Equilibrio

Come affrontare un anno di burnout accumulato lavorando a casa

Nell’ultimo anno, le nostre vite hanno visto grandi cambiamenti che hanno portato molti di noi a provare un senso di esaurimento e esaurimento .

I più fortunati tra noi sono stati in grado di allontanarsi dal pericolo e lavorare da casa durante la pandemia. Ora passiamo le nostre giornate a guardare uno schermo, con gran parte della nostra comunicazione che avviene tramite videochiamate. Ciò ha portato a ciò che è stato definito ” affaticamento da zoom “, in cui il nostro cervello è esausto per l’eccessiva stimolazione.

Pubblicità e progresso

A parte l’affaticamento degli occhi di guardare uno schermo tutto il giorno (se non guardiamo un computer, spesso guardiamo la nostra TV o il nostro telefono), il nostro senso dello spazio viene interrotto dalle riunioni video. All’improvviso, tutti sono molto più vicini di quanto lo sarebbero in una riunione pre-pandemia.

Negli anni ’60, l’ antropologo Edward Hall descrisse come le nostre relazioni operano entro distanze socialmente accettate. Le relazioni intime e familiari strette avvengono entro un raggio di mezzo metro. Per gli amici intimi, questa distanza si estende a circa 1,2 metri.

La pandemia sta inviando al nostro cervello messaggi contrastanti. Con le videochiamate, i volti sono entro 50 centimetri da noi, e questo dice al nostro cervello che si tratta di amici intimi o intimi quando invece sono colleghi o estranei. Allo stesso modo, le regole di distanziamento sociale hanno costretto i nostri cari in un campo molto più lontano che di solito è riservato a persone che possiamo incontrare o conoscere socialmente, ma non molto bene: conoscenti piuttosto che amici.

Mentre il nostro cervello razionale comprende la distanza sociale, l’incapacità fisica di toccare e trattenere i nostri amici intimi e la famiglia può confonderci nel pensare che la distanza sia in qualche modo un rifiuto. Lo sforzo cognitivo per gestire questi messaggi contrastanti è faticoso.

Un ragazzo e una donna più anziana seduti alle due estremità di una panchina.
La pandemia ha incasinato il nostro senso di distanza. Kzenon / Shutterstock

Le videochiamate ci costringono anche a guardarci più di quanto siamo abituati a fare, e questo può farci sentire a disagio e farci preoccupare eccessivamente di come gli altri ci percepiscono.

Ma disattivare il video durante una chiamata può aumentare il burnout in altri modi: le persone possono sfruttare l’opportunità per controllare le e-mail o recuperare il ritardo su altri lavori durante l’ascolto. Questo multitasking è mentalmente drenante .

Siamo molto più efficienti quando lavoriamo su un’attività alla volta . Il nostro cervello risponde alla fine di un’attività e all’inizio di una nuova attività da segnali pre-appresi. Spesso questi segnali implicano il movimento fisico.

Questi sono in gran parte scomparsi: il pendolarismo quotidiano è l’assenza più ovvia per chi lavora da casa, ma camminare da e verso le riunioni consente anche al cervello e al corpo di prepararsi per il compito successivo. Al di fuori del lavoro, la corsa scolastica, l’andare in palestra e gli appuntamenti regolari aggiungono struttura e separazione dello spazio alla nostra vita.

 

L’offuscamento della casa e del lavoro non è solo dovuto al fatto di portare il nostro lavoro nelle nostre case, ma anche alle ore più lunghe che le persone riferiscono di lavorare. Essere incapaci o demotivati ??a prendere parte alle nostre attività abituali significa che le settimane e i fine settimana hanno iniziato a trasformarsi in un tempo illimitato, e le giornate invernali più brevi riducono la distinzione tra giorno e notte.

Come passare

Allora come possiamo affrontare questa sensazione di esaurimento e esaurimento?

Trascorri del tempo nella tua giornata lavorativa per chat informali non legate al lavoro. Le conversazioni quotidiane vanno da chiacchiere sul tempo a conversazioni più sostanziali sulle nostre vite.

Trova il tempo per queste conversazioni, magari organizza un pranzo online. Il diverso utilizzo della tecnologia aiuterà a rompere la monotonia e l’associazione degli schermi con il burnout. Inoltre, condividere lo spazio con i colleghi con cui sei più amichevole nella vita reale e che rientrano nella nostra indennità di spazio personale, rende l’incontro online meno stressante.

L’associazione di beneficenza Fight for Sight suggerisce una regola 20-20-20 in cui per ogni 20 minuti guardando uno schermo distogli lo sguardo a una distanza di 20 metri per 20 secondi per limitare l’affaticamento degli occhi. Ove possibile, durante le riunioni video, tenere la fotocamera spenta o passare alle telefonate e valutare se le riunioni devono durare un’ora intera.

Prima e dopo una riunione, alzati dalla scrivania, muoviti un po ‘per imitare il cammino da e verso le riunioni e cerca di inserire un giorno senza riunioni nella tua settimana lavorativa.

Una carrozza affollata sulla metropolitana di Londra.
Potresti perdere il tuo tragitto mattutino. Tania Volosianko / Shutterstock

Avere spazi distinti aiuta il nostro cervello a staccarsi psicologicamente dal lavoro. Se il tavolo da pranzo viene utilizzato come scrivania durante la giornata, spostare gli oggetti di lavoro fuori dalla vista alla fine della giornata. Potrebbe essere solo una scatola accanto al tavolo in cui posizionare gli oggetti di lavoro e che apri ogni mattina per contrassegnare l’inizio del lavoro.

Per limitare il multitasking e aumentare la concentrazione, chiudi schede e browser aggiuntivi, metti il ??telefono in modalità silenziosa e controlla e rispondi alle e-mail a orari prestabiliti.

Attenersi a una routine di iniziare e interrompere il lavoro alla stessa ora ogni giorno aggiungendo un finto pendolarismo – dove ti prepari e esci di casa prima di tornare indietro e iniziare a lavorare – può aiutare a creare una divisione mentale dello spazio.

Quando entriamo in primavera con giornate già evidenti più lunghe e luminose, è il momento perfetto per aumentare il tempo che trascorriamo all’aperto e per fare esercizio che è un ascensore naturale dell’umore.

Stare all’aria aperta ci aiuta a sentirci più connessi con gli altri, anche mantenendo le distanze sociali possiamo scambiarci dei convenevoli, o anche solo dei sorrisi, che possono aumentare il benessere .


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .

Categorie:Equilibrio

Con tag: