resistenza antimicrobica.

L’insalata e le verdure a foglia verde possono essere contaminate da batteri nocivi durante la coltivazione, la raccolta, la preparazione e la vendita al dettaglio, provocando focolai di intossicazione alimentare che possono essere fatali nei gruppi vulnerabili.

Pubblicità e progresso

Poiché non esiste un processo di cottura per ridurre la carica microbica nelle insalate fresche, il lavaggio è fondamentale per il fornitore e il consumatore.

Il lavaggio con sapone, candeggina detergente o altri disinfettanti è sconsigliato e le fessure nella superficie fogliare significa che il lavaggio con acqua naturale può lasciare una dose infettiva sulla foglia. Anche se vengono utilizzati prodotti chimici, potrebbero non penetrare nelle fessure.

In questo nuovo studio, pubblicato sulla rivista Ultrasound in Medicine and Biology, gli scienziati hanno utilizzato flussi di acqua acustica per pulire le foglie di spinaci, quindi hanno confrontato i risultati con le foglie sciacquate con acqua normale alla stessa velocità.

Il professor Tim Leighton dell’Università di Southampton, che ha inventato la tecnologia e guidato questa ricerca, spiega: “I nostri flussi d’acqua trasportano bolle microscopiche e ultrasuoni fino alla foglia. Là gli ultrasuoni creano campi sonori sulla superficie delle foglie e all’interno delle fessure fogliari, che attirano le microbolle verso la foglia e nelle fessure. Gli ultrasuoni fanno anche increspare molto rapidamente le pareti delle microbolle, come le cellule ciliate delle ciglia attorno a un batterio stesso, provocando il movimento di forti correnti nell’acqua circostante la bolla, e spazza via i microbi dalla foglia, in effetti facciamo un “super-batterio” dalla bolla d’aria stessa: i batteri e il biofilm, e le bolle stesse, vengono poi risciacquati dalla foglia, lasciandola pulita. ”

I risultati hanno mostrato che la carica microbica sui campioni puliti con i flussi acustici per 2 minuti era significativamente inferiore sei giorni dopo la pulizia rispetto a quelli trattati senza ultrasuoni. La pulizia acustica, inoltre, non ha causato ulteriori danni alle foglie e ha mostrato il potenziale per prolungare la durata di conservazione degli alimenti, con importanti implicazioni economiche e di sostenibilità.

Migliorare il modo in cui i fornitori di alimenti puliscono i prodotti freschi potrebbe avere un ruolo importante da svolgere nella lotta alla minaccia della resistenza antimicrobica. Nel 2018 e nel 2019 si sono verificati focolai fatali di diversi ceppi di E. coli dalla lattuga romana negli Stati Uniti e in Canada e campioni di esseri umani infetti hanno mostrato resistenza agli antibiotici.

Università di Southampton Ph.D. la studentessa Weng Yee (Beverly) Chong, che faceva parte del gruppo di ricerca, ha aggiunto: “Sono molto grata a Vitacress e all’EPSRC per aver finanziato il mio dottorato di ricerca. Vengo da un background ingegneristico e ho seguito i corsi del professor Leighton, ma lui mi ha detto che potrei essere uno studente di dottorato transdisciplinare e diventare un microbiologo aumentando le mie capacità ingegneristiche. Sono anche molto grato a Sloan Water Technology che hanno aperto i loro laboratori all’uso da parte di studenti come me, in modo che Posso continuare a lavorare sui miei esperimenti. È un ambiente entusiasmante in cui lavorare perché stanno facendo un lavoro così creativo per combattere la pandemia e le infezioni nel loro insieme “.

In precedenza come parte del suo dottorato di ricerca. Beverly ha studiato come la tecnologia potrebbe ridurre il rischio di infezione per cavalli e altri animali attraverso la pulizia del fieno.

Il lavoro è stato sponsorizzato da Vitacress, il cui direttore tecnico del gruppo Helen Brierley ha dichiarato: “Garantire la sicurezza alimentare dei nostri prodotti è un requisito essenziale. In Vitacress, laviamo i nostri prodotti in acqua di sorgente naturale e questo tipo di nuova tecnologia rivoluzionaria aiuta a migliorare il nostro processo garantendo al contempo il mantenimento del nostro impegno per la protezione dell’ambiente. Siamo sempre interessati a nuovi sviluppi e siamo entusiasti di vedere i risultati di questa ricerca “.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,